Nel ventunesimo secolo l’inglese è una delle lingue più parlate al mondo, seconda soltanto al cinese per numero di madrelingua. Tuttavia, sappiamo che, a prescindere dai numeri, l’inglese è la lingua della globalizzazione, della rete internet e dei social network. È la lingua della comunicazione internazionale, sia socio-culturale, sia economico-industriale. In epoca contemporanea conoscere l’inglese è diventato requisito imprescindibile, tanto che scuole e università di tutto il mondo stanno rendendo obbligatorio l’ottenimento di specifici certificati di conoscenza della lingua inglese.

Purtroppo i cambiamenti avvengono così rapidamente che è facile che si creino gap generazionali: molti ADULTI e non, si trovano a dover fare i conti con le generazioni immediatamente successive, spesso perfettamente in linea con le esigenze della contemporaneità. Non tutti i trentenni e quarantenni però posseggono al giorno d’oggi una padronanza dell’inglese tale da consentir loro di viaggiare a proprio agio, realmente o virtualmente, e inserirsi in modo consono in un mondo del lavoro internazionale sempre più smart.

Molti pagano caro il prezzo delle proprie lacune linguistiche e sono costretti a lasciar andare opportunità di lavoro, confinati nella convinzione che ormai non sia più possibile espandere il proprio universo sociale. Alcuni finiscono per trovarsi alle strette, costretti a dilapidare una fortuna in corsi d’inglese di dubbia qualità e scarsa utilità, vicino casa. I più volitivi pensano anche di fuggire per un periodo all’estero e risolvere il problema nel più efficace dei modi: fare un corso d’inglese là dove l’inglese è lingua madre. Allora magari si pensa a quanti giovanissimi s’incontreranno nelle scuole di lingua, soprattutto d’estate, quando orde di ragazzini senza particolari motivazioni popolano i corsi d’inglese di tutto il globo. Si comincia a sentirsi troppo vecchi, l’autostima comincia ad affievolirsi e il circolo diventa vizioso e senza fine…

…ma qualcuno si è stancato, e ha deciso che così non si può andare avanti.

Un gruppo di ragazzi over 30, provenienti da paesi europei ed extrauropei e che avevano già attraversato questa fase, ha pensato di trarne relativo giovamento, facendo, come suol dirsi, del mal comune un mezzo gaudio. Nasce così full-immersion.com, un sito che si propone di diventare il punto di riferimento per i corsi di Inglese all’estero per adulti. Il sito è stato creato e viene gestito con entusiasmo da un team internazionale di professionisti, provenienti dai settori più disparati (IT, linguistica, etc..), che si occupa di selezionare offerte formative di alta qualità e offrire consulenza specializzata relativamente ai corsi di inglese all’estero per adulti.

Sul sito sono proposte soluzioni di tutti tipi e adatte a qualsiasi esigenza, in modo che non abbiate più scuse e non vi resti che riempire il vostro bagaglio e partire: corsi di inglese generale stagionali, cicli di lezioni private, soluzioni gap year per chi intende seguire corsi di inglese di almeno 6 mesi, corsi di inglese business specifici per imparare l’inglese commerciale utilizzato in ambienti di lavoro dal forte carattere internazionale e corsi di inglese di preparazione agli esami di certificazione ufficiali (IELTS, TOEFL, TOEC, ecc).

La selezione di corsi di inglese per adulti è effettuata tenendo conto di numerosi requisiti per offrire corsi di lingua completi e specifici per diverse categorie di studenti, compresi i corsi destinati esclusivamente a chi ha un’età superiore ai trent’anni (anche over 40 e over 50).

 

Full-immersion propone anche una tipologia di corso pensata in particolar modo per i viaggiatori e per chi utilizza l’inglese per turismo, si tratta del corso Inglese In The City, basato sull’alternanza fra teoria e pratica. Il programma di questo corso adotta un syllabus studiato per aiutare chi apprende più agevolmente praticando la lingua, quindi unisce le tradizionali lezioni teoriche in classe a lezioni tematiche e uscite didattiche alla scoperta della città in cui ci si trova. L’interazione diviene in questo modo elemento catalizzatore di un’apprendimento diretto e completo della lingua, adatto anche a chi fa più fatica con la grammatica e a chi tende ad “assopirsi” sui libri.

Sul full-immersio.com trovate anche un sistema di ricerca per destinazioni (Inghilterra, Malta, Stati Uniti, Canada, Irlanda). Sul menu principale del sito, accanto alle destinazioni, sono indicate le fasce d’età 30+, 40+, 50+ che aiutano l’utente a individuare corsi destinati esclusivamente agli studenti maggiori di trent’anni (tutti le altre destinazioni sono quindi da considerarsi 18+, dunque non esclusive per i maggiori di trent’anni).

Grazie alla pagina prezzi e preventivi, potete inoltre selezionare le vostre destinazioni preferite e ottenere un confronto fra i prezzi dei vari corsi in meno di un minuto, immediatamente seguito da un preventivo istantaneo e personalizzato via email.

Non è mai troppo tardi per imparare una nuova lingua: un corso d’inglese per adulti all’estero potrebbe in poco tempo aprirvi molte strade verso nuove opportunità di lavoro e orizzonti sociali.

A proposito dell'autore

Marco e Felicity

Marco e Felicity, fondatori di questo blog e di Thinkinnomads.com - In viaggio per il mondo dal 2004 con oltre 110 nazioni visitate nei 5 continenti. Prima viaggiatori e poi travel blogger, sognatori e sempre in cerca di nuove avventure. Al momento in viaggio in Asia con Maya e Isabella, le nostre due bambine.

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: