Un viaggio non è completo senza avere assaggiato prima alcune delle specialità gastronomiche locali. L’Olanda è una nazione conosciuta per i coffee shop, i canali, mulini a vento e le biciclette, ma meno per quanto riguarda la cucina. Ecco alcuni consigli su cosa “mangiare” in Olanda.

Aperitivo con formaggi tipici olandesi

E’ quasi impossibile rimanere indifferenti davanti a formaggi olandesi come il Gouda o l’Edam, serviti solitamente con olive o noci come aperitivo. Ma esiste una vera gamma di formaggi meno noti in Italia come il Maasdam, il Friesian o ancora l’Old Alkmaar.

Olanda: assaggio di formaggi

Spuntino all’olandese: l’Hollandse Niewe

Il simbolo della gastronomia olandese è senza ombra di dubbio l’Hollandse Niewe, letteralmente “olandese nuovo” è un’aringa affumicata (di norma la prima dell’anno) che si mangia così com’è con le dita (foto sopra) o in un panino accompagnata da cipolle tritate. Il 31 maggio nei Paesi Bassi si festeggia il “Vlaggetjesdag”, la festa dell’aringa, un giorno molto importante che segna l’inizio della stagione. Il pesce è festeggiato in tutto il paese e in modo particolare all’Aia, la più grande tra le città olandesi sul mare. Lasciatevi tentare dai tanti  chioschi presenti e provate lo street food olandese!

Olanda: spuntino all'olandese

Per merenda o dessert: High Tea e Poffertjes

Gli olandesi sanno farci con l’ora della merenda: al menu di molti ristoranti ed alcuni bar troverete l’High Tea. Ideale per trascorrere un pomeriggio in compagnia di amici, l’High Tea è composto da una tazza di thé con un assortimento di dolci, ma in tre tempi (consigliato per i buongustai di alto bordo!).I Poffertjes invece sono piccoli pancakes a base di farina di grano saraceno, ricoperti di burro e zucchero a velo, incredibilmente soffici e leggermente croccanti sui bordi: da non perdere!

Olanda: merenda

Come digestivo: il Jenever

Il jenever è un liquore a base di orzo maltato, erbe medicinali e bacche di Ginepro. Il nome originale “Genever”, dal francese “Genièvre” è stato poi trasformato in “Gin” quando sbarcò nel Regno Unito. Potrete assaggiare il Jenever giovane o invecchiato così come decine di altri liquori dai gusti più diversi (dalla rosa al limone passando per la nocciola o l’anice) al Museo della Distilleria Van Kleef dell’Aia.

Olanda: digestivo Jenever

Buon viaggio ma soprattutto… buon appetito!

A proposito dell'autore

Map and Fork

Un diario di viaggio e di ricette, un invito alla scoperta del mondo, per il piacere degli occhi e della bocca. Portiamo i nostri lettori in giro da un paese all’altro per condividere nostre avventure, far scoprire le destinazioni che visitiamo, compresi i loro segreti, condividere i loro piatti tipici ma anche quelli solitamente riservati alle persone del posto.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.