Quello che colpisce la maggioranza dei visitatori di Berlino è l’anima della città. Il frutto di una storia recente che l’ha segnata in maniera sconvolgente nel male, e adesso, probabilmente, nel bene. A partire dal 1989, una città divisa e sofferente, è diventata una città viva e in continua trasformazione. Uno dei più evidenti esempi di questa trasformazione è il quartiere di Kreuzberg.

Kreuzberg era abitato prima della seconda guerra mondiale prevalentemente da operai, che la abbandonarono successivamente a causa dei pesanti bombardamenti che distrussero la maggior parte degli edifici. Con la divisione della città finì nella parte ovest. Vennero costruiti quindi nuovi edifici residenziali di buona qualità. Con l’innalzamento del muro però, Kreuzberg divenne zona di frontiera e la popolazione spostatasi in periferia, venne sostituita da immigrati (prevalentemente turchi). Successivamente alla riunificazione, l’area ha cominciato ad attirare particolarmente giovani e artisti, assumendo così la vitalità e la multi-culturalità che la rendono oggi così interessante.

Kreuzberg si trova subito sotto il centro cittadino (l’area identificata con il nome di Mitte). Come in molte zone di Berlino, la street art ha un ruolo caratterizzante molto forte. Se ne trova un po’ ovunque. Negli atri delle case, sui pezzi del Muro esposti in diversi punti, su intere pareti degli edifici. Da notare i famosissimi murales dell’artista italiano BLU che si trovano nella zona di Kreuzberg-Friedrichshain. L’uomo moderno schiavo del tempo e la rappresentazione della riunificazione (ovest e est che si scoprono a vicenda).

Il modo migliore per conoscere questo quartiere è camminare liberamente per le strade. In particolare nelle zone di Marhenjneke platz e tra Kottbussert Tor e Maybachufer (dove nell’area a confine con il quartiere di Neukölln, nei pomeriggi di martedì e venerdì si svolge il noto mercato turco). Troverete negozi (non di catene internazionali), mercatini vintage, café all’aperto, piccole gallerie. Se siete poi alla ricerca di ottimo cibo, in particolare di tipo orientale, avrete un’ampia scelta e potrete farvi trascinare dal vostro istinto. Il mio consiglio. Se ne avete l’opportunità, tornate più volte a Kreuzberg durante il vostro soggiorno a Berlino, scoprirete sempre nuove cose e ne potrete apprezzerete la vera essenza.

A proposito dell'autore

Peter Zullo

Da diversi anni la fotografia è diventata larga parte della mia vita. Una scusa per uscire di casa, per curiosare in posti nuovi, per intraprendere lunghi viaggi, per conoscere nuove persone, per incontrare nuovi amici. E mentre percorro le loro strade di città lontane, rigorosamente a piedi, mi incanto ad osservare dall’esterno gli ingorghi di vita che scorrono senza fine.

Post correlati

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: