Viaggiare dovrebbe sempre essere – oltre che una straordinaria esperienza formativa – un piacere. Le inevitabili incertezze a cui tale attività è legata, però, possono trasformare un viaggio in un incubo… e in una fonte di enormi spese impreviste.

Per ridurre i rischi e le conseguenze nefaste di qualunque incidente, è bene munirsi di una delle assicurazioni viaggi disponibili di mercato, oltre che stare attenti a quelle che sono i più comuni incidenti di percorso per turisti e viaggiatori.

Incidente bici

 

Incidenti stradali

Guidare attraverso lande desolate o brulicanti città esotiche è un piacere impagabile, ma in alcuni paesi non basta essere degli autisti impeccabili perché norme e abitudini variano fortemente a seconda del contesto sociale. In Cina, ad esempio, le auto non hanno l’obbligo di fermarsi davanti alle strisce pedonali e la segnaletica è spesso fornita unicamente in ideogrammi. In Egitto e in altri paesi del mondo arabo molti conducenti hanno l’abitudine di guidare con i fari spenti anche di notte, mentre in India non è raro incontrare sulla carreggiata carretti spinti a mano, pedoni distratti e naturalmente mucche.

Malattie e infezioni

In Australia c’è ancora oggi il pericolo di contrarre la dengue, un’infezione virale trasmessa dalla puntura di zanzare che può diventare molto pericolosa se non è curata adeguatamente. In Africa è invece comune la malaria e al tempo stesso è altamente sconsigliato l’uso di acqua non imbottigliata. Contrarre un infezione da alimenti come frutta fresca e verdure in Brasile può risultare in una spesa medica di oltre 1000 euro e in Canada curare la bronchite può costare fino a 25.000 euro.

Guai con la legge

Conoscere le norme locali è di fondamentale importanza se non si vuole correre il rischio di affrontare ingenti spese legali. Negli Emirati Arabi per fare foto o filmati in alcuni luoghi è strettamente vietato: venire sorpresi sul fatto dalla polizia locale può portare addirittura all’arresto immediato. Sebbene largamente utilizzati dalla popolazione locale, il consumo dei derivati della cannabis è severamente proibito sia in India che in Marocco. In India pesanti sanzioni sono applicate all’introduzione di apparecchiature satellitari.

Fratture e ustioni

Comuni anche a casa nostra, fratture e ustioni in viaggio possono essere dovute alle situazioni più svariate e la loro cura è spesso la causa dell’interruzione prematura di una piacevole vacanza, oltre che di notevoli spese ospedaliere. In Islanda, ad esempio, il freddo non deve mai indurre a sottovalutare i pericoli legati all’esposizione solare, perciò cappello, occhiali da sole e creme protettive non devono mai mancare in valigia. In Grecia uno dei sinistri denunciati con più frequenza è la frattura degli arti inferiori e le cure relative possono ammontare a oltre 5000 euro.

Documenti e carte di credito

Proteggere i propri documenti e carte di credito in viaggio è importante, ma non sempre facile. In Sud America furti, truffe e rapine sono all’ordine del giorno, mentre in Russia le autorità doganali potrebbero rifiutare l’ingresso ai visitatori anche solo se i documenti forniti mostrano lievi danneggiamenti o segni di usura.

Questi e altri spiacevoli incidenti possono essere affrontati con serenità e senza gravi perdite con un’adeguata assicurazione viaggi. Allianz Global Assistance fornisce al riguardo prodotti preparati su misura in base alle diverse esigenze dei viaggiatori.

Pensare a tutto prima di un viaggio è quasi impossibile, ma con una buona assicurazione il piacere è assicurato.

A proposito dell'autore

Marco e Felicity

Marco e Felicity, in viaggio per il mondo dal 2004 con oltre 100 nazioni visitate in 5 continenti. Prima viaggiatori e poi travel blogger, sognatori e sempre in cerca di nuove avventure.

Post correlati

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: