Quasi sicuramente non avete mai pensato di fare un viaggio a Baku, capitale dell’Azerbaijan. Ecco invece i 10 motivi per cui secondo me merita una visita

 

1 – Per la sua architettura “confusa”

Baku è una città unica nel Caucaso. La ragione principale è che diverse ispirazioni culturali e sociali hanno influito sul suo sviluppo, dall’URSS ai magnati occidentali del petrolio. Gli edifici di questa città sono lontani dall’ordinario: tappeti giganti, fiamme che si accendono di notte, fori di loto, sono solo alcune delle forme che vedrete. Ci sono anche molti edifici sovietici affiancati a quelli più moderni in vetro. Uno skyline “confuso” ma raffinato che non dimenticherete mai.

 

2 – Per l’ospitalità degli azeri

Gli abitanti di Baku sono estremamente amichevoli. Preparatevi a ricevere molti doni ed anche a pagare raramente i pasti al ristorante. Voi siete ospiti nel loro paese e pagarvi il pranzo o la cena è il loro modo di ringraziarvi.

 

3 – Per la cucina

A Baku ogni pasto è un avventura. Assaporate i piatti della cucina tradizionale come sac, qutab, kϋkϋ o dolma e pasteggiate con kompot (succo tradizionale) o ayran. Come dolce provate quelli con influenze turche come baklava o shekerbura. A fine pasto non può mancare un buon the accompagnato da confetture di frutta.

 

4 – Per la sua anima tra Europa ed Asia

L’Azerbaijan è geograficamente situato in Asia, ma Baku ricorda molte capitali europee. Gli abitanti stessi si dichiarano occidentali, nonostante ci si trovi in un paese musulmano. Non sarà facile ricordarsene poichè la maggior parte delle donne gira in gonna e  top senza maniche. Se volete scoprire l’Azerbaijan più autentico potete recarvi in periferia, dove lo shock culturale vi sorprenderà. Qui vedrete i membri delle famiglie azere riuniti a bere una tazza di the, mangiando dolci locali e godendosi semplicemente il tempo insieme. La fretta non è contemplata.

 

5 – Per il fuoco.. e per il fango

L’Azerbaijan è chiamato la terra del fuoco per una ragione. Prendete un taxi e fatevi portare a Yanar Dag, la misteriosa montagna che brucia perennemente a causa del gas. Se volete continuare ad avventurarvi in territori inusuali, recatevi a Qobustan e cercate gli incredibili vulcani di fango. Fate attenzioni agli spruzzi!

 

6 – Per i suoi musei

In molti sensi, Baku è davvero una capitale europea. Quando si tratta di musei c’è una vasta scelta per tutti. Se siete appassionati di storia, letteratura, tappeti o arte moderna troverete qualcosa che faccia al caso vostro. Cogliete l’occasione di visitare musei interessanti senza essere circondati dalla folla di persone che trovereste in Europa.

 

7 – Per il sole e le spiagge

Le spiagge vicino a Baku non sono particolarmente belle e spesso l’orizzonte è costellato di piattaforme petrolifere. Spostandosi di una cinquantina di km potrete trovare invece molte località dove immergersi nelle calde acque del Mar Caspio. Questo vi rilasserà e vi farà sentire veramente in vacanza.

8 – Per i siti storici

Se il centro storico di Baku (İçərişəhər) è considerato Patrimonio UNESCO un motivo deve pur esserci. Con la guida giusta, una bottiglia di acqua fresca e qualche dolce comprato lungo la strada, la passeggiata a İçərişəhər diventerà un’esperienza indimenticabile. L’edificio più famoso è la Torre della Vergine, in cima alla quale si gode di una spendida vista della città e del Mar Caspio. Non lontano da lì troverete il Palazzo degli Shirvanshah, un altro sito imperdibile.

Al di fuori di Baku ci sono molte fortezze da visitare: Qala, Mardakan e Ateshgah. Ultimi ma non meno importanti, non perdetevi gli antichi disegni preistorici di Qobustan.

9 – Per le sue religioni

In Azerbaijan c’è un grande mix di religioni, quindi potrete scoprirne di nuove. Dagli antichi zorastriani che adorano il fuoco, a musulmani, cristiani, cattolici ortodossi e indù … C’è posto per tutti!

Da non perdere la splendida moschea Bibi-Heybat, appena fuori dal centro di Baku e con vista su una piattaforma petrolifera.

10 – Per il lungomare

È il posto migliore in cui perdere tempo. Potete sedervi su una panchina a osservare il mare o fare un giro sulla ruota panoramica.  Le band locali suoneranno le canzoni azere e i bambini si uniranno al coro con le loro risate. Non correte, fermatevi e sorseggiate del the senza pensare a nulla. Questo è ciò che dovrebbe essere una vacanza a Baku.

 

A proposito dell'autore

Serena Corti

I primi viaggi in macchina lungo l'Italia li ho fatti con i miei genitori a 5 anni e da allora non mi sono più fermata. Mi piace visitare ogni paese con le per persone del posto e poi raccontare i miei viaggi a chi è in cerca di consigli. Per questo - e per paura di dimenticare - ho aperto un blog. Nel resto del tempo lavoro e studio.

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: