In viaggio, si sa, occorre sempre una buona dose di adattabilità. Soprattutto se si è in cerca di un po’ di avventura e per inseguirla si è disposti ad abbandonare i percorsi più battuti e a mettersi alla prova in circostanze alquanto eterogenee. Eccoci allora zaino in spalle pronti a sfidare caldo e freddo, fame e sete, attraverso lande desolate e città infestate da venditori ambulanti di patacche. Poi, allo stremo delle forze, ecco l’immancabile preoccupazione impossessarsi della nostra mente: e ora dove cavolo vado a dormire?

Spesso i miei amici mi domandano perché non mi porto dietro una tenda. Io non mi faccio mai scrupolo di rispondere seccamente: non sono capace di montarla. Esatto, non sono un provetto campeggiatore, anzi. So che in fondo montare una tenda è un’operazione relativamente semplice, ma non riesco a convincermi che proprio io, che l’ultima volta che volevo appendere un quadro in camera ho quasi crocifisso il gatto, con una tenda nello zaino – sempre che trovasse posto – sarei diretto verso un roseo futuro nelle lande semidesertiche dell’Africa o dell’Asia.

Allora bisogna fare uno sforzo di immaginazione in più e cominciare a elaborare un piano per trascorrere la notte al riparo da tigri e zanzare. Considerato che non siamo in una località di villeggiatura, o che le abituali strutture di ricezione superano il budget consentito, non resta che indagare tra le gente del posto e verificare la presenza di alternative. Per i più pigri – tipo me – una possibile soluzione consiste nell’infilarsi in un taxi e convincere il conducente a farsi portare verso l’alloggio più economico che gli venga in mente. Cosa non sempre facile, considerando che probabilmente l’autista non parlaa la nostra lingua e che forse il colore della nostra pelle gli suggerisce che per noi un posto economico potrebbe essere il Ritz o l’Hilton della capitale.

Mentre ero in viaggio in India – dove nonostante l’aspetto da occidentali sono abituati all’idea che chi cammina schiacciato dal peso di un enorme zainio ha li braccino corto – sono riuscito a farmi sistemare un paio di volte in una camera di emergenza: la soffitta, un abitacolo senza luce né finestre o il sottoscala dove venivano infilate le scope e altri utensili. Anche viaggiare in Africa mi ha permesso di sperimentare alcune soluzioni notevoli. In Egitto, a Esna, non trovando un albergo in città un passante alla fine mi ha detto semplicemente  “puoi stare da me”, ed è stato l’alloggio più gradevole e interessante che mi fosse capitato nel Paese dei faraoni. Nel Sudan del Sud mi sono fatto ospitare in una tenda “difettosa” (non so chiudeva!) in una sorta di campeggio per coooperanti, mentre in altri casi ho dovuto dividere la mia camera con pellegrini, viandanti, profughi, o semplicemente non c’era altro spazio se non quello necessario alla branda.

In ogni caso si è sempre trattato di prove interessanti per la mia capacità di adattamento e raramento mi sono pentito di aver accettato di prendere alloggio in una struttura di fortuna. Beh, forse quella volta in cui la mia finestra si affacciava sui binari della ferrovia…

 

A proposito dell'autore

Flavio Alagia

Laureato in Giornalismo, il mio limbo professionale mi ha portato dagli uffici stampa alla carta stampata, per poi approdare al variopinto mondo della comunicazione digitale. Ho vissuto a Verona, Zurigo, Londra, Città del Capo, Mumbai e Casablanca. Odio volare, amo lo jodel e da grande voglio fare l’astronauta.

Post correlati

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: