HONDURAS: TROPICI DA RISCOPRIRE SULL’ISOLA DI ROATAN

Per la seconda volta nel giro di 3 anni ho avuto la possibilità di fare un viaggio in Honduras, un paese che mi è rimasto nel cuore, sia per il calore della gente che per la bellezza del paesaggio.

Per chi ancora non lo sapesse, la Repubblica dell’Honduras è il cuore dell’America Centrale. Bagnato dal Mar dei Caraibi e dall’Oceano Pacifico e confinante con Guatemala, El Salvador e Nicaragua, il Paese affonda le radici in una storia millenaria: fu infatti la prima patria della civiltà dei Maya prima dell’esodo verso Guatemala e Messico.

Caratterizzata da un esotico profilo disegnato da montagne, valli, pianure e foreste tropicali, si tratta di una meta troppo spesso sottovalutata da turisti e viaggiatori per via della torbida immagine che i media forniscono di questo splendido Paese, in passato piegato dalle repressioni, dalla criminalità e dai traffici di droga.

Nonostante la sua storia recente ne abbia messo a dura prova la stabilità politica e sociale, l’Honduras è partito alla riscossa: vive attualmente il periodo più positivo degli ultimi anni e ne approfitta per mostrare al mondo l’ineguagliata bellezza del suo patrimonio naturalistico.

IL VOLO E IL PERIODO MIGLIORE

Grazie a un volo diretto di Air Europa da Madrid all’aeroporto di San Pedro Sula, viaggiare in Honduras dall’Europa è più comodo e conveniente anche per gli italiani.

Trattandosi di una regione tropicale, il clima è piuttosto caldo e accogliente in ogni mese dell’anno, per cui non ci sono particolari periodi da escludere, fatta forse eccezione per la stagione delle piogge tropicali, più frequenti fra tarda primavera e inizio estate.

È tuttavia utile tener conto del fatto che la maggiore affluenza di turisti si verifichi durante i primi mesi dell’inverno, dicembre, gennaio e febbraio per intenderci. 

L’ISOLA DI ROATAN

Da San Pedro Sula, tramite un volo interno per l’aeroporto Juan Manuel Gálvez, si raggiunge la leggendaria Isola di Roatan – la più grande delle Islas de La Bahia – famosa per essere stata il quartier generale del pirata Henry Morgan.

Durante tutto l’anno l’isola è accarezzata da un piacevole clima tropicale che mantiene la temperatura attorno a una media di 28 °C, motivo per il quale è un’importante tappa di tutte le crociere nel Mar dei Caraibi. Si estende per circa 83 km2 parzialmente a ridosso della barriera corallina, i cui scorci sono visibili lungo la costa occidentale, la più selvaggia e incontaminata e dunque luogo principale d’attracco delle navi da crociera.

PARCO GUMBALIMBA A WEST BAY

Situato a West Bay a due passi dal mare, il Parco Gumbalimba trae il suo nome dal Gumbo-limbo, un albero indigeno dell’Honduras dalla caratteristica corteccia rosso scuro.

Strutturato in forma di riserva naturale, questo parco tematico è una vera e propria immersione nel mondo dei Caraibi con attrazioni, percorsi e itinerari adatti a turisti grandi e piccoli: attività acquatiche, fra cui escursioni in kayak, scuba-diving e sea-trekking; passeggiate nella foresta in compagnia di piccole scimmie e uccelli esotici; giardino botanico con torrenti e cascatelle; piscine ricreative per adulti e bambini.

Il Canopy Tour è certamente l’attrazione più interessante: un percorso in teleferica consistente di 17 piattaforme e due brevi tratti a piedi, che conduce dalle alture alla spiaggia di West Bay.

INCONTRO COI DELFINI ALL’ ANTHONY’S KEY RESORT

L’incontro con i delfini è un breve tour che conduce dalla spiaggia a Bailey’s Key, uno dei due isolotti a largo del resort Anthony’s Key a Sandy Bay.

Un gruppo di esperti naturalisti accompagna i turisti durante la memorabile passeggiata e fornisce informazioni su caratteristiche, vita e abitudini di questi esemplari appartenenti al genere dei tursiopi, comunemente conosciuti col nome di delfini dal naso a bottiglia, che qui vivono liberi nel loro habitat naturale. Durante il tour è possibile scattare foto o effettuare riprese con i propri dispositivi e interagire fisicamente con i delfini.

È vero, si tratta di un attrazione piuttosto commerciale, ma vedere i delfini nel loro habitat naturale e interagire con loro rende questa escursione un’esperienza davvero speciale.

SNORKELLING A BIG FRENCH KEY

Big French Key è un isolotto d’incontaminata sabbia bianca a poche centinaia di metri dalla costa, raggiungibile in 5 minuti con un motoscafo di linea.

Dominato dalle mangrovie e da una fittissima vegetazione tropicale, questo piccolo paradiso è il punto di riferimento per tutti gli amanti dello snorkeling e dispone di spiaggia attrezzata, bar e di un’area completamente dedicata ai bambini gestita da personale specializzato, che lo rende ideale anche e soprattutto per le famiglie.

Non ci sono alloggi per il pernottamento, ma si potrà godere di un pranzo coi fiocchi al ristorante El Cayo. 

 

 

OAK RIDGE E LE ESCURSIONI NEI TUNNEL DI MANGROVIE

Conosciuto anche come la Venezia dei Caraibi per via dei suoi numerosi canali, Oak Ridge è un villaggio di palafitte dell’East End, immerso in un tipico paesaggio tropicale di fitta vegetazione su colline che finiscono in mare.

È famoso grazie al tour fra i tunnel di mangrovie a bordo d’imbarcazioni tipiche dell’isola, un tempo unico modo per spostarsi di villaggio in villaggio. Durante il tragitto di ritorno è previsto l’attraversamento del sito archeologico di Punta Gorda, il più antico insediamento dell’isola.

WEST END E VITA NOTTURNA

West End è una piccola cittadina sul mare nella zona sud-ovest dell’isola, poco sopra West Bay. Ospita la più alta concentrazione di bar, pub e discoteche di tutta Roatan e rappresenta quindi il punto di riferimento dei turisti in cerca di vita notturna. Si tratta di locali all’aperto che offrono spettacoli di musica dal vivo di diversi generi.

Fra i più celebri, il Nova, disco-bar per gli amanti di techno e dance-music, e il Fosters, il locale più frequentato ed esclusivo, tappa finale delle lunghe notti caraibiche. L’area è completamente pedonale, ma un grande parcheggio all’inizio del corso principale consente di lasciare comodamente l’auto.

MANGIARE A ROATAN

Il pesce fresco è protagonista dei menu dei ristoranti di tutta l’isola. I venditori di street food sono presenti ovunque e offrono la possibilità di acquistare cibo d’asporto e gustarlo in riva al mare, in particolare burritos e casadillas con aragosta o gamberoni.

Oltre ai piatti tipici della tradizione caraibica, ci sono alcune imperdibili chicche della cucina di Roatan: la baleada, una tortilla piuttosto spessa farcita con purea di fagioli rossi, formaggio e panna acida; è abitudine locale aggiungere uova strapazzate al ripieno e abbinarvi carne di pollo e verdure; la sopa de caracol, una particolare zuppa di mare a base di pesce e granchi blu, preparata con latte di cocco, chayote e lime.

Per chiudere in bellezza il tour enogastronomico, è d’obbligo assaggiare il Monkey La-La, un cocktail da aperitivo esclusivo di Roatan che non è possibile bere altrove, preparato con Kahlua, Bailey’s, latte di cocco, rum, banana e succo d’ananas. Monkey La-La è il nomignolo che gli isolani hanno dato al basiliscus, una lucertola tipica dell’isola in grado di correre sul pelo dell’acqua per lunghe distanze.

Uno dei posti migliori dove assaggiare questo cocktail è il Beer Bar at The Buccaneer in French Harbour

DOVE DORMIRE

Infinity Bay Spa e beach resort: qui si trova ogni tipo di alloggio, da stanze singole ad appartamenti con tanto di cucina attrezzata, stanze da letto e soggiorno. Ottimo il ristorante sulla spiaggia e personale molto accogliente. Il resort si trova su una delle spiagge più belle dell’isola. Consigliato per chi ha un budget medio, per famiglie con bambini e per chi ama una sistemazione con piscina e attrazioni.

Ibagari Boutique Hotel è davvero bello, curato nei minimi dettagli: poche stanze, atmosfera tranquilla e rilassata. Ideale per coppie ma anche per chi è alla ricerca di qualità e autenticità. Non economico ma ne vale decisamente la pena. 

A proposito dell'autore

Marco

Fondatore e autore di NonSoloTuristi.it e ThinkingNomads.com (versione inglese). 110 nazioni visitate in 5 continenti. In questo momento sono in viaggio con Felicity e le nostre due bambine nel sud est asiatico per 6 mesi, per dimostrare che è possibile continuare a viaggiare anche con l'arrivo dei bambini.

Post correlati

2 Risposte

  1. Marco Virgili

    Recensione fantastica Mi hai fatto proprio venire voglia di andare a visitare quest’isola è l’honduras come sempre vorrei fare alcune domande se possibile Io ho viaggiato abbastanza Sono stato in Messico Thailandia Seychelles Florida Keys e altre mete ogni volta prima di partire il contatto qualcuno che già ha esperienza nei posti dove vorrò andare tu mi sembri molto informato le solite due domande
    Io viaggio con la mia ragazza e forse per spirito di protezione mi informo sempre sulla sicurezza Com’è la situazione è sicura si respira sicurezza in giro Ho bisogno sempre a stare un po’ attenti con occhio vigile faccio un esempio in Messico pensavo di stare sempre sul chi va là invece mi sono dovuto ricredere assolutamente sicura molto più pericolosa l’Italia e poi qual è il costo medio della vacanza è un’isola costosa roatan oppure in linea di massima rimane abbastanza economica Scusa per il disturbo Per favore rispondimi Userò la tua recensione come una bibbia

    Rispondi
  2. Marco
    Marco

    Roatan è un’isola molto sicura e tranquilla. Non ci sono problemi anzi.. Ci sono voli charter che partono da Milano e una volta li i prezzi delle guest house variano a seconda delle zone ma possono partire da 40$ a notte per una stanza con colazione. Oppure ci sono ostelli, dipende da cosa si cerca.

    Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: