San Gimignano

La Toscana è costellata di tanti splendidi borghi, arroccati su di un alto e verde colle, spesso molto ventoso in cui è facile trovare refrigerio anche in questa calda estate. E molto spesso questi borghi sono circondati da possenti ed antiche mura che ne hanno preservato l’antica bellezza.

Tra questi un posto di merito lo ricopre San Gimignano, conosciuta anche come la Manhattan medievale per le sue alte torri. Pensate che originariamente, nel periodo di massimo splendore, le torri erano ben 72, delle quali oggi ne possiamo ancora ammirare 16.

Torri di San Gimignano

E insieme alle alte torri ci sono le possenti mura che avvolgono stretta stretta la città ed il suo prezioso centro storico. Un centro molto ricco di magnifici palazzi e importanti chiese, oltre che di ragguardevoli musei, dove sono conservate opere di inestimabile valore.

Merita sicuramente una visita il grande Duomo, intitolato a Santa Maria Assunta e che si erge maestoso sulla piazza principale. Nonostante la semplice facciata, l’interno è riccamente decorato con un colorato ciclo di affreschi che raccontano le Storie dell’Antico e del Nuovo Testamento. Di particolare interesse gli affreschi di Domenico Ghirlandaio all’interno della Cappella di Santa Fina.

Piazza Duomo San Gimignano

Di lato al Duomo si trovano il Palazzo Comunale e la Torre Grossa, simbolo del potere politico della città. Il Palazzo è la sede del Comune ed è anche la sede del Museo Civico, dove si può ammirare la superba Maestà di Lippo Memmi del 1317. La Torre Grossa è invece la torre più alta e “grossa” di San Gimignano, che non doveva essere superata in altezza da nessun altra torre. Vi consiglio di affrontare la ripida salita ed i 150 scalini per godere del panorama mozzafiato della città ed i suoi dintorni.

Torre Grossa San Gimignano

A due passi c’è la caratteristica Piazza della Cisterna, con il pozzo decentrato e la particolare Torre del Diavolo, su cui si affacciano colorati palazzi. Guardate bene la Torre del Diavolo è così chiamata perchè si narra che sia stato il Diavolo stesso a farla così alta. A riprova di ciò guardate le profonde crepe che ci sono sulla torre, che avrebbero abbattuto qualsiasi altro edificio, ma non questa torre!

Per comprendere com’era San Gimigano nel suo massimo splendore, come si svolgeva la vita, vi suggerisco di visitare il Museo San Gimignano 1300. Qui potete ammirare l’attenta e meticolosa ricostruzione della città come era nel 1300, con tutte e 72 le sue torri, fatta solo con materiali medievali come ceramica, ferro e legno. La visita è gratuita, ma vi consiglio di farvi accompagnare con un tour guidato per fare un vero viaggio nella storia medievale.

Dalla parte opposta della città si trova la Chiesa di Sant’Agostino risalente al Duecento, che conserva al suo interno dei bellissimi affreschi di Benozzo Gozzoli che rappresentano le Storie della vita di Sant’Agostino. Da notare anche la pala dell’altare maggiore rappresentante l’Incoronazione della Vergine, santi e angeli musicanti, opera di Piero del Pollaiolo del 1483.

Piazza della Cisterna San Gimignano

Se volete fare delle belle foto vi consiglio anche di raggiungere la Rocca di Montestaffoli che domina la città. Si tratta di un antico castello, ormai diroccato che viene usato come cornice per concerti ed altri eventi. La vista da qui è magnifica e lo sguardo si perde tra le dolci colline della compagna toscana. Inoltre all’interno della Rocca c’è il Museo della Vernaccia, vino tipico di San Gimignano.

Insieme alla Vernaccia potete degustare piatti con lo zafferano, prodotto tipico della città, insieme ad a prelibatezze della cucina toscana. Uno dei miei posti preferiti è l’Officina del Cacio, piccolo ristorante fuori Porta San Matteo dove ci si sente a casa e si mangia davvero bene, cucinata con amore seguendo le ricette della nonna usando solo prodotti freschi, biologici a km zero.

Vista da San Gimignano

Mediamente per mangiare nei ristorati di San Gimignano, considerate circa 20 euro a persona per un pasto completo con un bicchiere di vino. Se volete mangiare della buona bistecca e sorseggiare un vino più pregiato del rosso della casa, allora considerate almeno 35 euro a persona.

Se decidete di soggiornare in città, in un albergo o in un bed and breakfast i prezzi sono abbastanza variabili a seconda della categoria. Mediamente il prezzo si aggira tra gli 80-100 euro a notte per una camera doppia standard. Nei dintorni inoltre ci sono diversi agriturismi, spesso dotati di piscina e appartamenti indipendenti, i cui prezzi si aggirano sui 500-600 euro a settimana.

Se avete iPhone o Android vi consiglio di scaricare l’applicazione gratuita TooMuchSanGimignano, un mini audio-guida alla città di San Gimignano dove potete trovare tutte le informazione necessarie per visitarla oltre che altre curiosità riguardo alla sua storia e alle sue tradizioni.

Torri di San Gimignano

A proposito dell'autore

Ciao! My name is Valentina, I’m a freelance SEO-Copywriter and I write for several websites about travel and leisure, cooking and local news.
I develop apps for iPhone and Android to discover the enchanting villages of Tuscany. I also run a blog about unconventional Tuscany that is called TooMuchTuscany.com where you find news, events and information about Tuscany, of course.
I’m also a full-time mother of lovely little boy and a lovely dog.

Post correlati

2 Risposte

  1. Fausto

    Ciao Turisti! La prossima volta che venite a San Gimignano passate anche da me!
    Agriturismo e degustazione dei nostri vini e olio extra vergine bit.ly/gNAJxm . Facciamo tour giornalieri quindi potete venire più o meno…quando vi pare!

    Ciao
    Fausto

    Rispondi

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: