#OMGB – Un viaggio all’insegna dell’avventura e trascorso on the road per scoprire luoghi e conoscere abitudini e usanze locali, per perdersi tra la gente del posto e sperimentare nuove emozioni. È in questo modo che è iniziato il nostro viaggio in Galles, dopo aver scoperto e approfondito i graffiti e i Murales di Bristol e aver visitato l’affascinante ed elegante cittadina di Bath in Inghilterra.

Cinque giorni trascorsi on the road in una delle nazioni che più ci hanno colpito in Europa, grazie alle sue bellezze naturali, i meravigliosi parchi nazionali, le pittoresche cittadine e la simpatia e accoglienza della sua popolazione.

Da questo nostro viaggio abbiamo “estratto” le 7 località che a nostro avviso vale la pena visitare:

1 – Tintern Abbey

nel villaggio di Tintern si trova la famosa abbazia cistercense di Tintern, costruita tra il 1131 e il 1536 sulle rive del fiume Wye, descritta nei versi del celebre poeta William Wordsworth:

Cinque anni sono passati; cinque estati, con la lunghezza

di cinque lunghi inverni! E ancora sento

queste acque, scorrendo dalle loro sorgenti di montagna

con un lieve mormorio dell’entroterra. Ancora una volta

guardo queste rupi ripide e elevate,

che imprimono a una scena selvaggia e appartata

pensieri di un isolamento più profondo; e congiungono

il paesaggio con la calma del cielo. […]

Si tratta dell’abbazia cistercense più antica e meglio preservata del Galles (e del Regno Unito), di cui molte parti sono ancora conservate e visitabili: celebri sono le sue enormi arcate e le grandi finestre gotiche. La visitiamo in una giornata piovosa e buia, non uno svantaggio, anzi, l’atmosfera è ancora più misteriosa e surreale. Guarda il video per avere un’idea di come si presenza questa abbazia in un giorno di pioggia.

L’ingresso è di 6 sterline e 50 centesimi per adulti. Maggiori informazioni sul sito Tintern Abbey

2 – Wye Valley National Park

Non lontano da Cardiff si trova il primo parco nazionale del Galles, il Wye Valley National Park. L’abbiamo attraversato in auto dopo esserci lasciati alle spalle Tintern Abbey, passati da Abergavenny e diretti verso Hay-on-Wye. Una strada stretta e poco battuta, circondati da natura incontaminata, qualche fattoria, prati e pascoli. Al Gospel pass si gode di un panorama mozzafiato sulle colline e sulla pianura del sud del Galles. In questo parco nazionale ci sono diversi sentieri da percorrere a piedi e in mountain bike.

3 – Hay-on-Wye

è una tappa imperdibile, specialmente se si amano libri e letteratura in generale. È un piccolo borgo (1400 abitanti) in stile georgiano, con oltre 40 librerie e il suo famoso festival letterario, visitato ogni anno da migliaia di persone. Tutto ebbe iniziò con Robert Booth, che aprì qui nel 1961 la prima libreria dedicata a libri di seconda mano, fatti arrivare direttamente dagli Stati Uniti e che in breve tempo divenne la libreria con libri usati più grande d’Europa.

Consigliamo quindi di visitare la sua libreria, la Richard’s Booth Bookshop per capirne la storia o semplicemente per curiosare tra le miglia di libri presenti nei suoi scaffali. In un angolo, in disparte per non disturbare i clienti della libreria, c’è anche un bar con poltrone, ideale per prendersi una pausa caffè e, perchè no, iniziare la lettura di un libro trovato proprio sugli scaffali di questa libreria.

4 – Bwlch Nant Yr Arian

Il nostro viaggio continua al Bwlch Nant Yr Arian una bellissima area forestale dove è possibile fare escursioni a piedi, in bici o mountain bike, o semplicemente godersi la pace e la tranquillità del lago che si trova a poche decine di metri dal Bwlch Nant Yr Arian visitor center. E proprio sulle sponde del lago che ogni giorno alle 14 viene dato da mangiare a centinaia di Red Kite, uno spettacolo unico nel suo genere, al quale purtroppo non possiamo assistere causa maltempo: al nostro arrivo infatti siamo travolti da una bufera di neve, che non permette nemmeno ai kite di sorvolare la zona. Peccato, anche se vedere il lago e le colline circostanti innevate è di per se uno spettacolo meraviglioso e unico.

Assistere all’evento dei red kite è gratuito, si paga solo il prezzo del parcheggio che varia a seconda della stagione. Maggiori informazioni: Bwlch Nant Yr Arian visitor center

5 – Snowdonia National Park

è il parco più grande del Galles, situato a nord della regione: qui si trovano i paesaggi più spettacolari della Gran Bretagna con ben 100 laghi, 90 montagne, coste e spiagge, vallate e brughiere. In questo luogo domina la natura più incontaminata con tantissime specie di flora e fauna protette.

In questo parco nazionale c’è l’imbarazzo della scelta per attività outdoor, tra escursioni a piedi o in mountain bike, e sentieri più o meno impegnativi per raggiungere le vette delle montagne. E proprio nello Snowdonia National Park che si trova Mount Snowdon, la montagna più alta d’Inghilterra (1.085 m). Raggiungerne la vetta non è impegnativo e il sentiero è ben segnato, adatto quasi a tutti, basta avere un minimo di allenamento. Per i più pigri o poco allenati c’è la possibilità di prendere lo Snowdon train, ovvero il treno a vapore che sale fino alla vetta del Mount Snowdon o alle stazioni intermedie. Il prezzo del biglietto varia in base al periodo ma prenotando con anticipo si risparmia e si evitano le code in biglietteria. Per saperne di più > Snowdon train

Durante il nostro viaggio abbiamo optato per il treno, considerato il periodo (marzo) e il meteo (neve e freddo). Piacevole la salita e al nostro arrivo alla stazione di Clogwyn ad attenderci c’era neve e freddo. Bello comunque, anche senza vista panoramica. Un’esperienza consigliata a tutti nonostante i biglietti del treno non siano a buon mercato.

Il viaggio on the road continua verso l’isola di Anglesey, attraversando il villaggio di Corris, pittoresco villaggio con case costruite in pietra locale e un piccolo centro, un negozio e un ufficio postale. Bello da vedere, anche solo se per pochi minuti.

6 –  Isola di Anglesey

Lasciato alle spalle il Parco nazionale Snowdonia proseguiamo il nostro viaggio sulla costa nord occidentale del Galles, per arrivare alla bellissima isola di Anglesey con i suoi centri caratteristici tra i quali Beaumaris, cittadina dominata dal castello omonimo, costruito tra il 1283 e il 1287 dal re Edoardo I dopo aver sconfitto i Principi di Galles. Una cittadina pittoresca, con le case color pastello, le tea room del centro e i piccoli negozi locali.

Trascorriamo un giorno anche nella pittoresca località di South Stack che occupa una posizione di privilegio sul mare ed è uno dei luoghi più suggestivi di Anglesey: il faro è il simbolo di questa località, punto ideale per ammirare bellissimi tramonti.

Abbiamo dormito in un hotel caratteristico, con poche camere, vista mare e curato nei minimi dettagli: Trearddurbay Hotel.

7 – Conwy

Alle porte di Liverpool si trova Conwy, famosa per il suo castello fortificato, Patrimonio dell’Umanità Unesco: quest’ultimo è considerato uno dei castelli più belli d’Europa e faceva parte dell’Anello di Ferro, ovvero delle quattro fortezze poste a difesa della regione insieme ai castelli di Caernarfon, di Beaumaris e di Harlech.

A Conwy si trova anche la casa più piccola del Regno Unito, davvero minuscola e da vedere.

Infine Llandudno, bella cittadina di mare e una delle località balneari più note del Galles settentrionale, a pochi chilometri da Conwy: famosa per le sue architetture in stile vittoriano, è definita la Regina delle spiagge gallesi per la sua eleganza e fascino. Da provare il fish and chips che da queste parti è una specialità. Dalla spiaggia si possono ammirare anche dei bellissimi tramonti.

Per dormire: Hotel St George, ottima posizione e sopratutto camere spaziose e moderne. Ottima colazione e wifi gratuito.


Il Galles è una terra tutta da scoprire, ospitale e paesaggisticamente meravigliosa. Il nostro consiglio è quello di noleggiare un auto e prendersela con calma, con stop in paesini dove il tempo sembra essersi fermato e godersi la pace e tranquillità di questa nazione.

Fuori stagione i prezzi degli hotel sono accessibili e anche i pub offrono menu a buon prezzo. Il periodo ideale per visitare il Galles è indubbiamente da maggio a ottobre, quando le temperature aumentano e le giornate sono più lunghe anche se non necessariamente meno piovose. Per qualsiasi informazione lasciate un commento.

Il video del nostro viaggio in Galles

Anche per questo viaggio siamo coperti dall’assicurazione di viaggio NonStop Family di Europassistance. Copertura completa per tutta la famiglia che include assistenza sanitaria 24 ore su 24, spese mediche fino a 1.000.000 di euro e garanzia bagaglio ed effetti personali.

Viaggiando con bambini così piccoli come i nostri (2 e 3 anni) una valida assicurazione di viaggio è essenziale. Non si sa mai cosa può succedere on the road e anche se ci si aspetta il meglio, bisogna prepararsi per il peggio. Imprevisti e incidenti, problemi di salute più o meno gravi, sono eventualità che non possono essere sottovalutate, per evitare di dover arrangiarsi da soli in paesi che non si conosco incorrendo in spese mediche che possono essere anche di migliaia di euro.

Noi partiamo sempre tranquilli con Europassistance perchè sappiamo che in caso di bisogno c’è qualcuno che ci assiste (e copre le spese mediche) dal momento della chiamata alla centrale italiana fino alla risoluzione del problema. Non partite mai per un viaggio senza una valida assicurazione, è il consiglio più prezioso che posso darvi.

A proposito dell'autore

Marco

Viaggiatore per il mondo con oltre 100 nazioni visitate nei 5 continenti. La passione per i viaggi è accompagnata da quella per la fotografia. Fondatore e autore di NonSoloTuristi.it e ThinkingNomads.com

Post correlati

6 Risposte

    • Marco
      Marco

      Hai ragione, purtroppo sono ancora pochi i viaggiatori che si avventurano in queste zone del Regno Unito. Tra poco pubblichiamo anche un primo video del viaggio on the road che abbiamo fatto.

      Rispondi
  1. pietrolley

    Una destinazione insolita, ma non per questo meno affascinante.
    Belle Corris e Beaumaris!
    E la casa più piccola al mondo è incredibile!
    Galles in lista 🙂

    Rispondi
    • Marco
      Marco

      Davvero una bella destinazione se si ma natura e tradizioni. Corris davvero bella, ma anche le abbazie e la campagna in generale. Da vedere 🙂

      Rispondi
  2. clara

    ciao a tutti io avrei 3 giorni ad inizio agosto sono a manchester e vorrei visitare il galles mi sono letteralmente innamorata del tuo video che dubito che in soli 3 gg si possa vedere tutto quello che hai visto te, le mie domande sarebbero: hai dei consigli su quali punti del galles per 3 giorni sono i più belli da visitare? premetto che adoro la costa e i suoi luoghi incontaminati… e poi alloggi? la macchina dove posso noleggiarla e te la noleggiano anche se hai la patente italiana? grazie in anticipo e ancora complimenti

    Rispondi
    • Marco
      Marco

      Ciao Clara e grazie per il feedback. Mi fa piacere ti sia piaciuto il video, nonostante il meteo non sia stato troppo clemente. In 3 giorni è difficile fare tutto l’itinerario che abbiamo fatto. Ti consiglio, se ti piace la costa, l’isola di Anglesey, davvero bella e con paesaggi spettacolari. Per gli alloggi dipende: che preferenze hai? Ostelli, hotel, guest houses? Per l’auto la puoi noleggiare in aeroporto. Prenotala prima facendo una ricerca sul sito della Ryanair che a mio avviso ha prezzi super competitivi. La puoi noleggiare anche con patente italiana.

      Rispondi

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: