Ci sono dei principi fondamentali che tutti i viaggiatori rispettano nei loro viaggi. Uno potrebbe essere avere sempre accanto il giusto compagno di viaggio. Il secondo dei principi fondamentali è trovare un posto dove riposarti che ti possa far sentire a “casa”. Casa non è solo le normali mura che ci contengono durante i giorni della nostra normale vita.

Casa è dove ci sentiamo bene: potrebbe essere un prato, lo spazio sotto un albero, una barca, una tenda. I viaggiatori abitano, vivono e amano milioni di case nel mondo.

Una delle case che ho particolarmente nel cuore si chiama Damson Lodge e si trova a Keswick, nel Lake District.

Pensare un viaggio nel Lake District è davvero un’avventura grande: ci sono miliardi di posti immensamente belli da vedere e da vivere. Il Lake District è un luogo molto quotato dal turismo inglese. I villaggi a sud sono frequentatissimi e per questo motivo scelsi, qualche mese fa, Keswick come destinazione per il mio viaggio.

Una volta scelta la destinazione è bene riuscire a trovare un luogo dove dormire. Dopo varie ore di ricerca in rete sono approdata sul sito del Damson Lodge. Mi è subito piaciuta l’attenzione alle piccole cose che si notava già dal sito: la colazione a km zero è sicuramente un super punto a favore e mi piaceva il fatto che fosse leggermente fuori il centro. Questo B&B si trova infatti a pochi minuti dal centro di Keswick e, dalla stazione degli autobus (Keswick è servita molto bene) non ci vogliono più di 10 minuti a piedi. Eskin street è una via residenziale ed è davvero silenziosa. Di notte non vola una mosca.

Il Damson Lodge dispone di tre camere, tutte con il bagno privato, dove la pulizia e la comodità regnano sovrane.
Dopo giornate passate in giro a camminare sui monti o attorno ai laghi, quello che ci vuole è proprio un letto comodissimo dove riposare per essere pronti per l’avventura successiva. Io ho viaggiato parecchio ma un letto così comodo non l’avevo mai provato. E qui davvero non scherzo!

Ero ancora in preda allo stupore per la camera dove io e Gian soggiornavamo quando mi accorsi di perdere di vista un altro fondamentale punto per la “salute” del viaggiatore e del camminatore: la colazione.

Se la meraviglia per la camera era grande, quella per la colazione fu grandissima. Il B&B è gestito da una giovane coppia: Paul & Viri. Lui è inglese e lei è italiana o forse sarebbe meglio dire britalian, dato che vive in Uk da moltissimi anni. Paul & Viri mettono molta cura e passione nella colazione che preparano ai loro ospiti. Per comodità di preparazione, fanno scegliere ad ogni ospite il giorno prima cosa vorrà la mattina dopo.

Il mio consiglio è quello di provare le fantastiche uova alla benedict che riescono a preparare o di non perdere la full Cumbrian breakfast che fa della Cumberland sausage la sua regina. Pare strano parlare di salsiccia e uova a colazione… ma this is England e, badate a me, merita moltissimo.

Il rapporto qualità/prezzo del Damson Lodge è davvero buonissimo.
Rispetto alla media del Lake District, le camere sono disponibili ad un prezzo davvero affordable, come si direbbe lì.
Paul & Viri sono due persone davvero appassionate del lavoro che fanno: sanno coinvolgere i viaggiatori e sanno consigliarli su quale itinerario percorrere e quale no. Ogni tanto immagino di essere ancora là a guardare fuori dalla finestra per scorgere l’azzurro tra il bianco e il grigio delle nuvole della Cumbria.

Il giorno che me ne andai lo feci un po’ a malincuore, malgrado un’altra destinazione molto bella mi aspettasse.
Ogni tanto con Gian ci chiediamo cosa staranno preparando per colazione  o chi dormirà nella stanza dove eravamo noi.

Se avete in mente di passare qualche giorno nel Lake District scegliete Keswick, scegliete il Damson Lodge.
Tutto sarà semplicemente Casa, con la C maiuscola.

Fonte delle foto: Google Images e sito del Damson Lodge.

A proposito dell'autore

Giovy Malfiori

Travel blogger e scrittrice freelance: classe 1978, sbrindola, poliglotta e viaggiatrice per indole. Nasco e cresco in Veneto, divento grande in Svizzera per poi coltivare le gioie del cuore in Emilia. Mi piace viaggiare con i mezzi pubblici, con gli occhi ben aperti e con il cuore curioso. Ho una passione sfrenata per le Isole Britanniche e per i piccoli luoghi che non aspettano altro che essere raccontati.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.