A Savonlinna tutti hanno una barca, mi hanno detto. Ci sono aspetti della cultura finlandese che si propagano attraverso i geni in modo incontrollabile, come la passione per la sauna che qui è tutt’altro che un momento di buia meditazione, quanto piuttosto una circostanza aggregante e festosa. In questa pacata località sul lago Saimaa, il più grande della Finlandia e il quarto d’Europa, in nessuna famiglia può mancare un’imbarcazione su cui concedersi una tranquilla gita sulle acque dei questo enorme specchio d’acqua, tra i verdi isolotti che emergono dalla placide acque alterate solo dal passaggio dei naviganti.

Lago Saimaa - Savonlinna, Finlandia

Questa passione per la navigazione lacustre ci viene esplicitata sin dall’inizio della nostra giornata a Savonlinna, quando veniamo accompagnati a bordo del traghetto a vapore Paul Wahl, un’imbarcazione storica che attraversa ancora oggi i flutti del Saimaa per la gioia di turisti e visitatori. Incuriosito mi infilo con dubbia legittimità anche nella sala motori, dove lo sferragliare degli ingranaggi è un monito sereno ma inequivocabile sulla longevità del nostro mezzo. Fiero e baldanzoso, dopo aver appurato la mia nazionalità il capo macchine regala una sonora pacca al grosso tubo d’acciaio ed esclama: “Ferrari!”

Sulla socialità degli abitanti di questa parte della Finlandia avevo già avuto conferma il giorno prima a Lappeenranta, dove ero giunto grazie a Ryanair, tra gli sponsor del tour, che con questa località ha stabilito un ponte aereo attivo due volte alla settimana da Orio al Serio. Siamo in Carelia, non una regione qualsiasi, e qui la formale diligenza degli scandinavi ha subìto incursioni di loquacità e cameratismo. Il paesaggio verde e rigoglioso fa da cornice a cittadine , ma capaci di offrire perle di storia e cultura di indubbio fascino. Le acque del lago Saimaa si prestano ad ogni sorta di sport acquatici e sono anche l’habitat della foca degli anelli (Pusa hispida). Purtroppo questi simpatici mammiferi se la passano tutt’altro che bene: riscaldamento ambientale e attività umane come la pesca incontrollata hanno ridotto drasticamente il loro numero, e ora la società civile si è attivata per imporre nuove norme che hanno già riportato la popolazione in crescita. In particolare, se decidete di visitare il lago Saimaa in inverno, assicuratevi di non introdurvi nelle aree dove le foche sono solite riprodursi per non disturbare l’accoppiamento o l’allevamento.

Lago Saimaa - Savonlinna, Finlandia

Esaurita la nostra foga marinaresca, sulla terraferma ci attendeva l’incontro con il simbolo di Savonlinna, Olavinlinna, il magnifico castello eretto nel 1475, quando questa parte della Finlandia era ancora sottomessa al Regno di Svezia. Solido e compatto, il castello occupa un isolotto in un’ansa del lago Saimaa ed è collegato alla terraferma tramite un ponte pedonale. Si tratta di una vera e propria fortezza adibita alla difesa del territorio, pertanto l’accento è posto sulla solidità delle mura e non sull’eleganza delle sale interne. Dopo essere passato per le mani di diversi imperi, compreso quello russo che ne fece una prigione tra il 1855 e il 1861, nel 1870 Olavinlinna diviene monumento storico e a partire dal 1912 al suo interno si cominciano a tenere i primi festival operistici, ricorrenze che oggi sono una delle principali attrattive dell’estate di Savonlinna.

Ma la regione del Saimaa non é solo placide acque e dimore medievali. È anche un territorio straordinariamente verde, come d’altronde verde è tutta la Finlandia. Il paese è infatti ricoperto per il 70 per cento da foreste, la più alta densità di tutta Europa, e proprio tra gli alberi secolari che ne adornano il territorio i finlandesi hanno sviluppato riti, credenze, tradizioni e superstizioni antiche quanto le piante sotto la cui ombra sono state messe in pratica. Per celebrare e raccontare questo intimo legame con la natura, a Punkaharju, comune a circa 30 chilometri da Savonlinna, è sorto il Museo Finlandese della Foresta, denominato Lusto, che in lingua locale indica l’anello che nel tronco degli alberi ne stabilisce l’età.

Lusto - Punkaharju, Finlandia

Il Lusto non è necessariamente un inno all’ecologia o alla natura selvaggia. È il simbolo di un rapporto simbiotico tra l’uomo e la foresta, fondato su un delicato rispetto, su acquisizioni e prevaricazioni seguite da prese di coscienza e riattribuzioni. La foresta è fonte di vita e di materiali a cui attingere, e infatti il museo stesso è realizzato interamente in legno. È anche la cornice di favole e racconti, nonché il teatro di innumerevoli attività umane, come la notevole collezione di reperti e macchinari è in grado di testimoniare.

Oltre che una pietra miliare della cultura e della storia finlandese, il Lusto è un divertente laboratorio dedicato ai bambini per apprendere e giocare. Ammetto che forse è questo aspetto ad aver tra tutti fatto breccia tra le mie simpatie. Peccato che il museo chiudesse alle 18, altrimenti ora sarei ancora lì a esaltarmi sui simulatori dei macchinari pesanti dell’industria forestale…

Lusto - Punkaharju, Finlandia

Informazioni pratiche

Gite con battello a vapore VipCruise – Si tengono tutti i giorni tra giugno e agosto. Due le navi a disposizione, la SS Paul Wahl e la SS Punkaharju, tra loro molto simili. Su richiesta a bordo è possibile usufruire di servizio bar e ristorazione.

Associazione Finlandese per la Conservazione Naturale (protezione delle foche ad anelli) – L’associazione si occupa della proposta e promozione di leggi in difesa delle foche e della diffusione tra il pubblico di conoscenza e comportamenti responsabili. Durante la stagione degli accoppiamenti (tra dicembre e aprile) gli animali non devono essere disturbati. Anche l’uso di trappole e reti da pesca sono un pericolo.

Castello Olavinlinna – Da giugno ad agosto il castello è aperto tutti i giorni dalle 11 alle 18. Il resto dell’anno dalle 10 alle 16 (11-16 sabato e domenica).

Festival Operistico di Savonlinna – Quest’anno il festival avrà inizio il 3 luglio e si concluderà il 2 agosto. Tra le opere in programma figurano “La vedova allegra”, “Le nozze di figaro”, “Tosca” e “La traviata”.

Lusto, Museo Finlandese della Foresta – Il museo si trova a Punkaharju, a circa 30 km da Savonlinna, sulla Statale 14. Oltre a mostre permanenti di reperti e opere d’arte, collezioni di strumenti e macchinari, vi sono anche esibizioni temporanee che cambiano ogni anno e spazi interattivi dedicati al gioco e all’apprendimento. All’interno della struttura è presente anche un ristorante.

Per maggiori informazioni su Savonlinna: Savonlinna Travel.

Per maggiori informazioni sul turismo intorno al lago Saimaa: GoSaimaa.com e VisitSaimaa.com.

Il press tour intorno al lago Saimaa è stato parzialmente finanziato dal Fondo per lo sviluppo regionale dell’Unione Europea.

A proposito dell'autore

Flavio Alagia

Laureato in Giornalismo, il mio limbo professionale mi ha portato dagli uffici stampa alla carta stampata, per poi approdare al variopinto mondo della comunicazione digitale. Ho vissuto a Verona, Zurigo, Londra, Città del Capo, Mumbai e Casablanca. Odio volare, amo lo jodel e da grande voglio fare l'astronauta.

Post correlati

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: