Dopo la nostra richiesta d’informazioni per un viaggio indipendente in Sicilia – sia su Facebook che Twitter – abbiamo ricevuto molti consigli e suggerimenti per quanto riguarda posti e zone da visitare. Tra questi è arrivato anche un guest post di Elisa, che proponiamo di seguito:

Sono una siciliana e amo la mia terra, credo che tra tutte le bellissime regioni italiane la Sicilia sia quella più completa in cui non manca mare, montagna, neve, campagna e storia. Insomma, un mix di arte e cultura unico al mondo. Data la mia passione per la Sicilia in questo articolo voglio elencare quelle che secondo me sono le 10 destinazioni da non perdere quando si viaggia in Sicilia. L’ideale  sarebbe affittare una macchina, ma alternativamente si può viaggiare in autobus o treno anche se devo ammettere che i servizi in questo settore non sono prorpio agili e soprattutto impiegano molto tempo.

Atterrando a Catania è possibile eseguire un tour in senso orario: Catania, Taormina, Monte Etna e Nebrodi, Siracusa, Ragusa, Agrigento, Palermo – da cui potete visitare Erice, Segesta, Monreale e Cefalù – ed Isole Eolie, con conseguente ritorno a Catania.

Taormina: definita la Perla del Mediterraneo, è un borgo collocato sulle pendici di una collina, a 206mt di altezza sul livello del mare, con vista sulla Calabria da un lato e l’Etna e il golfo di Giardini Naxos dall’altro. Taormina è un comune noto per il bellissimo teatro greco-romano e il mix di arte greca, romana e araba che la rendono così particolare e conosciuta al mondo intero. Nata come destinazione turistica negli anni è stata scelta da grandi attori e artisti di tutto il mondo come destinazione per trascorrere il periodo estivo. Da Taormina si possono visitare la vicina Castelmola, un bellissimo paesino sopra il paese, e le Gole dell’Alcantara.

Monte Etna: vulcano attivo più grande d’Europa, l’Etna è anche meta ininterrotta di visite di turisti interessati al vulcano e alle sue manifestazioni. Sono presenti infatti guide specializzate e mezzi fuoristrada che in tutta sicurezza portano fino ai crateri sommitali. Poco più a nord dell’Etna si possono visitare i monti Nebrodi.

Siracusa: Archimede, Platone e San Paolo amavano Siracusa, che è stata una delle città più importanti della Grecia antica e la più importante nella Sicilia greco romana. Il parco archeologico è enorme mentre la città antica, Ortigia, mantiene alcuni affascinanti tesori. La cattedrale della città è circondata da colonne di antichi templi, fenomeno tipico dei secoli del Cristianesimo. Famoso è anche un teatro greco dove ogni due anni si organizzano ancora le tragedie greche proprio come si usava fare nell’antica Grecia. Da Siracusa si possono organizzare delle gite a Ragusa, Noto, Ispica e Modica, famosa per la sua cioccolata.

Consigli su dove dormire in Sicilia su Taormina, Giardini Naxos, sul vulcano Etna a Siracusa:

  • il giardino Segreto B&B, Taormina – Costo alta stagione circa 70/90€ – Punteggio Booking 9.5
  • B&B Terre di Sicilia, Giardini Naxos – Costo alta stagione: circa 65€ – Punteggio Booking 9.5
  • Guest House Loriana, Milo, Monte Etna – Costo in alta stagione: circa 35€ – Punteggio Booking 9.3
  • Sleep in Sicily B&B, Siracusa Ortigia, Costo in alta stagione: circa 45€ – Punteggio Booking 8.6

Agrigento: è famosa per la bellissima Valle dei Templi. Personalmente credo che sia una delle aree archeologiche più belle del mondo, seconda solo all’Acropoli di Atene. Nella Valle dei Templi si cammina tra manufatti greci intatti e circondati da alberi di ulivo. A febbraio si svolge proprio qui il Festival dei mandorli in fiore. E’ infine possibile ammirare tempio più grande ed intatto dell’intera isola: il Tempio della Concordia.

AgrigentoPalermo: è il capoluogo della Sicilia e la città più grande dell’isola. La città è caotica ma ha il suo fascino arabo e di città del sud come forse nessun altra in Sicilia. Tra i monumenti da non perdere vi sono il Palazzo Normanno con la sua cappella Palatina Bizzantina (una piccola Monreale), monasteri e castelli, e la bellissima cattedrale con museo annesso.

Erice: qui si trova il Centro studi internazionali intitolato a Ettore Majorana, fondato dal fisico trapanese Antonino Zichichi,  che richiama gli studiosi più qualificati del mondo per la trattazione scientifica di problemi che interessano aree della scienza. Essa è costruita su una montagna e in questa cittadina si possono trovare influenze Fenicie, Normanne e Romane. Il periodo migliore per visitare Erice è durante il Venerdì Santo, per assistere alla celebre processione, un’esperienza unica nel suo genere.

Segesta: fondata dagli Elimi nella parte nord-occidentale della Sicilia, essa offre il tempio dorico forse meglio conservato di tutta l’isola. Segesta può essere vista in meno di un giorno accompagnata da una gita ad Erice.

Monreale: può rappresentare una gita di un giorno partendo da Palermo, assolutamente da non perdere. Il monumento più importante di Monreale è il Duomo, famoso in tutto il mondo per l’architettura in cui si uniscono stili del Nord Europa e arte Araba.

Cefalù: c’è chi la definisce la Taormina dell’ovest. Il monumento che ha reso famosa la città è la bellissima cattedrale Normanna dallo stile che si richiama a quello francese. Da non perdere l’antico tempio siculo costruito sulla roccia che guarda verso la città. La cittadina è di stampo tipicamente medievale, caratterizzata da piccole e strette stradine dove concedersi anche un po’ di shopping.

Consigli su dove dormire in Sicilia ad Agrigento, Erice, Segesta, Monreale, Cefalù:

  • B&B Anita, Agrigento – Costo alta stagione circa 50€ – Punteggio Booking 9.2
  • Erice Pietre Antiche, Erice – Costo alta stagione appartamento circa 75€ – Punteggio Booking 9.7
  • Agriturismo Antichi Granai, Calatafimi, Segesta – Costo in alta stagione: circa 70€ – Punteggio Booking 8.8
  • B&B al Giardino, Monreale, Costo in alta stagione: circa 70€ – Punteggio Booking 9.6
  • Difrontealmare Apartaments, Cefalù, Costo in alta stagione: circa 68€ – Punteggio Booking 8.3

Isole Eolie: ultima tappa di questo tour, le Isole Eolie si trovano a nord di Milazzo ed il periodo ideale per visitarle è nei mesi caldi. Sconsiglio agosto in quanto è difficile trovare alloggio ed i prezzi aumentano sensibilmente. Le spiagge sono bellissime e la cucina unica, soprattutto se si è amanti di frutti di mare e pesce. L’arcipelago delle Isole Eolie è composto da 7 isole: Alicudi, Filicudi, Lipari, Vulcano, Stromboli, Salina e Panarea. Si organizzano anche tour delle singole isole in barca a vela.

Ad ottobre visiteremo personalmente queste localita’, seguendo i consigli ricevuti, aggiornando il sito con commenti, foto, e recensioni.

Consigli su dove dormire nelle isole Eolie: Lipari, Vulcano, Stromboli, Panarea, Alicudi, Filicudi

  • B&B il Cappero, Cda Mendolita, Lipari – Costo alta stagione circa 70€ – Punteggio Booking 9.2
  • Casa Schimidt, Vulcano – Costo alta stagione appartamento circa 80€ – Punteggio Booking 8.6
  • Luna Rossa B&B, Ginostra, Stromboli, Costo in alta stagione: circa 45€ – Punteggio Booking 8.3
  • Appartamento Acquamarina, Panarea, Costo in alta stagione: circa 210€ – Punteggio Booking 9.2
  • Hotel Phenicusa, Hotel★★★ Filicudi, Costo in alta stagione: circa 85€ – Punteggio Booking 7.1
  • La Casa sul Mare,  Alicudi, Costo in alta stagione: circa 70€ – su airbnb

 

A proposito dell'autore

Marco

Viaggiatore per il mondo con oltre 90 nazioni visitate nei 5 continenti. La passione per i viaggi è accompagnata da quella per la fotografia. Fondatore e autore di NonSoloTuristi.it e ThinkingNomads.com

Post correlati

5 Risposte

  1. pippo ferrante

    Avete scordato Bagheria a due passi da Palermo, che si trova nel periplo dell’isola. La patria di Renato Guttuso, c’è un museo a lui dedicato con centinaia di opere, certamente tra i musei di arte contemporanea più importante del SUD con una sezione sui manifesti cinematografici unica nel suo genere. La villa Palagonia (la villa dei mostri) esemplare unico di architettura metaforica. Il Corso Umberto I, la strada protagonista del film di Giuseppe Tornatore Baarìa, il luoghi e gli angoli delle foto di Ferdinando Scianna che lo hanno reso famoso nel mondo… il mara, l’arco azzurro dei baci perugina, lo sfincione, le panelle, la gente.

    Rispondi
    • Donatella Fupe Poidomani

      Hanno scordato proprio tante cose e questo è positivo, perché se veramente dovessimo fare una lista di tutte le cose belle da vedere in Sicilia… Ci sarebbe solo una cosa da scrivere: Sicilia. Penso che si farebbe prima a dire i posti da non vedere

      Rispondi
  2. Giuseppe Patania

    La Sicilia è bellissima e non ci sono posti brutti che non vale la pena andarci, sono tutti degni di nota

    Rispondi
  3. Bed and Breakfast Modica

    La sicilia sud orientale merita almeno una intera settimana e non solo una giornata, come fanno molti turisti.
    Bisogna Modica, Ragusa Ibla, Scicli, Cava d’Ispica e tuffarsi nel mare di Montalbano da Punta secca a Marzamemi passando per Pozzallo

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata