“Se fossimo stati in America, questa sarebbe stata una festa nazionale”. Sono queste le parole del sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, pronunciate durante il discorso di apertura dell’evento organizzato presso il Palazzo Ducale, a Venezia, l’8 giugno 2017.

DI CHE EVENTO PARLIAMO?

In un caldo giovedì mattina di giugno è avvenuta la svelatura del restauro della Statua del Todaro. La Statua era collocata, sino all’anno scorso, su una delle colonne occidentali presenti in Piazza San Marco accanto alla colonna con il famoso leone di San Marco.

restauro todaro

Dal luglio del 2016, infatti, è iniziato il restauro che ha visto susseguirsi analisi, approfondimenti e sopralluoghi. Undici mesi durante i quali, grazie alla tecnologia e a una webcam, il restauro è divenuto un evento seguito da ogni parte del mondo annoverando più di 150.00 visualizzazioni.

CHI ERA IL “TODARO”?

San Teodoro d’Amansea, conosciuto come “El Todaro” in dialetto veneziano, è il santo tra i più venerati tra i soldati martiri d’Oriente nonché Patrono di Venezia ancor prima dell’avvento di San Marco.

La Statua che lo raffigura è contornata da un’aurea di misteriosità in quanto non è stato possibile datare con precisione i pezzi che la compongono. La testa faceva parte, probabilmente, di una statua raffigurante Costantino e quindi di epoca imperiale; il busto apparteneva a una statua loricata di un imperatore romano e le altre parti del corpo nonché il drago ai suoi piedi sembrano essere stati aggiunti all’inizio del Trecento e risalenti all’epoca medievale.

Nell’insieme, viene definito un pezzo unico al mondo per l’assemblaggio dei materiali utilizzati e per le diverse epoche che li contraddistinguono quasi a voler rimarcare la potenza di Venezia anche nei confronti dello straniero.

LO SPONSOR UFFICIALE DEL RESTAURO DEL “TODARO”

Lo Sponsor del restauro è stato il titolare della famosa azienda veneta “Rigoni d’Asiago”, leader nella produzione biologica del miele e delle confetture di alta qualità.

“Mi avete dato l’opportunità di essere utile a questo evento. L’ho vissuto da vicino attraverso la webcam e partecipando attivamente al restauro vedendo – giorno dopo giorno – le rughe del tempo sparire come una bellissima donna ridata a Venezia” dichiara Andrea Rigoni, Amministratore delegato dell’azienda che, già nel 2015, ha sostenuto il restauro dell’Atrio dei Gesuiti prezzo il Palazzo di Brera, a Milano.

restauro todaro

Questo è un bellissimo esempio di come si può servire a questo paese, di come un grande imprenditore possa permettere alla città di Venezia di impreziosirsi sempre più di cultura.

A proposito dell'autore

Valentina Carbone

Ho un nome lungo ma amo le presentazioni brevi. Sono sempre alla ricerca di nuove emozioni perché solo così so sentirmi viva. Viaggiare mi scuote il pensiero, lo stomaco, l'anima. Viaggiare mi permette di toccare con mano la mia interiorità. Viaggiare mi insegna a sorridere. Viaggiare mi fa sentire una persona migliore. Viaggiare.

Post correlati

2 Risposte

  1. Enri1968

    Mi ha fatto piacere leggere questa notizia su Venezia, la splendida città lagunare.

    Rispondi
    • Valentina Carbone

      Grazie mille, Enri. Per me è stato un gran piacere documentare questo momento. Ti auguro una buona giornata.

      Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata