Un’iniziativa alla quale siamo lieti di partecipare: dal 3 marzo al 30 settembre 2012 presso il Museo e Gipsoteca Antonio Canova di Possagno, si terrà una fantastica mostra intitolata CANOVA E LA DANZA

E’ un’occasione da non perdere non solo per gli amanti dell’arte, ma anche per tutti coloro che non conoscono Possagno e i suoi dintorni: oltre all’imponente Tempio Canoviano e il museo della Gipsoteca canoviana, a pochi chilometri di distanza troviamo il Massiccio del Grappa che offre numerosi itinerari per escursioni a piedi.

A 20 km circa a Ovest di Possagno, lungo la Provinciale Pedemontana, si può visitare inoltre il famoso Ponte degli Alpini, lo scenografico Viale dei Martiri, il castello di Ezzelino, il grande Museo Civico con i capolavori di Jacopo da Ponte. Poco distante vi troviamo Marostica, una delle più belle città murate del mondo dove si tiene la tadizionale gara vivente di Scacchi.

Ma non finisce qui: alle prime 5 persone che si iscriveranno alla nostra newsletter gratuita e faranno un “mi piace” alla pagina facebook di non solo turisti regaleremo due ingressi omaggio alla Gipsoteca Antonio Canova offerti dalla StoneFly, che ha contribuito economicamente alla ristrutturazione del museo.

Alcune note sulla mostra:

A quelle creature, bellissime, che Canova creava, diremmo oggi, come antidepressivo o come antidoto al male di vivere. Nel senso che si affidava alla loro vitalità, alla “forza della gioventù più vigorosa” che da esse prorompeva, quando sentiva avvicinarsi quello stato di prostrazione fisica e morale che lui stesso attribuiva al “male di qualche amico o alle vicende del mondo”. La loro bellezza, lievità, forza scacciava ogni melanconia e ridava al maestro la joie de vivre di cui aveva bisogno.

Tre le traspose in marmo che sembrano lottare con la legge di gravità, molte altre si limitò ad abbozzarle, a disegnarle o a dipingerle nelle sue coloratissime tempere.

L’idea per questa affascinante mostra, destinata a bissare il successo davvero clamoroso di quella recentemente dedicata alla bellezza imberbe del Principe Lubomirsky, è legata ad un risarcimento artistico e storico.

Tra i capolavori del Museo e Gipsoteca Antonio Canova di Possagno, si conserva il gesso originale (quello su cui effettivamente lavorò Canova, affidandone poi la trasposizione in marmo ad abili collaboratori e su cui interveniva alla fine nell’intento di rappresentare “la vera carne”) della Danzatrice con i cembali, eseguita per l’ambasciatore russo a Vienna Andrei Razumovskij, ora patrimonio inamovibile del Bode Museo di Berlino.

Le sensuali braccia tornite ed i cembali della Danzatrice vennero polverizzate da una granata austroungarica durante i cannoneggiamenti che colpirono Possagno, a ridosso del Monte Grappa, nel corso della Grande Guerra. Da allora l’opera protende al cielo i suoi candidi moncherini.

In questi mesi, ottenuti tutti i permessi del caso, con le cautele necessarie, la Danzatrice sta tornando a suonare i suoi cembali. Il Bode Museum in un grande progetto congiunto della Fondazione Canova e Fassa Bortolo, infatti, ha concesso di realizzare una scansione in 3D dell’opera in marmo. E, con un procedimento inverso a quello tradizionale, sarà ricorrendo al marmo finale che si completerà il gesso originale (REVERSE ENGINEERING). L’opera berlinese, coinvolta da un incendio già nel Palazzo di Vienna, mostra delle pericolose fessurazioni e non potrà ovviamente muoversi dalla sua attuale sede.

Va annotato come l’incendio del marmo e il danneggiamento del gesso originale non siano le uniche avversità che hanno colpito o contornato queste magiche creature canoviane. Intorno a queste meraviglie vi sono storie di grandi innamoramenti, come quello dell’Imperatrice Josephine de Behaurnais  che volle per se la Danzatrice con le mani sui fianchi, la stessa che al Salone parigino del 1813 “fa impazzir tutti” o l’altra delle tre la Danzatrice con dito all mento commissionata dal Conte Manzoni che non riuscì mai a godersela perché nel frattempo venne assassinato.

Le Danzatrici trasmettevano, evidentemente, positività, forza, giovinezza e ammaliavano non solo Canova. Tant’è che l’artista fu costretto a farne diverse repliche e molte altre vennero realizzate negli anni successivi, issate a trasmettere bellezza e grazia in luoghi, i più diversi, dalla Stazione Centrale dei Telefoni di San Pietroburgo sino al Messico o a Cuba o al Canada.

Va chiarito che il tema della danza in scultura non venne limitato da Canova alle tre Danzatrici oggetto di questa mostra. Egli rappresentò infatti altre figure che danzano, ma si trattava di dee o muse, quindi figure mitologiche, concettualmente ben diverse da queste, ragazze reali, impegnate in danze contemporanee, lontanissime dalle pur superbe rappresentazione di Ebe o di Tersicore. Queste omaggi alla classicità, quelle iniezioni di ottimismo forza per momenti bui.

Regina della mostra sarà la danzatrice restaurata, affiancata, come in una grande festa da ballo a corte, da un nugolo di 50 meravigliose fanciulle danzanti.

Il restauro è stato effettuato anche grazie a Stonefly azienda del territorio – presieduta da Andrea Tomat – particolarmente sensibile alla promozione del mondo dell’arte e della cultura.

Per maggiori informazioni visitate il sito: www.museocanova.it

A proposito dell'autore

Marco

Viaggiatore per il mondo con oltre 100 nazioni visitate nei 5 continenti. La passione per i viaggi è accompagnata da quella per la fotografia. Fondatore e autore di NonSoloTuristi.it e ThinkingNomads.com

Post correlati

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: