18 città europee da visitare nel 2018

Innovative, divertenti, romantiche: il motore di ricerca viaggi Skyscanner.it ha selezionato 18 città europee da vedere nel 2018. Dalle coste frastagliate della Francia alle suggestive sponde del Mediterraneo, passando per alcune delle mete classiche d’Europa come Valencia in Spagna e per altre destinazioni meno note come Bled in Slovenia, il team di Skyscanner ha scelto 18 città europee di grande personalità, creative, particolari, da scoprire o meglio ancora da riscoprire durante il 2018.

1. PORTO, Portogallo

Si inizia con una città che si è guadagnata il titolo di Best European Destination per il 2017: Porto.

La bella portoghese è stata eletta “reginetta d’Europa” per la sua bellezza artistica, la calorosa ospitalità, l’eccellente patrimonio enogastronomico e un fascino senza fine. Appollaiata su una collina affacciata sul fiume Douro, Porto è una città su più livelli collegata da tram e ascensori, ricca di scorci romantici e custode di grandi tesori come il quartiere Ribeira, la Chiesa dos Clerigos e sua maestà il Dom Luís I. Questo ponte metallico ricorda tanto la Torre Eiffel di Parigi, dopotutto a progettarlo è stato uno stretto collaboratore dello stesso Gustave Eiffel. Prima di ripartire è d’obbligo degustare le migliori annate di Porto e fare incetta di Bifana, il panino tipico portoghese ripieno di lonza aromatizzata alla paprika.

Aeroporto più vicino: Oporto Francisco Sá Carneiro (10 km circa)

 

2. RAGUSA IBLA, Italia

Ecco una bella città siciliana dal fascino barocco: Ragusa Ibla, Patrimonio UNESCO incastonato nella provincia più a sud dell’isola di Sicilia. Ragusa Ibla è un antico quartiere di Ragusa, quello situato nella parte più orientale su di una collinetta costellata di chiese, ben cinquanta o giù di lì, e palazzi finemente decorati.

Per cogliere la sua vista più scenografica bisogna salire sulla parte più alta di Santa Maria delle Scale, per poi scendere di nuovo nel groviglio di viuzze imbiancate e sormontate da romantiche terrazze dalle ringhiere panciute. Il ferro battuto si unisce alla pietra bianca creando decorazioni uniche, come i piatti che si possono assaggiare nel ristorante due stelle Michelin Duomo, regno dello chef Ciccio Sultano. E poi via a smaltire il pranzo sulle orme del Commissario Montalbano…

Aeroporto più vicino: Comiso (15 km circa), Catania Fontanarossa (100 km circa)

 

3. MOSCA, Russia

Ospiterà la Coppa del mondo FIFA 2018 e accoglierà il taxi volante. Al di là di queste due grandi novità, la prima che mobiliterà migliaia di turisti da ogni Paese e la seconda che rivoluzionerà il trasporto mondiale, la capitale russa è strettamente ancorata al passato, quello glorioso e monumentale degli Zar, e lo continua a mostrare con grande orgoglio. Mosca lascia entrate i propri visitatori nella mura rosse del Cremlino, tra campane, cannoni e musei, riempie i loro occhi di colore con l’iconica Cattedrale di San Basilio e ne illumina il viso con le cappelle dorate della Cattedrale di Cristo Salvatore. E poi li porta a conoscere l’arte russa nella Galleria Tret’yakov, a vedere il balletto nel leggendario Teatro Bol’shoj e li invita a prendere una tazza di tè con la storia nel romantico Cafè Pushkin.

Aeroporto più vicino: Mosca Šeremét’evo (30 km circa)

 

4. KAMARES, Sifnos, Grecia

Non si è ancora (e per fortuna) piegata al peso del turismo di massa, mantenendo quell’autentica atmosfera mediterranea che solo poche isole sanno ancora regalare. Lei è Sifnos, un’isola greca delle Cicladi che resta nell’ombra delle sue sorelle Mykonos e Santorni ma che ha tanto da dare tra tramonti, spiagge e città.

Tra queste c’è la portuale Kamares, che Skyscanner ha deciso di includere nella lista delle 18 Città europee da vedere nel 2018 perché è una delle più belle dell’Egeo, arroccata su una collina ventilata e caratterizzata da casette bianche, meravigliosi monasteri e romantici mulini a vento. Si inizia la giornata sotto il sole delle spiagge del sud come Platy Yalos, e poi ci si possono gustare le ultime ore del giorno dalla Chiesa di Ayia Maria e concludere con una cena in una taverna tipica di Agia Marina.

Aeroporto più vicino: Atene-Eleftherios Venizelos, Milos Island National Airport, Santorini Thira (poi proseguire in traghetto)

 

5. ALHAMBRA, Spagna

Granada è una città meravigliosa, esempio eccellente dello stile arabo in Andalusia e città Patrimonio UNESCO, che ha ispirato artisti e letterati di tutto il mondo. In parte palazzo, in parte fortezza, in sostanza città murata, l’Alhambra incanta con le fontane gorgoglianti, le decorazioni sontuose e un’atmosfera unica, magnifica di giorno, stupefacente di notte, con i muraglioni illuminati dalla pallida luce dalla luna. Il nome di Al-Qal aal-Hmbra significa “fortezza rossa“, probabilmente per via del colore dei mattoni cotti al sole delle sue mura esterne… il fil rouge di tutte le viste della ciudad! Specie in estate, ci può essere coda e il numero di ingressi giornalieri è limitato, per cui è bene prenotare in anticipo.

Aeroporto più vicino: Federico García Lorca Granada-Jaén (10 km), Malaga Pablo Ruiz Picasso (130 km)

 

6. LEEWARDEN, Paesi Bassi

Questa meravigliosa città olandese, capoluogo della provincia settentrionale della Frisia, sarà Capitale Europea della Cultura 2018. Migliaia di abitanti stanno così ultimando il programma di un calendario ricchissimo di eventi, che ruota intorno al concetto frisone di comunità aperta: “iepen mienskip”. Il fulcro cittadino è l’avanguardistico Fries Museum che ospita diverse esposizioni come quella dedicata a Mata Hari, la cortigiana frisona dalla vita intrigante e misteriosa, e l’altra che omaggia Escher, l’artista olandese più popolare e geniale del XX secolo. Da maggio è la volta della mostra dedicata a 11 Fontane in 11 città della Frisia e il 17-19 agosto tocca allo spettacolo di strada Royal de Luxe, con i suoi iconici personaggi giganti… per un racconto magico della città.

Aeroporto più vicino: Amsterdam Schiphol (150 km circa)

 

7. CRACOVIA, Polonia

Il 2018 è l’anno giusto per conoscere Cracovia, perla della Polonia meridionale iscritta nella lista dei Patrimoni dell’Umanità UNESCO. Situata ai piedi della collina Wawel e abbracciata dai Monti Carpazi, questa è una città che si porta ancora dietro gli strascichi di una storia triste ma formante, ben visibili anche nella conformazione del suo centro diviso in due parti: cristiano a ovest, ebreo a est. Quest’ultima parte apre le porte a un mondo autentico che prende il nome di Kazimierz, un quartiere assolutamente da non perdere. Poi c’è l’antica Università Jagiellonica, frequentata da Copernico e Wojtyla, per citarne due, e un evento tutto da ammirare: lo Juwenalia Krakowskie, il momento in cui le autorità cittadine, a maggio, consegnano le chiavi della città alla comunità studentesca e si organizzano una così una miriade di iniziative interessanti.

Aeroporto più vicino: Cracovia-Balice Giovanni Paolo II (10 km circa)

 

8. LA VALLETTA, Malta

Non resta difficile capire il motivo della sua nomina a Capitale Europea della Cultura 2018, insieme all’olandese Leewarden: La Valletta è una piccola città fortificata delle meraviglie, il gioiello di Jean Parisot de la Vallette, un Grande Maestro dei Cavalieri di San Giovanni, perfettamente conservata e ancora ricca di esempi architettonici e artistici unici al mondo. Quattro temi (Generazioni, Percorsi, Città, Isole) raccontano durante tutto il 2018, un luogo del Mediterraneo intriso di storia, a metà strada tra Africa e Italia, ma che parla inglese.

Posta nella parte nord dell’isola di Malta, La Valletta vi aspetta con le sue bianche vie, i palazzi decorati, le chiese gioiello e infiniti tesori, tra questi due dipinti del Caravaggio, all’interno della Concattedrale di San Giovanni.

Aeroporto più vicino: Luqa Airport (8 km circa)

 

9. BRIGHTON, Regno Unito

Benvenuti nella “London by the Sea”. Situata lungo la costa meridionale, a circa un’ora da Londra, Brighton è una ridente cittadina del Regno Unito che piacerà tanto soprattutto agli studenti, visto che qui si trovano due brillanti università dai percorsi accademici eccellenti. Non mancano però divertimenti per ogni tipo di viaggiatore, nei suoi pub alla moda, nel cinema in spiaggia o tra le stradine hipster di North Laine.

In questo distretto, inoltre, ci sono innumerevoli graffiti, che danno ancora più colore a questa vivace cittadina del sud dell’Inghilterra: per chi ama la street art è una tappa irrinunciabile! Più chic la zona di The Lanes, con le boutique raffinate, le gioiellerie sfavillanti e i caffè letterari, dove prima di un tè all’inglese si possono vedere gli eccessi orientali del Royal Pavilion!

Aeroporto più vicino: London Gatwick(45 km circa)

 

10. BLED, Slovenia

Per stupirsi e stupire (magari la propria dolce metà), questa è la città ideale. Si chiama Bled, si trova in Slovenia e regala la vista da cartolina più romantica d’Europa, quella che ogni innamorato o sognatore vorrebbe avere impressa nel proprio cuore e nella propria mente, insomma per sempre. Stiamo parlando della visione – più che reale credeteci – di un’isoletta verde circondata dal blu di un lago alpino.

L’isoletta slovena si raggiunge solo via mare a bordo di un’imbarcazione tipica, la pletna, traghettata da barcaioli esperti che restano in piedi per tutto il tempo del tragitto. Una manciata di minuti e si approda sui 99 gradini che conducono alla Chiesa dell’Assunzione di Maria. Una volta tornati sulla terraferma, si può camminare verso il Castello di Bled e ammirare la vista mozzafiato, oppure armarsi di scarpe da trekking e salite sul colle Grajski grič.

Aeroporto più vicino: Lubiana Brnik (40 km circa)

 

11. ALACATI, Turchia

Per gli amanti del surf, ecco una città assolutamente da vedere nel 2018: Alacati! A soli 30 chilometri da Izmir si trova questo vero e proprio paradiso per gli amanti della tavola, un villaggio idilliaco che ospita ogni anno orde di surfisti da tutto il mondo, attirati dai venti forti del nord che soffiano in tutta la Penisola di Cesme e nella Baia di Ilica.

Ma non bisogna lasciarsi spaventare dalla forza di Eolo perché questo è il posto giusto per il battesimo dell’onda: chi è alle prime armi può affidarsi a una delle numerose scuole. Onde a parte, la città di Alacati è la destinazione perfetta per gli appassionati di archeologia: qui si trovano gli scavi di Efeso, la città romana meglio conservata dopo i Fori Romani. Dopo una giornata tra siti storici e spot acquatici, non può mancare una passeggiata nel centro, tutto pietre e boutique, in questa che viene definita la Saint-Tropez della Turchia.

Aeroporto più vicino: Smirne Adnan Menderes (70 km circa)

 

12. MARSIGLIA, Francia

Marsiglia non è una città per turisti. Non c’è niente da vedere. La sua bellezza non si fotografa. Si condivide. Qui, bisogna schierarsi. Appassionarsi.” Le parole dello scrittore Jean-Claude Izzo, nato a Marsiglia, esprimono bene il carattere intenso di questa meravigliosa città del sud della Francia, una meta di viaggio perfetta per chi ama i luoghi vibranti, che sanno raccontare. E non lo fanno solo con la bellezza dei monumenti – che qui comunque non mancano – ma anche con le storie della gente, che si incrociano notte e giorno in questo vero e proprio porto di mare.

Città multietnica, Marseille vanta un’accesa vita culturale – dopotutto è stata Capitale Europea della Cultura – e il Vieux Port, fra il forte Saint-Jean e il forte Saint-Nicholas, che ha visto attraccare navi da tutto il mondo. Ma sono i pescherecci la vera attrazione: basta arrivare al mattino per capire perché…

Aeroporto più vicino: Marsiglia Provenza (25 km circa)

 

13. KOTOR, Montenegro

C’è la tradizione legata al mare, l’influsso della Turchia e l’influenza dell’Italia. Stiamo parlando del Montenegro e di una sua piccola grande città, Kotor, che entra di diritto nella lista delle 18 Città europee da vedere nel 2018. Lei è la cosiddetta “sposa dell’Adriatico”, una città splendida che profuma di Mediterraneo ma che tanto ricorda i fiordi norvegesi per via delle sue scogliere disegnate ad arte come dalla mano di un artista.

Ecco a voi Boka Kotoskar, o Bocche di Cattaro, il tratto di costa più meraviglioso del Paese, inserito dal 1979 nella lista dei Patrimoni dell’Umanità UNESCO. Ed ecco il centro storico medievale di Kotor, caratterizzato dall’atmosfera rilassata, le dolci piazzette, la Cattedrale di San Trifone, la Torre dell’Orologio e il Palazzo Ducale. Un brindisi con un calice di Vranac (rosso locale) per celebrare l’inizio del viaggio. Aeroporto più vicino: Tivat (10 km circa)

14. LUCCA, Italia

La visita a Lucca è un giro fra i sapori, tra le ricette locali, di storia, tra i tanti monumenti, ma anche un giro di divertimento, con il festival del fumetto tra i più famosi in Europa. Se non si riesce a visitarla per il Lucca Comics & Games, a novembre, non c’è da disperare perché la bella toscana farà comunque sognare a partire dalla sua fantastica piazza “chiusa”, Piazza dell’Anfiteatro, opera ottocentesca del geniale architetto Lorenzo Nottolini.

Un capolavoro urbano che si trasforma nel simbolo di questa città circondata dalle Alpi Apuane e dalle campagne della Garfagnana. Un altro capolavoro sono poi le Mura con i bastioni, le porte e gli alberi secolari, e ancora le Torri, come quella delle Ore e quella Guinigi. La patria di Giacomo Puccini è tutta da scoprire e sa prendere i propri visitatori alla gola con il buccellato – il suo dolce tipico – perché come recita un adagio lucchese: “chi viene a Lucca e non mangia il buccellato è come non ci fosse mai stato”.

Aeroporto più vicino: Pisa San Giusto (30 km circa)

 

15. TROMSØ, Norvegia

Qui natura e cultura si stringono la mano conducendo in un mondo magico fatto di soli di mezzanotte ed aurore boreali. Siamo a Tromsø, una città che porta a caccia di emozioni forti nel nord estremo della Norvegia. Dopotutto questa è stata una delle tappe più significative per le prime spedizioni artiche, e da dove ancora oggi salpa l’Hurtigruten, ovvero il Postale, l’imbarcazione dei sogni di naturalisti, fotografi o semplici viaggiatori in cerca dei tramonti rossi del Mare di Barent.

Il 2018 si prospetta come una anno ricco di venti a partire dal Festival Internazionale del Cinema e il Festival Northern Light, due manifestazioni che attirano visitatori da tutto il mondo. Ma anche pieno di adrenalina, dato che vi si possono praticare gli sport più diversi, dal kayak allo sleddog.

Aeroporto più vicino: Tromsø Langnes (5 km circa)

16. VALENCIA, Spagna

Cultura, movida, tradizione. Sarà pure un grande classico, ma Valencia non stanca mai e rappresenta la vacanza perfetta. Sì perché la terza città della Spagna, dopo Madrid e Barcellona, è una delle mete più belle di tutto il Paese, con il suo mix di cultura catalana e andalusa, i capolavori architettonici di Calatrava, la grande festa popolare delle Fallas, le spiagge a perdita d’occhio e i quartieri festaioli, uno su tutti il Barrio del Carmen.

Prima di trascorrere una noche de fuego, val la pena esplorare i vicoli del centro storico tra torri, cattedrali e palazzi, e poi perdersi con la mente nella Città delle Arti e delle Scienze, fare un salto all’Oceanogràfic, uno dei più grandi parchi marini al mondo e lasciarsi conquistare dalle delizie iberiche della Plaza del Mercado… sempre se non si vuole optare per una pranzo a base di paella!

Aeroporto più vicino: Valencia Manises (10 km circa)

 

17. HEIDELBERG, Germania

Il 2018 è l’anno giusto per andare a scoprire il lato romantico della Germania, in una città ancora poco conosciuta dagli italiani ma molto famosa tra i viaggiatori del Nord Europa: Heidelberg, nel Baden- Württemberg. Il ponte Alte Brücke attraversa il fiume Neckar mentre il maniero, arroccato sul monte Königstuhl, fa da cornice all’abitato, a due passi dalla foresta Odenwald.

Da scoprire le segrete del castello, per poi scendere nelle cantine dove è conservata la botte più grande del mondo, costituita da 130 tronchi di quercia, lunga 8 metri, larga 7 e con una capacità di ben a 221.726 litri! Poi, da non perdere, Kornmarkt, la piazza più bella di Heidelberg, e un giro per l’università più antica della Germania, quella dove si sono iscritti studenti del calibro di Max Weber e Karl Jaspers.

Aeroporto più vicino: Francoforte sul Meno (95 km circa)

 

18. MOSTAR, Bosnia Herzegovina

Qui c’è il più alto campanile della Bosnia Herzegovina, quello della Chiesa Franjevačka crkva, si trovano mille varietà diverse di giglio bosniaco, quelle del Parco Naturale Ruište, e c’è un ponte voluto da un sultano ottomano, poi distrutto e infine ricostruito come simbolo della città, lo Stari Most.

Benvenuti a Mostar, una destinazione di viaggio speciale per via della sua storia legata alla guerra e della sua conformazione, che vede nel fiume Narenta, il quale passa sinuoso sotto gli archi a schiena d’asino del famoso ponte, la sua arteria principale. Questa è una città Patrimonio UNESCO che ha trovato nel turismo il suo salvatore: i viaggiatori la scelgono per la sua preziosa Città Vecchia, Stari Gard, per la natura incontaminata e per un ottimo rapporto qualità-prezzo. Assolutamente da segnare in agenda per il 2018!

Aeroporto più vicino: Mostar International Airport (8 km circa)

A proposito dell'autore

Marco e Felicity

Marco e Felicity, in viaggio per il mondo dal 2004 con oltre 100 nazioni visitate in 5 continenti. Prima viaggiatori e poi travel blogger, sognatori e sempre in cerca di nuove avventure.

Post correlati

1 risposta

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: