Fino a luglio 2017 il Palazzo Ducale di Genova ospita una bellissima mostra su Modigliani, che raccoglie quadri dipinti dall’inizio della sua opera fino al periodo trascorso a Parigi agli inizi del Novecento, dove il pittore era degno esponente della cosiddetta “Generazione perduta”, in compagnia di Hemingway, Picasso e tanti altri artisti dell’epoca.

Visitare l’esposizione è anche un’ottima occasione per passare una giornata a Genova, bellissima e vivace capoluogo ligure. Arrivando dalla stazione, si raggiunge velocemente il centro, passando per la spaziosa e luminosa via Garibaldi, in cui è possibile ammirare molti palazzi antichi, spesso avendo accesso anche al loro interno. Ad esempio, vi si trovano alcune facoltà dell’università, il Palazzo Podestà, il particolare Palazzo Rosso e molti altri.

Proseguendo, si trova anche la Basilica della Santissima Annunziata del Vastato, imponente e barocca, come testimonia il suo soffitto dorato. Arrivati in centro, è impossibile non restare colpiti dalle stradine strette  in cui si dirama la città, per aprirsi su piazzette curate. A questo punto potete raggiungere Piazza Matteotti, in cui si trova Palazzo Ducale, il cui interno è già di per sé artistico.

La mostra di Modigliani è visitabile in breve tempo e vi permetterà di perdervi negli splendidi ritratti di questo straordinario artista, famoso per i suoi volti dai colli allungati, i colori espressivi e gli occhi vitrei, simili a quelli delle statue. Come amava ricordare il pittore, infatti, egli dipingeva gli occhi solo dopo aver conosciuto l’anima di chi rappresentava. Non a caso, è quello che fece anche per la sua amata, Jeanne, a cui è dedicata l’ultima sala.

Terminata la mostra, potete passare a godervi il resto della città. Infatti, uscendo dalla porta posteriore, potete accedere direttamente alla piazza in cui si trova la Cattedrale di San Lorenzo, nel tipico stile gotico a strisce bianco e nere. A quel punto potete prendere la via del centro ammirando i negozi e non dimenticando una sosta per gustare qualche tipicità, come la focaccia ligure, proseguendo poi nella parte alta della città, per non perdere neanche un angolo.

Infine, non può mancare una visita al porto, dove si trova il famosissimo Acquario e due opere di Renzo Piano da non perdere: il Bigo, con un ascensore che offre una bellissima panoramica della città, e la Biosfera, una vera e propria grande sfera in vetro, dentro la quale è stato rappresentato il clima e l’ambiente dei paesi tropicali, con tanto di piante ed animali in libertà.

Se vi avanza del tempo, potete fare una visita a Boccadasse, vera cittadina portuale tipicamente ligure, vicina, ben raggiungibile e molto ben tenuta.

A proposito dell'autore

Nicoletta Bezzi

Curiosissima di questo pazzo mondo, dei suoi popoli e delle sue culture, sia per lo studio sui libri di diritto internazionale, sia per tutte le volte in cui riesco a fare la valigia e partire, vorrei conoscerne tutte le storie e provare a raccontarle agli altri.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: