Mare, montagna, campagna, luoghi isolati o a due passi dai centri turistici: non c’è vacanza che non possa essere goduta a pieno in campeggio.
Per chi ama la vita all’aria aperta, il camping poi è il massimo della vacanza.

Per chi è alla prima esperienza la spesa iniziale può essere costosa: occorre infatti procurarsi tenda, brandina, tavolino e sedie, ovvero l’equipaggiamento minimo necessario. A partire dalla seconda esperienza i costi iniziali sono in ogni caso matematicamente ammortizzati e si può godere di un significativo risparmio economico, considerando che la tariffa media di un campeggio è di gran lunga inferiore a qualsiasi altra modalità di soggiorno.

Oggi è comunque possibile acquistare ottima attrezzatura a prezzi vantaggiosi. Ne sono esempio i prodotti di Quechua il marchio Decathlon nato dall’amore per la montagna, che da 15 anni produce e distribuisce attrezzatura ed abbigliamento legati all’escursionismo sempre più innovativi, eco compatibili e dai prezzi accessibili.

Con Quechua è possibile scegliere la tenda che più soddisfa le proprie esigenze: la tenda Fresh, per chi ama godersi il fresco nelle calde giornate estive; la tenda Illumin, per chi dopo il tramonto vuole ancora un po’ di luce, la tenda Skyview per chi, invece di dormire, preferisce guardare le stelle, la tenda Easy, per chi, pur non avendo alcuna fretta, vuole partire velocemente e infine la nuovissima collezione di tende 2 Seconds, ideate per chi ama vivere in armonia con la montagna e all’aria aperta.

La parola d’ordine per chi fa campeggio è libertà, a partire dal vestiario, fatto di abiti semplici, scarpe basse, shorts, t-shirt e poco altro.

Tra le caratteristiche specifiche del campeggiatore c’è infine la volontà di socializzazione, di condivisione degli spazi, la disponibilità ad abbassare i livelli di privacy e tanta spensieratezza. Del resto, è vacanza, e in campeggio potrebbe persino capitare di vedere l’ impeccabile capoufficio girovagare in mutande!

A proposito dell'autore

Aritravelplan

Travel Planner per passione. Moglie e mamma adottiva di Calimero e Silente, viaggio da sola da quando ho 12 anni e voglio vedere tutto il mondo!

Post correlati

4 Risposte

  1. WYW

    Noi amiamo il campeggio oltre la bellezza della natura la gente in campeggio è amichevole e sempre sorridente, il ritmo è lento e felice. Noi abbiamo una mitica tenda gialla Quechua piccolissima con disegnato un orso con i capelloni che abbiamo chiamato: la tenda teddrix 🙂 bellissime parole le tue che parlano di condivisione, non si potrebbe spiegare meglio l’idea di campeggio o forse si: con il capoufficio in mutante!! 😉

    Rispondi
  2. Alfredo

    Considero la tenda un’immancabile compagna di un viaggio on the road in auto. Una casa portatile che una volta chiusa occupa pochissimo spazio e che in pochi minuti diventa pronta all’uso. Il campeggio inoltre ti permette di risparmiare davvero un sacco di soldi… che al giorno d’aggi non è male.

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata