Abbiamo deciso di trascorrere le nostre vacanze in Grecia e ci apprestiamo a scegliere quale, fra le tante isolette, sarà la nostra meta… ma facciamo fatica a deciderci perché, a parte per qualche consiglio di amici, ci sembrano tutte uguali!

Per non limitarci a scegliere l’isola in base ai collegamenti aerei o a quello che ci suggeriscono le pubblicità, proviamo a fare qualche ricerca. Finisce così che decidiamo di trascorrere la nostra settimana in una determinata isola piuttosto che in un’altra, facendo generalmente un ottimo affare in ogni caso perché, comunque, siamo in Grecia e il mare è splendido, così come i tramonti.

Se però è la prima volta che vi recate su un’isola circondata dall’Egeo e non volete rischiare, Santorini è la destinazione ideale.

Santorini, Grecia

Santorini, l’isola dell’amore. Ma non bisogna precludersi la scoperta di questa splendida isola solo perché si è in vacanza con la migliore amica o con il cugino: la splendida terra delle Cicladi è definita “l’isola dell’amore”, ma è anche identificata da molti con Atlantide e ha tanti altri pregi. Se però il problema non è solo quello della compagnia, ma abbiamo paura dell’alto numero di turisti che solitamente l’isola attrae d’estate, ecco alcuni suggerimenti per riuscire a visitare questo splendido luogo godendosi anche una certa tranquillità.

Per prima cosa parliamo del posto in cui alloggeremo. Se tra i nostri piani non c’è quello di divertirsi tutte le sere fino a tarda notte, allora possiamo evitare Oia e Fira, indubbiamente i paesi più belli, ma anche i più affollati. Perissa, nella parte sud-est dell’isola, può essere un’alternativa più tranquilla e autentica, anche se non è certo a Santorini che possiamo credere di trovare il posto più autentico e rappresentativo della Grecia.

Perissa - Santorini, Grecia

E ora passiamo alle spiagge: come si possono vedere le splendide distese di sabbia nera, rossa e bianca di Santorini ed evitare la folla? Difficilmente troveremo delle spiagge appartate e solo per noi, ma anche in questo caso ci sono delle buone alternative, soprattutto se disponiamo di un motorino o di un quad. La sabbia nera vulcanica più bella si può trovare sulla costa est dell’isola, in particolare nella zona di Perissa, ma c’è una spiaggia meno conosciuta – e meno fornita di servizi – che è quella di Vlychada, poco più a sud. Silenzio, sabbia fina, nera e brillante e un mare perfetto sono a vostra disposizione… ma meglio portarsi qualcosa da mangiare e acqua in abbondanza!

Kokkini Paralia - Santorini, Grecia

La sabbia rossa per eccellenza la troveremo a Kokkini Paralia, ma dopo qualche ora trascorsa ad ammirare la splendida scogliera rossa alle nostre spalle e a tentare di raggiungere il mare camminando sopra le pietre pungenti, sarà d’obbligo dirigersi verso la spiaggia bianca di Akrotiri servendosi della barca che parte proprio dalla spiaggia rossa.

Akrotiri - Santorini, Grecia

Da Oia, invece, bisogna assolutamente raggiungere, non senza qualche difficoltà, Ammoudi: meraviglioso il bagno fra gli scogli e, per i più temerari, anche il tuffo dalla grande roccia posta di fronte. Sembra difficile trovare un’alternativa valida al suggestivo – e veramente unico – tramonto di Oia, ma nemmeno ci si può perdere nemmeno quello di Pirgos, magari sorseggiando un buon vino alla Santo Wines Winery.

Ammoudi - Santorini, Grecia

Pirgos - Santorini, Grecia

Santorini, quindi, non è l’isola dell’amore destinata solo alle coppiette, né l’isola confusa e piena di gente che immaginiamo. Santorini è l’isola della bellezza e chiunque dovrebbe andarci almeno una volta per ammirarla con i propri occhi.

Foto di copertina: Santorini, di Mariusz Kluzniak

A proposito dell'autore

Clarissa Silvestrin

Ennesima viaggiatrice che non riesce a fare a meno di comunicare ciò che vede e di spingere tutti a girare il mondo. Laureata in Storia dell’Arte e in Turismo, sfrutto le mie passioni per spostarmi continuamente dalla mia piccola Treviso. Il mio sogno? Visitare tutti, ma proprio tutti, gli stati del mondo.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata