A Villa Panza e Collezione Panza a Varese – bene del FAI, Fondo Ambiente Italiano – dal 12 giugno al 28 febbraio 2016 potrete visitare la mostra Natura Naturansmostra che riflettere, in concomitanza con Expo Milano 2015 Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita, sul tema della natura come generatrice e fonte di vita, ma anche il modo con cui come l’uomo si relaziona con essa.

Villa_Panza_esterni_1

Si tratta di 28 piccole grandi installazioni disposte all’interno e all’esterno della villa (nei suoi splendidi giardini) a opera di due artisti americani di generazioni diverse ma accomunati dalla stessa idea di natura come ciclo continuo di crescita e decadimento: Roxy Paine e Meg Webster. Lui utilizza un linguaggio preciso fatto di regole e limitazioni, lavora seguendo il principio della riproduzione attraverso l’utilizzo di materiali sintetici, colonizzando così gli ambienti con opere che riproducono fiori, piante e funghi anche e interpretando dunque la natura anche come “alterazione della mente umana”; lei invece si focalizza sui materiali grezzi che lavora per dar vita a una natura armonica realizzando veri e propri omaggi dedicati alla terra, che altro non è se non una sorgente instancabile di vita.

Nella mostra troverete alcuni lavori appositamente costruiti in Villa mentre altri provengono da importanti istituzioni internazionali come il Solomon R. Guggenheim Museum oppure il Whitney Museum of American Art di New York o la New School for Social Research di New York e altri ancora da collezioni private e dalla Panza Collection Archive di Mendrisio.

Ecco alcune tra le opere più suggestive che potrete ammirare alla mostra Natura Naturans.

Cone of Water di Meg Webster: un’installazione creata a posta per il cortile d’onore di Villa Panza e che intende rappresentare come il mondo naturale compenetri e si integri alla perfezione con quello artificiale. Il gioco di riflessi di questa opera è davvero emozionante e rende benissimo l’idea di un tutto armonico, come se si creasse quasi un microcosmo.

Cone_of_Water_Meg_Webster

Crop (Poppy Fiedl) di Roxy Paine: in quest’opera c’è ancora il richiamo alla natura come elemento in grado di interferire con la percezione della realtà e che si evince anche dalla scelta della tipologia della pianta. Si tratta di una zolla di terra in cui sono riprodotti realisticamente dei papaveri con materiali sintetici. Il limite tra realtà e finzione è quasi impercettibile e rende l’opera unica.

Crop_Poppy_Fiedl_Roxy_Paine

Trovate ulteriori approfondimenti sulle opere visionarie in mostra su EnogastronoVie, mentre per avere altre informazioni su orari e costi del biglietto visitate il sito del FAIfondoambiente.it.

La mostra Natura Naturans è sostenuta dal Gruppo JTI (Japan Tobacco Inc.) che crede e investe nell’arte e si impegna a valorizzare tutte le iniziative culturali e artistiche di Villa e Collezione Panza a Varese.

A proposito dell'autore

Valentina Macciotta

Sono orgogliosamente sarda e milanese di adozione. Lavoro come SEO Copywriter e Community Manager Freelance, coltivando le mie più grandi passioni: i viaggi, la scrittura e la fotografia. Ho un diploma da sommelier e un blog personale in cui parlo dell'Italia da vedere e da gustare: www.enogastronovie.it. Amo l'Italia, ma ho la valigia sempre pronta per viaggiare e scoprire nuovi luoghi di cui innamorarmi! Collaboro da tempo come blogger e PR per Non Solo Turisti.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata