È noto come l’essere umano non si sia mai accontentato di ammirare la bellezza della natura senza cercare una spiegazione ai prodigi che essa generosamente offriva ai suoi occhi. Ecco allora spuntare fuori la storia di Velino, un giovane pastore che dopo aver visto la bella ninfa Nera bagnarsi nelle acque di un corso d’acqua se ne innamorò perdutamente. Non essendo ricambiato nel suo profondo sentimento, si gettò nelle stesse acque da una rupe per unirsi eternamente alla sua amata.

Ecco l’origine leggendaria della Cascata delle Marmore, a Terni, la più alta d’Europa con i suoi 165 metri suddivisi in tre salti. La verità, invece, è che si tratta di un’opera dell’ingegno umano, realizzata per volere del console romano M. Curio Dentato nel III secolo a.C. facendo defluire le acque del corso d’acqua Velino nel sottostante fiume Nera tramite un canale chiamato Cava Curiana, in modo da bonificare dalle paludi la piana sovrastante.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nel Settecento, quando gli artisti di tutta europa svolgevano in Italia il Grand Tour fondamentale alla loro formazione, le cascate sono state decantate in opere di poesia come quelle di Lord Byron, di cui c’è una statua ai piedi del salto principale. Dalla seconda metà dell’Ottocento le acque delle cascate sono state impiegate per generare l’energia idroelettrica necessaria all’industrializzazione di Terni e oggi il flusso della cascata viene aperto solo in orari prestabiliti.

Intorno alle cascate si diramano cinque sentieri differenti per lunghezza e impegno richiesto, che consentono di accedere ai belvedere da cui ammirare la Cascata delle Marmore in tutta la sua maestosità. Dal Sentiero 1, anche noto come Antico Passaggio, si accede alla grotta che porta al Balcone degli Innamorati, ispirato a San Valentino, patrono degli innamorati, la cui città natale era proprio Terni. E con la giusta complicità degli agenti atmosferici sopra la cascata si rivelerà uno splendido arcobaleno, prodigio – questo sì – interamente naturale che non ha bisogno di ulteriore poesia per affascinare e incantare gli spettatori.

Informazioni utili

La Cascata delle Marmore si trova a Terni (Umbria) ed è raggiungibile in autobus dall’autostazione in parte alla stazione ferroviaria della città.

Il biglietto di ingresso costa 8€ e dà diritto ad accedere a tutti e cinque i sentieri naturalistici.

È possibile effettuare visite guidate con guide escursionistiche o turistiche abilitate.

Ulteriori informazioni sugli orari di apertura delle acque di accesso all’area su www.marmore.it.

A proposito dell'autore

Flavio Alagia

Laureato in Giornalismo, il mio limbo professionale mi ha portato dagli uffici stampa alla carta stampata, per poi approdare al variopinto mondo della comunicazione digitale. Ho vissuto a Verona, Zurigo, Londra, Città del Capo, Mumbai e Casablanca. Odio volare, amo lo jodel e da grande voglio fare l’astronauta.

Post correlati

5 Risposte

  1. Claudia Roncador

    Complimenti Flavio per la materia sul La Cascata delle Marmore. Purtroppo i stranieri sapeno appena Di andare in giro a Roma, Milano, Venezia e Firenze. Non conoscono la belezza italiana davvero! Un gran saluto dal Brasile.

    Rispondi
  2. Eleonora

    Dire che sono le più alte d’Europa però è a dir poco ridicolo…….. vi ricordo che le più alte d’Italia e le seconde più alte in Europa sono le cascate del Serio…… che siano invece bellissime non c’è alcun dubbio…..

    Rispondi
  3. Flavio Alagia

    Riguardo al primato delle cascate, non essendo un esperto in materia, non ho fatto altro che riferire quanto viene spiegato durante la visita guidata. Potrei azzardare che la misurazione di una cascata non è necessariamente un dato univoco, dal momento che si deve stabilire quali elementi considerare (il salto, la profondità del bacino, le conformazioni rocciose… sto sparando a caso) ma ammetto di non essere in grado di approfondire oltre la questione.

    Rispondi
  4. andrea

    Anche dire che le cascate del Serio sono le più alte d’Italia non corrisponde al vero. Le cascate di Stroppia in Piemonte sono circa 500 metri, quelle del Serio 300 m.

    Rispondi
  5. Fedele

    Se vogliamo mettere i puntini anche sulle ipsilon le cascate piu’ alte d’Europa sono le Vinnufallet in Norvegia (865 m). Le cascate dello Stroppia, le piu’ alte d’Italia, che in questo database non sono ancora state inserite, si collocherebbero in classifica Europea al posto nr. 37, mentre le Cascate del Serio, le seconde in Italia, al posto nr. 93.
    Potete controllare in questo sito: http://www.worldwaterfalldatabase.com/tallest-waterfalls/total-height/
    Qui sono classificate in modo dettagliato le cascate per altezza totale, per altezza del singolo salto e per larghezza.

    Rispondi

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: