Cagliari è il capoluogo di una delle regioni italiane più famose per le sue bellezze naturali, per la sua costa selvaggia ed il suo mare cristallino. Tuttavia, una visita alla città può svelare molti luoghi meno conosciuti e particolarmente caratteristici, oltre a parchi e musei di storia locale davvero interessanti.

Il suo centro è tutto un sali-scendi di vie strette e case tra loro vicinissime, arroccate sulla pietra. Se non vi spaventano le scarpinate, potete avere la fortuna di trovare punti panoramici da cui ammirare una vista mozzafiato, o riposare nelle tante piccole piazze in cui si trovano piccoli locali.

Potete cominciare il vostro giro dal Bastione di Saint-Remy, posto in una posizione abbastanza centrale, che con una scalinata permette di raggiungere la terrazza panoramica e che dà accesso anche ad una passeggiata coperta. Non lontano si trova il Palazzo Regio, sede del potere delle dominazioni che si sono succedute, e la Cattedrale di Santa Maria, particolarmente ben restaurata.

Foto John and Melanie (Illingworth) Kotsopoulos

Proseguendo, merita una visita la Torre dell’Elefante (a voi la sfida di scoprire il perché di questo nome), sulla quale si può salire. Nel tragitto non mancate di perdervi per le tante stradine in cui si dirama la città, dove scovare negozietti e ristorantini tipici. Imperdibili sono, infatti, le soste culinarie, in cui scoprire il cibo sardo, come i “malloreddus” allo zafferano, i “culargiones” (sorta di ravioli con ripieno di patate), il pecorino sardo e i numerosi piatti di carni e salumi, senza scordare i dolci e, naturalmente, il mirto.

Foto Giallozafferano

A Cagliari potete anche visitare l’orto botanico, un luogo molto tranquillo e ricchissimo di piante anche esotiche. Lì si trova anche l’Anfiteatro romano.

Terminate il giro con una passeggiata sul lungomare, da cui ammirare il porto e le piazze centrali, molto vive e dinamiche soprattutto la sera.

Per un itinerario meno mondano, potete prendere l’autobus in direzione Parco regionale, un’immensa riserva in cui camminare o pedalare in bicicletta per ore tra il verde, le saline e la spiaggia, ammirando gli splendidi fenicotteri rosa volteggiare nell’aria od adagiati sull’acqua.

Non molto lontano si trova la costa, dove potete fermarvi per fare un bagno e recuperare energie. Se avete ancora tempo, sempre con l’autobus o la macchina si può raggiungere la costa sud, la cui bellezza non ha bisogno di altre parole.

A proposito dell'autore

Nicoletta Bezzi

Curiosissima di questo pazzo mondo, dei suoi popoli e delle sue culture, sia per lo studio sui libri di diritto internazionale, sia per tutte le volte in cui riesco a fare la valigia e partire, vorrei conoscerne tutte le storie e provare a raccontarle agli altri.

Post correlati

1 risposta

  1. LS

    Tra qualche settimana avrò finalmente la possibilità di visitare questa bella città! Seguirò i tuoi consigli ? buona giornata

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata