Ho un nuovo nome tra i miei posti del cuore: Merano. Uno di quei luoghi in cui tornare, più e più volte,  sempre con un valido motivo. Cominciamo dal primo: bastano solo tre ore da Milano per approdare in un altro mondo. Merano è un altro pianeta. Ed è un microcosmo che incanta, coccola, conquista. Qui sembra funzioni tutto a meravglia: senza stress, senza frenesie e con una gentilezza diffusa molto rara altrove.

La prima tappa del mio fine settimana a Merano è stata la visita a Merano 2000. Se amate la neve questo è un posto da non perdere. Se invece non sciate, merita ugualmente qualche ora di permanenza, anche solo per godere del panorama. A soli 15 minuti dal centro della città, grazie a una funivia tra le più sofisticate in Europa, si approda alle piste dove è possibile praticare sci di fondo, scendere con lo slittino o anche solo passeggiare con le ciaspole.

Se passate in zona non dimenticate una tappa gastronomica al Bistrò Panorama per un aperitivo sfizioso: qui verrete deliziati da musica tradizionale dal vivo oltre che da taglieri di salumi e formaggi divini. Potreste poi prendere l’ovovia e in pochi minuti raggiungere la suggestiva Falzen e qui pranzare o cenare presso il ristorante Panorama. In questo delizioso posticino ho terminato la giornata con canederli e goulash, la cucina offre un’ampia gamma di golosità altoatesine e l’ambiente interno, molto grazioso, è interamente in legno.

Il giorno seguente Merano mi ha svegliata con una luce chiarissima, ancor più bella perchè riflessa dalle vetrate Liberty dell’Hotel Europa Splendid, centralissimo e decisamente confortevole. Ottima la colazione e l’accoglienza della struttura.

Approfittando di  qualche ora libera a disposizione, ho passeggiato senza meta con un’amica, lasciando che Merano, passo dopo passo, mi svelasse la sua anima “slow” e decisamente a misura d’uomo. Tra i portici  che si snodano in centro si trovano esercizi commerciali di ogni tipo, dalle botteghe storiche ai negozi più moderni, immersi in un’urbanistica particolare, che porta traccia di architetture diverse.

 

Merano

Merano

Merano

Tra le antiche meraviglie del centro non potete perdervi il negozio Runggaldier, dove il tempo si è fermato e abiti incantevoli, opere di maestrie artigiane, tramandano un’arte antica e una tradizione che non sembra voler morire. Pensate che tuttoggi, partecipando a un funerale altoatesino, notereste almeno una donna in abiti tradizionali.

Lasciatevi tentare dalle tante pasticcerie e non tralasciate le botteghe di fornai e le antiche posterie; potreste comprare il pane locale  – troppo buono, lo sogno ancora di notte  – succo di mela, speck, wurstel, meravigliosi canederli e tanto altro rigorosamente del posto.

Un vero e proprio centro di prelibatezze del Sud Tirol è il Pur di Merano. Qui oltre a poter fare un’ottima spesa potreste fermarvi per una pausa pranzo veloce. All’arrinunciabile dose di salumi e formaggi, ho aggiunto un minestrone delizioso.

Merano

Nulla di meglio dopo pranzo di una bella passeggiata. Rimanendo in città verrete sorpresi dalla moltitudine di percorsi proposti. La passeggiata di Inverno, quella dei Poeti, quella Coperta… Merano è la città che ha fatto dello star bene e del rigenerarsi una missione importante, avviata della Principessa Sissi che qui soggiornò a lungo. Un vero e proprio progetto urbanistico, con strutture ad hoc, è stato pensato a tal fine.

Parte imponente di questo progetto sono le Terme di Merano, tappa che non potete assolutamente saltare. Ci sono piscine esterne e interne, acque termali, zone relax, saune, bagno turco ed altro ancora.  Le terme sono studiate per accogliere adulti e piccini e a questi ultimi è riservata anche un’area bambini con baby sitter.

Merano

Rilassati al massimo, e con la fame tornata a farsi viva, il nostro sabato è terminato da Sissi, ristorante stellato di Andrea Fenoglio dove la massima qualità degli ingredienti si sposa con la voglia di esaltare le tradizioni in modo innovativo. Pensate che la sfera nella foto sotto è un microfilm di gelatina naturale che avvolge  tutti gli ingredienti di uno strudel destrutturato. Si sciogle in bocca e che non posso descrivervelo…. va provato.

IMG_2697

Ho il piacere di segnalarvi un altro posticino che non vi deluderà: il ristrante Sigmund,  a gestione familiare e con una storia antichissima. Qui ho provato delle eccellenti mezzelune al “shuttelbrot” fatte in casa ed è possibile anche soggiornare in stanze appena ristrutturate. Sia dalla Terrazza che dalla stube c’è una vista  spettacolare sulle passeggiate…

Se mentre leggete queste righe Merano vi ha fatto venire l’acquolina in bocca, e immaginate un posto in cui Natura, Gastronimia e Benessere si incontrano a meraviglia, è bene che aggiungiate un’altra nota positiva: la vivacità culturale di questa città. Pensate che a Merano sorge un Museo delle Donne  tra i più prestigiosi al mondo. Poche stanze, ma con opere di grande interesse; al momento ospita anche una mostra temporanea dedicata al ruolo della donna durante la Grande Guerra. Solo questa meriterbbe un viaggio a Merano.

Merano

In pieno centro, poi, noterete i lavori per l’allestimento e la ricostruzione della nuova sede del Museo Civico della città,  presso l’antico palazzo Mamming. Sarà pronto a Primavera inoltrata e ospiterà migliaia di opere d’arte. Se sarete così fortunati da vederlo ultimato, invece, vorrà dire che sarete in città durante la Primavera Meranense. Tra aprile e giugno sono numerosi i momenti e gli eventi di carattere culturale, gastronomico e sportivo già in programma. “Tirolo tra pentole e Fornelli “, ad esempio, festival dedicato al food con interessanti showcooking, degustazioni all’aperto, corsi di cucina e una bellissima festa finale in strada. Sempre in Aprile si svolgeranno le Corse Rusticane, la settimana delle erbe selvatiche e a Giugno lo Asfaltart, il Festival Internazionale d’Arte di Strada, giunto ormai alla nona edizione.

Mi fermo qui, Merano è come un gelsomino, profuma da lontano e vi avrà già conquistato.

Ulteriori informazioni: www.merano.eu.

Letture consigliate:

A proposito dell'autore

Mara Stragapede

Digital PR e Web Editor con una smodata passione per i viaggi (e per la pizza). Dopo una decina di diari segreti si è aperta al web e oggi condivide in rete esperienze e pensieri. Esperta di moda, scrive di lifestyle per TheOldNow.it e di viaggi per NonsoloTuristi.it.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: