Il più classico dei luoghi comuni la vuole grigia, piovosa e trafficata. Niente di più vero. Gli edifici moscoviti diventano spesso un tutt’uno con il cielo nuvoloso soprastante e salire in macchina in questa città comporta portarsi dietro una buona dose di pazienza e coraggio. Come tutti i luoghi comuni però, questa non è la sola verità.

Mosca nasconde, ma neanche più di tanto, tutta una serie di polmoni verdi che d’estate scoppiamo di bellezza e originalità. Noi siamo andati a scovarli, uno a uno. O meglio, stiamo iniziando visto che in totale Mosca conta 98 parchi e 18 giardini!

Tra le perle dell’estate moscovita c’è il Gorky Park. Situato in centro citta’ sulle sponde del fiume, il parco è uno dei posti più incantevoli di Mosca. Qui è possibile assaporare il meglio di ogni stagione. D’inverno il parco ospita un’immensa pista di pattinaggio con vere e proprie stradine. Andarci col buio è un’esperienza davvero notevole da fare all’aperto, quando le temperature sono sotto lo zero. Ma è d’estate che il parco dà il meglio di sé. La sensazione è quella di essere ad una sorta di carnevale, festival, sagra… tutto insieme! Non c’è angolo del parco che non vi sappia stupire: bar di design, suggestive terrazze, angoli picnic, giostre, concerti… una città nella città che non vi stancherà mai.

Altro gioiello in pieno centro è il Giardino Ermitage. Molto piu’ contenuto del Gorky, questo elegante parco urbano dallo stile parigino racchiude al suo interno tre teatri (tra cui l’omonimo Ermitage), stilosi bar, piste da ballo all’aperto, bancarelle di libri e artigianato e un meraviglioso parco giochi. Il tutto in mezzo a prati perfetti, fiori colorati e un’atmosfera rilassata e cool che vi farà dimenticare la frenesia del traffico cittadino pur essendo situato in pieno centro a Mosca.

Se invece volete esplorare i dintorni della città dirigetevi a sud-est di Mosca, dove troverete il parco-museo di Kolomensloe dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO. Situato sulle sponde del fiume su una serie di morbide colline dalle quali potrete vedere tutta la città, si tratta in realtà di un antico villaggio dichiarato parco negli anni Sessanta. Offre 380 ettari di vegetazione, prati puntellati da edifici sontuosi e luoghi di culto tra cui la bellissima Cattedrale dell’Ascensione.

A proposito dell'autore

Alicia Iglesias Cortes

Espatriata per amore sono stata catapultata da Milano alla Malesia, da Singapore a Londra nel giro di quattro anni. Ora vivo a Mosca con Ale e le nostre due bambine: Pippy nata nel 2010 e Piggy nata nel 2012.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: