Da sempre, in lotta con la capitale Madrid, Barcellona si contende il titolo di “patria della movida spagnola”. Indipendentemente da questo, la città merita di certo una visita, anche solo per le tante anime che racchiude in sé, per la bellezza delle opere che custodisce e che la rendono unica al mondo e per la meraviglia del paesaggio circostante. Per non dimenticare poi le opere d’arte contemporanea disseminate e sparse qua e là, letteralmente ovunque possiate guardare e senza nulla togliere alla già citata vivacissima vita notturna.

Per prepararsi ad affrontare un giro intenso della città, non può mancare una ricca colazione a base di churros, cioccolata calda e spremuta d’arancia, che si possono trovare in ogni bar che si rispetti. Si può quindi iniziare a visitare la parte alta con il Parc Guell, che si raggiunge salendo una scala piuttosto ripida, ma la cui vista mozzafiato ripaga tutta la fatica fatta.

Si può camminare a lungo per il parco progettato da Gaudì, il cui stile avrete modo di apprezzare non poco a Barcellona, godendo del panorama e della vista del mare, ancora più visibili dalla terrazza. Si può prendere via Gracias  fino alle strade centrali, paradiso dello shopping. Proseguendo, si giunge a Casa Milà e, camminando ancora, a Casa Battlò, altri emblemi dell’espressione artistica di Gaudì, non ve ne pentirete, sono davvero uniche ed imperdibili!

Continuando il proprio giro, si può fare una tappa al Mercado de la Boqueria, dinamico ed allegro mercato coperto che occupa quasi l’intera piazza, in cui potrete acquistare specialità tipiche a prezzi ragionevoli (tra i pochi che troverete). Uscendo, vi troverete sulla Rambla, al cui centro potrete ammirare il mosaico di Mirò e perdervi tra le mille stradine e i negozietti, gustando tapas e piatti tipici nei tanti locali vivaci che si trovano, perfetti per trascorrere la serata bevendo sangria.

Se avete voglia, alla sera è molto scenico il Museo della Catalogna, vicino a Piazza di Spagna: regala uno spettacolo davvero unico tra fontane e giochi di luce.

Il secondo giorno può iniziare, invece, dalla Sagrada Familia, l’incredibile chiesa progettata sempre da Gaudì e ancora non terminata. Potrete poi passeggiare e attraversare l’Arc de Triof e il Parc de la Ciutadella, fino ad arrivare al mare. Da qui si può anche camminare per un tratto lungo la costa e anche qui si trovano molte sculture contemporanee oltre alla celebre statua di Colombo. Prendete l’occasione per rilassarvi un po’ in spiaggia. Per concludere al meglio il viaggio, passate la serata nel quartiere di Barceloneta.

A proposito dell'autore

Nicoletta Bezzi

Curiosissima di questo pazzo mondo, dei suoi popoli e delle sue culture, sia per lo studio sui libri di diritto internazionale, sia per tutte le volte in cui riesco a fare la valigia e partire, vorrei conoscerne tutte le storie e provare a raccontarle agli altri.

Post correlati

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: