Un esperienza a diretto contatto con la natura, un soggiorno fatto di cose semplici, vissuto con autenticità e gioia. Il rumore del vento tra gli alberi, l’erba sotto i piedi, il suono delle onde o di un ruscello. Questo quadro idilliaco sarebbe già una ragione sufficiente per scegliere il campeggio come soluzione di alloggio nel corso dei propri viaggi o delle proprie vacanze. Se poi a ciò si aggiunge il fatto che alloggiare in un campeggio costa molto meno di una camera d’albergo, è facile comprendere come questa arte di viaggiare si sia diffusa rapidamente in tutta Europa negli ultimi anni.

Campeggio nei boschi

Che si tratti di montare una tenda o parcheggiare la propria roulotte o il proprio caravan, le moderne strutture per campeggiatori consentono di usufruire dei vantaggi di questa divertente soluzione e al tempo stesso non richiedono di rinunciare al comfort richiesto a un soggiorno rilassante. Basta individuare il sito di Villaggio da Rentocamp, una banca dati online specializzata nel settore, e si dispone immediatamente di informazioni dettagliate sulla struttura, indicazioni utili per quel che riguarda la località prescelta e persino un’utile valutazione ricavata dai giudizi dei precedenti campeggiatori. In questo modo si potrà verificare facilmente se la struttura in questione risponde ai requisiti richiesti.

Se una volta il campeggio era una prerogativa di giovani avventurieri o di famiglie in fuga dalla città per un fine settimana tra i boschi, oggi è diventato un’alternativa valida di alloggio in ogni circostanza e per qualunque categoria di viaggiatore. Ovviamente a seconda del tipo di esperienza desiderata va verificato che il sito e la località si prestino a ospitare famiglie con bambini oppure ospiti interessati ad attività più dinamiche e adrenaliniche. Di recente, inoltre, si è diffusa anche la categoria del glamping, termine creato dalla contrazione di glamour camping che indica il campeggio di lusso dotato di ogni comodità. 

Foto di JamboCocca!

In Francia ce sono oltre 1700 strutture, più che in qualunque altra nazione europea e le regioni più frequentate dai campeggiatori sono quelle in prossimità delle Alpi (Provenza, Costa Azzurra e Rodano) e della costa atlantica (Loira e Aquitania).

La seconda nazione europea per numero di siti è proprio l’Italia. Nel nostro Belpaese si registrano infatti quasi 1400 strutture. Un viaggio in Italia all’insegna della natura, del divertimento e del risparmio può contare su un’ampia varietà di soluzioni per campeggiatori sparse per tutta la penisola, ma sono soprattutto Puglia, Toscana e Veneto a registrare i dati più elevati, mentre i pareri dei campeggiatori sembrano premiare per qualità del soggiorno i campeggi sulle Alpi e sulla costa tirrenica.

Foto di copertina di <pxlpusher>

A proposito dell'autore

Marco e Felicity

Marco e Felicity, in viaggio per il mondo dal 2004 con oltre 100 nazioni visitate in 5 continenti. Prima viaggiatori e poi travel blogger, sognatori e sempre in cerca di nuove avventure.

Post correlati

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: