L’India è un Paese enorme, e ci vorrebbero anni per visitarlo bene. Con tutti i posti da visitare in India, c’è un buon motivo se il Rajasthan è il più visitato degli Stati indiani. È letteralmente zeppo di luoghi interessanti da vedere, sia a livello paesaggistico che in termini di città e siti. Principalmente desertico, in Rajasthan ci sono anche dolci colline verdeggianti; e le fortezze e i templi sono sparsi un po’ ovunque, a ricordarci di un’epoca in cui il Rajasthan era la terra dei maharaja.

Ecco allora 5 posti da vedere in Rajasthan che sono assolutamente imperdibili.

La deliziosa Alsisar è uno dei must in Rajasthan

1. Alsisar

A 4 ore di viaggio (in auto!) da Jaipur (di cui ho già parlato in un altro post), Alsisar è un mondo a sé, distante anni luce dal caos, dalla vivacità e dal chiasso della capitale del Rajasthan. Questa cittadina che oggi conta appena 7000 anime (un’inezia in un Paese dove le città sotto il milione di abitanti sono considerate piccole), in passato, è stato un importante snodo commerciale, un avamposto nel deserto dove i mercanti di seta e cotone si fermavano per fare affari.

Per questo motivo, Alsisar è ancora piena di haveli, strutture simili ai caravanserragli, con diversi cortili circondati da camere e accessi ai piani superiori. Le donne, che non potevano prendere parte alle riunioni d’affari, potevano osservare ciò che succedeva da dietro gli schermi delle finestre, di modo da non essere viste. Oggi gli haveli sono degli splendidi posti da visitare. Alcuni conservano ancora gli antichi registri del commercio. Ad Alsisar ci sono anche alcuni templi interessanti.

In realtà ciò che rende Alsisar un posto piacevole da visitare è l’atmosfera. Qui la vita procede tranquilla. Il barbiere accoglie i clienti nel suo negozio. Le donne, coperte nei sari colorati, vanno in giro coprendosi il volto per proteggersi dagli sguardi dei curiosi. C’è che va a comprare le verdure per la cena. I bambini giocano al parco e accorrono a salutare i pochi turisti.

Il forte di Bikaner è bellissimo, ricco di decorazioni

2. Bikaner

Bikaner dista 4 ore di auto da Alsisar, e conta poco più di mezzo milione di abitanti. Non è una cittadina tranquilla come Alsisar, ma di certo non è nemmeno chiassosa e caotica quando Jaipur. E in effetti riceve molti meno turisti rispetto alla capitale. Eppure il Janugarh Fort è magnifico, enorme e con dei bellissimi cortili, stanze finemente decorate, porte e portoni che sono dei capolavori, e la vista della città dal forte è semplicemente splendida.

Oltretutto, a Bikaner ci sono ottimi hotel e ristoranti – alcuni, come il Gallops, offrono una bellissima vista del forte illuminato la sera (oltre a servire il meglio della cucina indiana).

E’ bello passeggiare per le stradine di Jaisalmer

3. Jaisalmer

Ad appena 70 km dal confine con il Pakistan, Jaisalmer è semplicemente imperdibile. Città di appena 70000 abitanti, ma che riceve tantissimi turisti ogni anno, non solo Jaisalmer conta su un bellissimo forte. Solo che nel caso di Jaisalmer questo forte, situato su una collina che domina la città, è tutt’ora abitato da circa 3000 persone. Al suo interno ci sono negozi, ristoranti, piccoli hotel e templi.

La vista del forte da lontano è splendida, e le sue stradine offrono spaccati di vita indimenticabili: immaginate le solite moto e scooter che scorrazzano ovunque, i cani e le vacche che girano indisturbati, i venditori ambulanti, le bancarelle con la frutta… è un tripudio di colori.

L’unico problema di Jaisalmer è che l’afflusso sempre maggiore di turisti che si fermano al suo interno provoca un aumento del consumo di acqua con conseguenti infiltrazioni, cosa che si ripercuote sul forte stesso che sta piano piano collassando, con preoccupazione delle autorità che quindi invitano i turisti a usufruire di hotel all’esterno.

Il tramonto nel deserto del Thar è mozzafiato

4. Deserto del Thar

Non si può visitare Jaisalmer e non andare a fare un giro nel deserto del Thar, soprattutto perché ci si arriva un poco più di mezz’ora di auto. Chi può, fa un safari a bordo di cammello per qualche giorno, dormendo in campi immersi nel niente, assaporando il silenzio totale che è una cosa davvero rara in India. Ma se il tempo è poco, è comunque piacevole andare a vedere il tramonto dalle dune e poi cenare sotto un tetto di stelle, accompagnati dal ritmo della musica tradizionale.

Donne indossano sari colorati al tempio Jain di Ranakpur

5. Ranakpur

Quello di Ranakpur è probabilmente il tempio più spettacolare del Rajasthan. Si tratta di un tempio dedicato al culto jain – religione che attraverso pratiche molto austere mira alla liberazione dal ciclo della reincarnazione. È un luogo sacro per i fedeli, che vi si recano per pregare, mentre i turisti girano tra i vari cortili, presi ad osservare le cupole, le colonne, e le decorazioni intricatissime.

L’accesso al tempio è monitorato in maniera molto severa: bisogna essere vestiti in maniera adeguata, ci si deve togliere le scarpe e non è possibile portare al suo interno nessun tipo di bevanda, cibo, sigarette, o capo in pelle. I visitatori sono perquisiti uno ad uno. Attenzione che all’interno girano vari personaggi che, con la scusa di fare una preghiera (con tanto di cenere sulla fronte) pretendono cospicue donazioni.

Siete mai stati in Rajasthan? Qual è il posto che vi è piaciuto di più?

A proposito dell'autore

Claudia Tavani

Sono una blogger cagliaritana. In una vita precedente ha lavorato come ricercatrice nel campo del diritto internazionale dei diritti umani, poi sono partita per un viaggio per tutta l’America Latina, e da allora non mi sono ancora fermata.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata