Durante i miei spostamenti negli Emirati Arabi non ho potuto rinunciare alla visita della città di Al Jazirat Al Hamra, anche se più una vera e propria città la considererei un paese, un piccolo paese abbandonato a sud di Ras Al Khaimah, a nord di Dubai.

Al Jazirat Al Hamra, EAU

La città fu costruita sulle fondamenta di un insediamento eretto intorno al XIV secolo su una piccola penisola da una tribù locale, gli Za’ab o Hadhr, principalmente pescatori di perle che la abbandonarono per spostarsi nella città di Abu Dhabi non più di una ventina di anni fa.

Abbandonata in così poco tempo che ancora oggi si possono trovare parte degli arredamenti nelle abitazioni, la località è nota come città fantasma. Nelle credenze popolari islamiche si dice che sia dimora dei jinn, spettri che sotto sembianze di animali si aggirano in particolari luoghi come questo.

Ormai tutte le abitazioni e i muri di cinta sono diroccati e in alcuni casi sono anche pericolosi per il loro equilibrio precario. La loro particolarità è che sono costruiti con coralli e calce e solo in pochissimi casi sono stati usati mattoni, cemento e ferro. I tetti sono per la maggior parte di foglie di palma e per questo motivo sono ormai in parte o completamente distrutti. Con questi materiali da costruzione, questa città è destinata in poco tempo a scomparire.

L’unico luogo ancora integro e curato è la piccola moschea con i tappeti perfettamente puliti che sembra aspettare i fedeli che non arriveranno mai.

Le ore migliori per visitare questo luogo e scattare delle foto interessanti sono sicuramente l’alba e il tramonto, sconsiglierei qualsiasi altro momento della giornata nella stagione estiva per le temperature veramente proibitive.

 

A proposito dell'autore

Massimo Ziino

Cresciuto con la subacquea, sono un professionista con migliaia di immersioni alla spalle in tutto il mondo. Sempre in cerca di nuove mete, ho esplorato le cavità ipogee come speleologo e le vette himalayane. Appassionato di fotografia, ho partecipato a numerose produzioni nazionali e internazionali come tecnico e cameraman.

Post correlati

2 Risposte

  1. Eli Sunday Siyabi

    Ho incontrato Massimo Ziino a Dubai: è una grande persona! Se passerò di nuovo da quelle parti, mi devi portare in questa città fantasma: mi affascina. Complimenti per le foto.

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: