La Tailandia è un vero e proprio paradiso sotto molti punti di vista, non ultimo la presenza di ben 102 parchi nazionali nei quali godere di una natura incontaminata, bellissima e selvaggia. Varrebbe la pena vederli tutti, ma per chi vuole qualche consiglio su come ridurre la selezione, ecco i cinque parchi che nel nostro peregrinare ci hanno colpito profondamente

Khao Yai National Park

Dichiarato parco nazionale nel 1962, è il secondo parco più grande del Paese e copre una superficie di oltre 2.000 chilometri quadrati. La più grande attrazione è probabilmente il tour notturno che permette di dare un’occhiata alle fauna locale amante dell’oscurità, tra cui pipistrelli, cervi e gatti selvatici. Situato a soli 160 chilometri da Bangkok, è tra i più facili da raggiungere.

khaoyai

Kaeng Krachan National Park

Con oltre 2.460 chilometri quadrati di praterie, questo è il parco più grande della Tailandia, oltre ad essere una delle aree più belle grazie alla natura incontaminata che la caratterizza. Per gli amanti della fauna selvatica, qui vivono 57 speci di mammiferi, oltre a un vasto assortimento di uccelli.

kaeng

Khao Sam Roi Yot National Park

Questo parco di montagna è famoso per diverse ragioni. Innanzitutto per la sua attrazione principale, il tempio Kuha Karuhas situato nella spettacolare caverna Phraya Nakhon. In secondo luogo per le lussuose capanne sulla spiaggia. Infine per le piccole baracche che sul lato della strada vendono gamberi freschi.

Khao-Sam-Roi-Yot-National-Park-by-TCJ2020

Khao Sok National Park

I viaggiatori in cerca di alloggi unici per la loro natura rimarranno meravigliati dai bungalow galleggianti di questo parco, raggiungibili con un breve viaggio in barca. Khao Sok è anche il posto adatto per avvistare elefanti, tigri e orsi che sono soliti abbeverarsi al fiume Khlong Saeng.

Khao-Sok-National-Park-BY-MARIJANLISIC

Thung Salaeng Luang National Park

Se cercate quiete e panorami mozzafiato, le cascate Kaeng Sopha situate in questo parco sono il posto giusto. Piuttosto impetuose durante la stagione delle piogge, possono però essere attraversate in barca o con i gommoni da rafting in estate. Oppure si può semplicemente godere della vista dal bar poco distante.

kaeng

 

 

A proposito dell'autore

Marco

Viaggiatore per il mondo con oltre 100 nazioni visitate nei 5 continenti. La passione per i viaggi è accompagnata da quella per la fotografia. Fondatore e autore di NonSoloTuristi.it e ThinkingNomads.com

Post correlati

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: