Siamo partiti con solo qualche idea: volevamo fare un po’ di mare, ma allo stesso tempo andare in un posto fresco; volevamo visitare luoghi nuovi, ma anche rilassarci, volevamo mangiare bene e divertirci. Abbiamo scelto la Spagna, e si è rivelata una scelta azzeccata!
Due settimane di vacanza tra Catalogna, Paesi Baschi e Cantabria sono letteralmente volate ma ci hanno fatto apprezzare le molteplici tonalità di una Spagna sempre bellissima!
Prima tappa: Cadaques
Questo splendido paesino quasi al confine con la Francia ha creato la sua fama grazie al pittore Dalì, che qui visse durante la sua giovinezza. In realtà la bellezza del posto sta nel suo trovarsi sulla punta di un promontorio, uno di quei luoghi in cui non passi se non volontariamente, e nell’essere un villaggio di pescatori con casette imbiancate a calce e colorate solo dalle finestre blu e dalla bougainvillea fuxia. Due giorni di completa tranquillità, tra panorami bellissimi, mare cristallino e profumo di Grecia!
cadaques
Seconda tappa: Tossa de Mar
Dopo essere passati per Empuries, L’Escala e qualche altro paesino sulla costa, e dopo aver fatto una bellissima strada costiera, ecco Tossa de Mar, quasi all’improvviso, con le sue mura e le sue torri a picco sulla spiaggia, così romantica alla sera quando le luci sembrano farle da cornice. Anche qui due giorni sono volati passeggiando tra i vicoli, rilassandosi in spiaggia e vivendo l’incanto del posto. Un consiglio: perdetevi tra le stradine fino ad assaporare la magia della città vecchia delimitata dalle mura!
tossa-de-mar
Terza tappa: Tarragona
Arroccata su una collina rocciosa a picco sul mare, questa piccola Barcellona si è dimostrata una piacevole scoperta. Tra i resti romani sparsi per la città, la bella cattedrale, il centro storico e le spiagge di sabbia soffice e acqua trasparente, due giorni sono volati e ci hanno dato la possibilità di conoscere ed amare la storia di quel posto, forse spesso troppo offuscata dalla grandezza di Barcellona.
tarragona
Quarta tappa: Bilbao
Ebbene sì, dopo una settimana di caldo e di mare in Catalogna, abbiamo tagliato verticalmente la nazione e, in poche ore, abbiamo raggiunto Bilbao (se avete una macchina con aria condizionata il viaggio vi sembrerà velocissimo!). Il modo migliore per accorgersi di essere entrati nei Paesi Baschi è abbassare il finestrino e lasciarsi accarezzare da una temperatura ben più fresca rispetto a quella della Costa Brava!
Bilbao deve la sua fama al Museo Guggenheim, anche se, a mio parere, la bellezza della città è racchiusa in molti altri aspetti che spesso le guide turistiche dimenticano di sottolineare, dando invece troppo spazio al museo. La lunga e spaziosa passeggiata lungo fiume possiede infatti quel qualcosa di romantico che spesso si cerca in una fredda giornata di pioggia, e il casco viejo, il piccolo quartiere in cui sorge la cattedrale di Bilbao, racchiude alcune tra le vie più belle della città.
Un consiglio: visitate il casco viejo alla sera, quando i piccoli vicoli pedonali e la Plaza Nueva si riempiono di persone affamate di pintxos!
bilbao
Quinta tappa: Santander
Solo a cento chilometri di distanza da Bilbao, Santander si trova già in Cantabria e la sua bellezza è riassunta nella lunghissima passeggiata sul mare che dalla spiaggia del Sardinero raggiunge il porto. La bellezza del posto risiede però anche e soprattutto, nei luoghi circostanti: la costa a est con Laredo e Castro Urdiales e quella a ovest con Comillas e San Vincente de la Barquera. Da non perdere anche il paesino (purtroppo ormai troppo turistico) di Santillana del Mar e le grotte di Altamira, con la ricostruzione della “Neocueva” molto suggestiva!
santander
Sesta tappa: San Sebastian
Ultima tappa prima del rientro, sul confine con la Francia. San Sebastian deve la sua bellezza alla posizione, adagiata com’è all’interno di una baia semicircolare di sabbia dorata che cambia aspetto al variare delle maree. La Playa de La Concha, il casco viejo e il clima che si respira rendono questa una delle città più accoglienti e popolari del nord della Spagna. Da visitare assolutamente!
san-sebastian
Ecco solo un assaggio del nostro viaggio, il resto lo lascio a voi…andate e lasciatevi affascinare da una Spagna ogni giorno diversa!
Foto di copertina di Miguel-Angel Lavin

A proposito dell'autore

Cecilia_ParoleDiViaggi

Maestra della scuola primaria, credo fermamente che viaggiare e vivere posti nuovi sia il modo migliore per conoscere il mondo che ci circonda, ma soprattutto se stessi. Questo è ciò che insegno tutti i giorni ai miei alunni. L'obiettivo? Per ora cominciamo con il pianeta Terra...

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: