Se la vostra sete di viaggi non è stata soddisfatta con le ultime vacanze estive, e non vedere l’ora di fuggire chilometri e chilometri lontano da casa e dall’ufficio allora questo post fa al caso vostro.

Oggi vi proponiamo una lista di 5 luoghi più remoti al mondo, destinazioni particolari che richiedono un lungo viaggio, ma che lasceranno sicuramente a bocca aperta una volta raggiunte. Luoghi ai confini del mondo, ognuno con una propria particolarità che lo rende speciale.

Tristan da Cunha – territorio britannico d’oltremare di Sant’Elena

A circa 2.400 chilometri a sud di Città del Capo, Tristan de Cunha è l’arcipelago abitato più remoto del mondo e l’omonima isola conta solo 300 abitanti, che vivono di pesca e agricoltura.

Non c’è luogo migliore di questo se ci si vuole isolare completamente: c’è infatti un solo Internet cafè sull’intera isola e nessuna copertura di rete, ma è soprattutto una destinazione difficile da raggiungere e ancor più difficile da lasciare! Si possono infatti impiegare fino a 6 giorni per raggiungere Tristan da Cunha dal porto di Table Bay di Città del Capo e poiché sono pochissime barche che effettuano questa rotta, a volte si devono aspettare addirittura alcune settimane per lasciare l’isola.

Longyearbyen (Isole Svalbard, Norvegia)

Ecco la città più settentrionale del mondo! Longyearbyen è stata fondata nel 1906 come una città mineraria e la maggior parte della sua popolazione si dedica ancora principalmente all’estrazione del carbone.

L’avvistamento di renne, volpi e maestosi orsi polari è all’ordine del giorno e l’unico modo per orientarsi è quello di ricordarsi gli edifici e il numero delle miniere, perché non esistono i nomi delle vie. Da aprile ad agosto il sole non tramonta mai, potrete quindi vedere la città vecchia alla luce del sole per 24 ore!

Ojmjakon (Siberia, Russia)

Frost-encrusted house in the city centre.

Saresti in grado di trascorrere le vacanze nel villaggio più freddo del mondo? Anche se il rischio di congelamento è reale, con un inverno freddo che può raggiungere i -60 ° C, ben 500 persone vivono qui tutto l’anno. Partirono per cacciare i cervi nelle vaste aree innevate, andare a pescare sul ghiaccio o fare il bagno in sorgenti termali naturali.

Molto vicino al Circolo Artico, Ojmjakon è un’enorme zona permanentemente ghiacciata, dove non cresce nulla. La vostra dieta qui sarà a base di carne di renna o di cavallo.

L’unico modo per raggiungere la città? Partire in macchina da Yakutsk, la città più vicina, preparandosi a due giorni di viaggio percorrendo i 930 km che separano le due città.

Isola di Floreana (Ecuador)


Con appena 100 abitanti, questa isola delle Galapagos è super-tranquilla e perfetta per una vacanza all’insegna della natura. La Corona del Diavolo, un cono vulcanico sommerso, è ideale per lo snorkeling tra squali, leoni marini, tartarughe, anguille e un’ampia varietà di pesci.

La storia dei primi coloni dell’isola è caratterizzata da strane scomparse e morti misteriose. Per lungo tempo, l’unico hotel dell’isola, con l’unico telefono operativo, è stato la pensione Witter, gestita dai discendenti della prima famiglia che viveva nel Galapagos.

Raggiungere le isole Galapagos non è poi così difficile: prendendo un aereo dalla terraferma dell’Ecuador continentale si può volare sull’isola di San Cristóbal; da lì è possibile saltare di isola in isola, budget permettendo, e vederle tutte!

Socotra (Yemen)

Nel Mar Arabico si trova Socotra o, come è noto in sanscrito, l’isola della felicità.

Questo luogo detiene il titolo di Patrimonio Mondiale dell’Unesco grazie alla presenza dell’Albero del Drago, chiamato così perché i rami sembrano vene e la sua resina di colore rosso, chiamata Sangue del Drago, utilizzata per tingere e dipingere.

Le escursioni sotterranee permettono di raggiungere la totale oscurità e trovarsi a centinaia di metri sotto terra, dove le stalagmiti e le stalattiti di un metro sono così spettacolari che non hanno nulla da invidiare ai famosi alberi dell’isola. E se non fosse sufficiente, un altro piccolo regalo. Qui puoi praticare il miglior ecoturismo del mondo: campeggio in spiaggia e barbecue con le montagne sullo sfondo.

A proposito dell'autore

Marco e Felicity

Marco e Felicity, in viaggio per il mondo dal 2004 con oltre 100 nazioni visitate in 5 continenti. Prima viaggiatori e poi travel blogger, sognatori e sempre in cerca di nuove avventure.

Post correlati

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: