Se vi chiedessi chi è Frank Gehry, probabilmente sarebbero in pochi a sapere la risposta. Se vi dicessi invece Museo Guggenheim, molti risponderanno che sì, questo lo conoscono: è questa la maledizione degli artisti, la cui memoria viene surclassata da quella delle loro opere, e Frank Gehry è l’architetto che ha progettato il Museo Guggenheim di Bilbao.

L’edificio del Museo Guggenheim a Bilbao è dal 1997, anno della sua inaugurazione, il simbolo della città nel mondo: la sua costruzione fu infatti fortemente voluta dalla città, dalla provincia di Biscaglia e dall’amministrazione dei Paesi Baschi, in un’ottica di rinnovamento e rivitalizzazione della città basca. Come un ambasciatore, il Guggenheim accoglie i visitatori nella città, dando loro il benvenuto dalle rive della Rìa, il fiume che attraversa Bilbao.

Uno dei fattori più interessanti è il fatto che l’edificio sia veramente inserito nel contesto urbano: la superficie d’acciaio che riluce e proietta i raggi del sole sull’acqua, le sue forme ed i suoi volumi non turbano l’occhio di chi, passeggiando, si imbatte in questo straordinario esempio d’architettura contemporanea e, personalmente, credo che parte della grandezza di Frank Gehry sia proprio questa: creare ma non distruggere, bensì trasformare mantenendo l’equilibrio preesistente.

Avete presente quella sensazione indescrivibile che raramente capita di provare di fronte a delle opere d’arte, quella che nasce, profonda, nel cuore e si manifesta poi con la pelle d’oca sulle braccia? Ecco, questo è ciò che mi è capitato varcando la soglia del Guggenheim.

La prima azione istintiva è di alzare gli occhi verso il soffitto, per farsi rapire dai volumi, dai pieni e vuoti creati dalla presenza contemporanea di vetro e pietra, che permettono all’esterno di penetrare all’interno dell’edificio e viceversa. Camminando poi al piano terra si trovano alcune opere davvero interessanti, che fanno parte della collezione permanente del museo: la prima è sicuramente quella che mi ha emozionato maggiormente e si tratta degli otto “labirinti” di Richard Serra, ovvero “The Matter of Time“, in cui è possibile esperire davvero l’arte e divenire oggetti e soggetti d’arte camminando all’interno del percorso che è costituito dall’architettura e dalla forma di quest’opera.

Un’altra opera davvero interessante, forse anche a causa del mio “essere linguista” è “Installation for Bilbao” di Jenny Holzer: si tratta di una installazione che riesce a far collimare il mondo della parola con quello della vista, presentando un poema su schermi a LED le cui parole risalgono verso il soffitto, invitando quindi lo sguardo dell’osservatore e cambiare la propria prospettiva all’interno del museo e spingendola verso l’alto, per godere appieno dell’architettura.

Spostandoci invece verso i piani alti, troviamo le esposizioni temporanee come “Barroco Exùberante“, che è stata una vera scoperta: inusuale, grottesco, provocatorio, mette in correlazione opere barocche con artisti contemporanei, evidenziando il concetto di vanitas e come questo venga messo in scena delle diverse epoche.

Altra mostra degna di essere vista e apprezzata è “L’Art en Guerre“, che presenta un’interessante prospettiva della Seconda Guerra Mondiale in Francia, attraverso opere di dissidenti, prigionieri e coloro che si sono opposti all’invasione, a Vichy e all’arroganza tedesca con armi bianche come una matita ed un foglio di carta.

Una visita al Guggenheim è sicuramente un’esperienza da provare: io ho avuto la fortuna di viverla con altri blogger provenienti da tutta Europa e questo è un piccolo assaggio di ciò che potreste vivere anche voi.

A proposito dell'autore

Veronica

Una ragazza, una figlia, una sorella, un'amica. Vivo di paesaggi, profumi ed impressioni. Amante della musica, della letteratura, dell'arte e della mia Bergamo, lascio un pezzettino di cuore in ogni posto in cui vado.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.