Il viaggio negli Stati Uniti è da sempre il sogno della maggior parte delle persone, ma come per ogni viaggio bisogna organizzarlo per tempo soprattutto per quanto riguarda la parte burocratica, evitando cosi spiacevoli inconvenienti.

Per recarsi negli States oltre al passaporto obbligatorio è necessario richiedere l’ESTA (Electronic System for Travel Authorization.

Dopo l’11 settembre, le misure di sicurezza per l’ingresso negli Stati Uniti si sono fatte, via via negli anni, sempre più stringenti. Per i cittadini di quei Paesi che fanno parte del Visa Waiver Program ovvero quei paesi in cui si può viaggiare senza il visto tra cui lItalia, occorre richiedere l’ESTA, obbligatoria dal 2009.

Foto bilwander

Il primo obiettivo dell’autorizzazione ESTA da parte del governo statunitense è quello di semplificare le pratiche doganali e dell’immigrazione, il secondo invece è di facilitare i viaggiatori provenienti dai paesi esenti della richiesta del visto tradizionale. Non è infatti più necessario recarsi in ambasciata per sbrigare le pratiche, ma basta fare una domanda online tramite un modulo specifico.

Per richiedere l’ESTA bisogna rispettare dei temi prestabiliti che corrispondono a 72 ore prima della partenza, altrimenti la richiesta non viene accettata. Quest’autorizzazione al viaggio si può utilizzare più volte, ma esiste una netta differenza tra la sua validità e la sua scadenza. La validità della ESTA è di soli tre mesi, o 90 giorni e non è possibile soggiornare per un periodo più lungo, altrimenti si dovrà procedere al rilascio di un visto. Mentre la scadenza è di due anni a decorrere dalla prima domanda compilata e segue la validità del passaporto.

I requisiti per poter richiedere quest’importante autorizzazione sono di essere in possesso di un passaporto elettronico, viaggiare per turismo o affari e ovviamente la durata del soggiorno non deve superare i 90 giorni. In alcuni casi la richiesta dell’ESTA viene rifiutata e le ragioni più frequenti sono le informazioni errate in fase di compilazione della domanda, la durata del soggiorno superiore ai giorni permessi, nazionalità non ammessa e precedenti penali come crimini e delitti gravi.

Per richiedere l’autorizzazione è opportuno rivolgersi ai professionisti del settore come agenzie di viaggio ad esempio, oppure sul sito ufficiale, la domanda richiede l’inserimento di dati personali, dati del passaporto e recapiti di contatto inoltre informazioni sulle condizioni di salute del viaggiatore in modo tale d’avere una scheda completa della persona che si recherà nel States in quel determinato periodo.

La domanda per l’autorizzazione ESTA non è a pagamento ma la sua convalida e l’invio alle autorità statunitensi lo sono e l’importo da pagare on-line è di 14 dollari.

Un viaggio da sogno come quello negli Stati Uniti non ha prezzo e richiedere quest’autorizzazione non comporta le solite trafile burocratiche l’unica cosa importante come in ogni viaggio rimane il fatto di partire informati per potersi godere al meglio i giorni in quel continente fantastico chiamato America.

A proposito dell'autore

Marco e Felicity

Marco e Felicity, in viaggio per il mondo dal 2004 con oltre 100 nazioni visitate in 5 continenti. Prima viaggiatori e poi travel blogger, sognatori e sempre in cerca di nuove avventure.

Post correlati

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: