Tadoussac, piccola cittadina situata a 215 chilometri a nordest di Quebec City, fino a qualche giorno prima di decidere di andare in Canada, mi risultava sconosciuta. Un minuscolo puntino sulla carta geografica che si affaccia quasi alla foce del San Lorenzo, una cittadina di pochi abitanti che in inverno viene sepolta dalla neve inviata direttamente dal Polo nord e dalla Groenlandia. Eppure è qui che potrete passare una delle vostre più belle giornate in terra Canadese, specie se siete in compagnia dei vostri figli, per vedere beluga, foche e balene.

Come vedere le balene a Tadoussac, nel Canada Occidentale

Partiamo da Quebec City il terzo giorno del nostro viaggio in Canada. Col nostro bel SUV, dopo tre ore e mezzo di viaggio, arriviamo a Baia St. Cathrine. Mangiamo per strada e passiamo attraverso paesaggi montuosi, dove le strade sono un continuo saliscendi e i villaggi sono piccoli e sporadici. Baie St. Cathrine si trova sulla riva opposta del fiume Saguenay, un fiume che si tuffa direttamente nel San Lorenzo.

Dall’altra parte del Saguenay si trova Tadoussac. Per convenzione, parlerò di Tadoussac per un semplice fatto: è questo il posto migliore per vedere questi meravigliosi cetacei, e siccome nel tempo si è costruita una certa fama, parlare di Baie St. Cathrine non avrebbe senso, mentre Tadoussac gode di una certa popolarità tra gli interessati.

Da qui partono le crociere più importanti per vedere le balene. Io ho optato per Baie St. Cathrine per una questione di comodità. Da Baie St. Cathrine prendete subito la barca, se andate a Tadoussac, dove attraversare col traghetto e significa perdere almeno un’ora ad attraversata. E’ una cittadina che è costantemente avvolta da una nebbiolina sottile, e l’hotel Tadoussac dal tetto rosso mi richiama alla mente un certo Overlook Hotel, creando un’atmosfera degna del miglior Stephen King.

Decidere di vedere le balene in questa remota zona del Canada implica impegnarsi tutta la giornata per un’escursione in barca: tre ore di viaggio per andare, tre per il ritorno e tre per uscire con la barca. Nel caso non vogliate venire fino a qui in auto, perchè magari non vi va di noleggiarla o non ce l’abbiate, la stessa compagnia di navigazione vi offre il transfer gratuito con partenza e rientro fino a Quebec City, facendo varie tappe lungo la strada a raccogliere altri passeggeri. Avete l’opportunità di scegliere tra due tipi di barche: una grande e a più piani, una vera e propria nave da crociera, provvista di tavolini e bar, dove potete stare all’interno guardando il mare attraverso le vetrate oppure uscire su uno dei pontili ed ammirare il mare.

L’altra è un gommone, conosciuto anche come Zodiac, dove siete totalmente all’aperto e ha circa una ventina di posti disponibili. Entrambe hanno delle regole ben precise: la nave da crociera, in caso di avvistamenti di balene, normalmente deve diminuire la potenza del motore, mentre lo Zodiac può avvicinarsi di più agli animali, entrambi però rimanendo ad una certa distanza di sicurezza per evitare collisioni. Normalmente le crociere partono da Tadoussac, fanno tappa a Baie St.Cathrine per far scendere chi ha già fatto l’escursione e caricare nuovi passeggeri, poi si parte.

Questa zona del San Lorenzo è una zona molto frequentata da questi animali: è un’area protetta, un parco marino naturale dove balene e foche trovano l’habitat e il cibo adatti per potersi nutrire e vivere in pace. Una volta a bordo, la barca si spinge verso la foce del fiume e subito si iniziano a vedere i primi cetacei. Si distinguono benissimo i primi beluga, per via del loro colore bianco, poi spuntano dall’acqua anche le balene nere e le balenottere minori artiche, anche queste di colore nero.

Spingendoci un po’ più in la, arriviamo a vedere una cinquantina di esemplari di foche del San Lorenzo. Come detto l’escursione dura circa tre ore di navigazione e durante tutto il tempo è presente una speaker che con un microfono, in inglese e in francese, vi spiega le abitudini e le caratteristiche degli animali. Ad ogni avvistamento la gente si riversa nella parte della barca interessata in modo da vedere meglio chi sbuchi dall’acqua.

Il periodo migliore per l’avvistamento delle balene va da agosto fino a fine ottobre, noi ci andiamo proprio nel cuore del periodo migliore, i primi di settembre. In questi tre mesi gli avvistamenti sono frequenti, il fatto è che purtroppo le balene non escono dall’acqua a comando e soprattutto non fanno le evoluzioni o i salti acrobatici. Ci vuole proprio una buona dose di fortuna per poterle fotografare nella loro interezza. La giornata purtroppo non è fortunata e quindi ci dobbiamo accontentare di qualche testa, qualche coda e molte pinne dorsali.

Doveste decidere di optare per l’escursione in barca coi figli, vi consiglio di portarvi berrettino o cappellino, guanti e giubbotto bello pesante. Anche se la barca va piano, l’aria è molto umida e fredda. E sperate che non ci sia vento. Stesso discorso per lo zodiac, ma qui vi viene fornita anche una ceratta. Nello zodiac non sono ammesse donne incinte e bambini al di sotto dei sei anni sia per i continui salti sia per il tipo di barca, sprovvista di parapetti e quindi a forte rischio di caduta in acqua per i piccoli.

E’ vietato dar da mangiare o lanciare cibo agli animali: non ne hanno bisogno e soprattutto il nostro cibo non è adatto alla loro alimentazione. Il San Lorenzo pullula di pesci e plancton, se lanciate del pane in acqua fareste solo il loro male.

Come acquistare i biglietti per le crociere

Il modo più sicuro per poter partecipare alla crociera è quello di prenotare sul sito di AML Croisiere, sito in francese o in inglese. E’ il sito ufficiale della compagnia, e le partenze vanno da Tadoussac fino a Quebec City, con varie tappe. Come detto, è disponibile un transfer che vi porta dal punto di raccolta prefissato fino all’imbarcadero. Le stesse crociere comunque non partono solo da Tadoussac o da Baie St. Cathrine ma anche da altre cittadine. Le crociere di AML non sono solo per whale watching, ma anche pesca o per fare semplicemente un lungo giro sul fiume.

Il costo dei biglietti: un pacchetto famiglia, due adulti e due bambini sopra i sei anni costa 199 dollari canadesi, se invece avete dei bambini sotto i sei anni convengono i biglietti singoli. In due adulti e due bambini, di cui uno gratis, ho speso 164 dollari canadesi, al cambio 110€ circa.

Come detto il metodo migliore per acquistare i biglietti è on line, ma ho scoperto per puro caso che l’ufficio di informazione e accoglienza turistica di Quebec City ha una sezione dedicata alle escursioni. Potete pagare i biglietti qui e ritirarli all’imbarcadero del punto di partenza. Se siete pigri e non volete ne usare la connessione ne andare all’ufficio, potete andare direttamente all’imbarcadero della vostra destinazione prescelta e comprare subito i biglietti, col rischio di aver fatto la strada per nulla, specie se siete in alta stagione. Le crociere da Baie St. Cathrine sono tre al giorno: alle 9.30, alle 13.30 e alle 16.30.

Ultimo consiglio: sebbene sia una crociera, siete comunque degli “ospiti del parco”, abbiatene cura e rispettate questi stupendi animali, senza urlare, sbracciarvi o lanciando cibo. Le balene sono specie in pericolo, salvaguardiamole per quanto possibile.

A proposito dell'autore

Luca Pery

Sono Veneto e e sono cresciuto in quel di Caorle, un perla che si affaccia sull’Adriatico. Amo viaggiare con i miei inseparabili compagni di viaggio: la mia compagna e i nostri due figli. Mi organizzo e vivo i miei viaggi per poi raccontarli. Tornare a casa mi rende triste, ma per buttare via la tristezza mi preparo subito per organizzare il prossimo viaggio verso una nuova destinazione.

Post correlati

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: