Chi si reca in Egitto di solito punta a vedere le bellezze del Mar Rosso o le piramidi del Cairo. Se invece volete un luogo lontano dalle rotte turistiche, ma dalle straordinarie meraviglie subacquee, vi suggerisco una località a cento chilometri a nord di Sharm el-Sheik.

Si chiama Dahab, centro balneare di circa milletrecento abitanti, sconosciuto ai più e difficilmente raggiungibile con aerei o autobus. Per chi volesse godere delle meraviglie di uno dei mari più belli del mondo, questo è il posto giusto. Noi ci arriviamo in jeep dopo un’escursione nel deserto.

Dahab, Egitto

Dahab” significa oro, non si sa ancora se per il colore delle sue spiagge o per il mercato del metallo più prezioso al mondo che vi si teneva qui in passato. Si trova sul Golfo di Aqaba ed è una località molto ventosa, frequentata dagli amanti del windsurf.

La nostra prima tappa è al Museo del Papiro, un’attrazione sponsorizzata dal governo che serve solo a rimpinguare le casse dello stato (i papiri si trovano anche nei bazar a metà prezzo). Ci rechiamo poi in riva al mare dove incontriamo la nostra guida per un’ escursione con i cammelli. Percorso qualche chilometro, arriviamo a destinazione.

Ci aspetta una tenda beduina in riva al mare dove pranzeremo, ma soprattutto ci attende il vero scopo della nostra visita: la barriera corallina, seconda come bellezza solo al reef australiano, e il Blue Hole, un buco profondo circa cento metri e largo cinquanta popolato dai pesci più belli della terra.

Dahab_Blue Hole_mindgrow

Fare snorkelling in questo posto è un’esperienza unica e spettacolare. Le raccomandazioni sono d’obbligo, le vittime delle forti correnti e della scarsa conoscenza del luogo sono molte. È altamente consigliato l’uso di pinne, maschera e boccaglio per assistere allo spettacolo e resistere alla corrente marina.

Dalla riva ci si tuffa nel Blue Hole tramite un pontile e la paura è tanta. Sembra di fare un salto nel vuoto senza fine dentro a una voragine che dal blu passa al nero dopo solo dieci metri. Ma una volta dentro sembra di volare. I pesci sono tantissimi. Probabilmente abituati alla presenza dell’uomo, si arriva quasi a toccarli. Ce ne sono di svariate specie e di moltissimi colori.

È qui che vedo per la prima volta il pesce pagliaccio. I suoi colori bianco, arancio e nero sembrano dipinti a mano. Il giro completo del Blue Hole permette di vedere coralli e anemoni vivaci che ballano al ritmo delle onde. Poi ci si avvicina al bordo che dà sul mare aperto. Facendo attenzione a non tagliarsi sugli affilatissimi coralli e sulle rocce, inizia l’esplorazione della barriera corallina.

La limpedezza dell’acqua permette di vedere fino a venti metri di profondità. Poi, anche se non si vede più, la barriera continua verso il fondo. Si vedono pesci, coralli e stelle marine con colori talmente vivi e sgargianti che sembranno innaturali. E se siete fortunati anche qualche tartaruga gigante. Dopo aver visitato la barriera, mi chiedo se il nome Dahab non sia stato scelto per un terzo motivo: forse è questo l’oro d’Egitto che i vecchi abitanti di Dahab intendevano.

Dahab, Egitto

Dopo il bagno ci viene offerto il pranzo in tenda, ma il pasto ci tirerà un brutto scherzo per i giorni a venire: qui la chiamano la maledizione di Tutankamon. Ricordatevi che da queste parti mangiare cibo poco cotto o crudo, lavato con l’acqua non potabile, può portare a spiacevoli conseguenze intestinali. Il cibo a base di pesce e verdura risulta comunque buono e, ignari di quello che ci attende nei prossimi giorni, andiamo a fare un giro per il paese.

La città si divide in due parti: quella più turistica, più moderna, caratterizzata da ristoranti vista mare, negozi per surfisti e di souvenir. Devo dire che anche se la parte è più moderna, risulta comunque molto piacevole e tranquilla, e rispecchian lo spirito e la cultura egiziana.

Dahab, Egitto

La vera Dahab, con la sua moschea e i bar popolati da giocatori di domino, si trova un po’ più all’interno. È in un bar della città vecchia che a fine giornata ci ritroviamo col gruppo per sorseggiare un karkadé, mentre ci godiamo l’ultimo spettacolo di questa giornata fantastica: il tramonto del sole nel deserto.

Ritengo una fortuna che Dahab sia così isolata e sconosciuta. Se fosse facilmente raggiungibile, a quest’ora il suo oro sarebbe stato saccheggiato dall’uomo.

A proposito dell'autore

Luca Pery

Sono Veneto e e sono cresciuto in quel di Caorle, un perla che si affaccia sull'Adriatico. Amo viaggiare con i miei inseparabili compagni di viaggio: la mia compagna e i nostri due figli. Mi organizzo e vivo i miei viaggi per poi raccontarli. Tornare a casa mi rende triste, ma per buttare via la tristezza mi preparo subito per organizzare il prossimo viaggio verso una nuova destinazione. Seguitemi anche su Instagram.

Post correlati

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: