Viaggiare in macchina attraverso l’Europa è sempre un’esperienza dal fascino particolare. Farlo a bordo di una Range Rover Evoque SD4 è ancora più piacevole ed emozionante, per non parlare del comfort.

Evoque SD4

Il nostro viaggio parte da Milano, direzione traforo del Monte Bianco, uno dei principali collegamenti con la Francia: tutta autostrada, poco traffico nonostante sia piena estate (agosto) e arrivo a Courmayeur per l’ora di pranzo. Breve pausa, giusto un panino in una trattoria del paese e si riparte, pronti per attraversare uno dei tunnel più lunghi d’europa e i suoi 11,6 chilometri. Non un passaggio economico ma veloce: 52 euro per un biglietto di andata e ritorno da utilizzare entro sette giorni.

Tunnel Monte Bianco

Guidare per la campagna francese è piacevole e rilassante: da Lione verso la Bretagna si attraversano campi, fattorie e pochi centri abitati. Autostrade libere da traffico e con pochi caselli. E con la Evoque si viaggia alla grande: spaziosa, silenziosa, comoda e con sedili in pelle regolabili nelle più disparate angolazioni e posizioni, con tettuccio panoramico per rendere il viaggio ancora più piacevole. I consumi? Con il prezzo del gasolio in Francia che si aggira attorno ai 1,30 euro al litro i chilometri scorrono sotto le ruote senza troppi pensieri.

Dinan, Francia

Moulin è la nostra tappa per la notte: in piena campagna francese, una zona dove le vacche sembrano più numerose degli esseri umani. Pace e tranquillità regnano sovrane, forse fin troppo…

Il giorno dopo il nostro viaggio prosegue fino a Rennes, in Bretagna: una bella cittadina, poco caotica e ricca di storia. Ci fermiamo ad ammirare gli edifici tipicamente bretoni e non ci facciamo mancare nemmeno una sosta in una boulangerie per gustare un croissant appena sfornato.

Rennes, Francia

Da Rennes proseguiamo sulla costa della Bretagna: in cinque giorni visitiamo le località di Dinan, Saint-Jacut-de-la-Mer, Saint-Briac-sur-Mer e Saint-Malo. Un bel colpo d’occhio anche se il meteo non è sempre favorevole e incontriamo anche giornate piovose e con molto vento. La temperatura media è di 15 gradi e di notte scende anche a 5-6 gradi.

Costa della Bretagna, Francia

Saint-Malo è una cittadina molto turistica e famosa in tutto il mondo. Il centro storico è un susseguirsi di piazzette, vicoli e piccoli negozi. Non mancano nemmeno bar e ristoranti, quasi tutti caratteristici e con specialità locali a base di pesce.

St Malo, France

Da Saint-Malo parte il traghetto che ci porta all’isola di Guernsey: circa due ore di viaggio con un catamarano e con auto al seguito nella stiva. Il prezzo non è di quelli che strappano un sorriso: 230 euro per auto e due persone.

Fort La Latte, Bretagna

Guernesy è una delle Channel Islands, le Isole del Canale, un paradiso fiscale dall’atmosfera quasi mediterranea. Un piccolo centro e un lungo mare tappezzato di bar e ristoranti a base di pesce: turistica ma non troppo. Anche qui le stagioni non sono affidabili e in estate le giornate possono essere fredde e piovose.

Guernsey, Channel Islands

Da qui l’Inghilterra dista circa due ore, sempre con catamarano. Attracchiamo al porto di Poole, famosa località turistica nella regione del Dorset, nel Sud-Ovest britannico.

Guidare sulla corsia di destra non è un grosso problema: con la Evoque il cambio è automatico e il contachilometri elettronico può essere impostato sia su chilometri che su miglia orarie, utile per evitare brutte sorprese con gli autovelox. Il sistema di controllo di uscita di carreggiata aiuta nel momento in cui ci spostiamo troppo a sinistra, manovra che viene quasi automatica quando si è abituati a viaggiare sempre sulla destra.

Bournemouth, Inghliterra, UK

Da Poole si arriva a Bournemouth, forse la località di mare più famosa in Inghilterra grazie alle sue lunghe e larghe spiagge di sabbi. Come in Italia anche qui agosto è un mese da evitare: troppa gente, caos, prezzi maggiorati…

Passando per Londra si arriva a Dover, da dove parte il traghetto che ci riporta nel vecchio continente: meno di due ore e raggiungiamo Calais, Francia.

New Forest, Inghilterra, UK

Decidiamo di fare ritorno in Italia attraverso il Belgio, fermandoci per la notte a Gents, graziosa cittadina caratterizzata da un centro storico in ciottolato ed edifici tipici delle Fiandre, con fiori colorati sia sui balconi delle case che sui numerosi ponti che collegano i vari punti della città. Da Gents e con diverse ore di auto ritorniamo in Francia, passando dal Lussemburgo dove ci riforniamo di gasolio (1,8 euro al litro).

Gent, Belgio

Luneville è la nostra tappa per i successivi due giorni: una cittadina praticamente sconosciuta al grande pubblico ma molto graziosa. Il suo castello ricorda quello di Versailles, circondato da bellissimi giardini. Da Luneville, in una tratta unica, facciamo ritorno in Italia, passando per Germania e Svizzera.

Un viaggio di circa tre settimane, attraverso 4000 chilometri e sei paesi. Un’esperienza piacevole, poco stancante ma sopratutto emozionante. Ovviamente l’auto era quella giusta: comoda, scattante, veloce e spaziosa.

evoque sd4 interni

Il prossimo viaggio on the road? Per il momento ci accontentiamo di raccontare questa avventura con qualche foto..

A proposito dell'autore

Marco

Viaggiatore per il mondo con oltre 100 nazioni visitate nei 5 continenti. La passione per i viaggi è accompagnata da quella per la fotografia. Fondatore e autore di NonSoloTuristi.it e ThinkingNomads.com

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: