Spesso ci viene chiesto com’è possibile viaggiare con i bambini, soprattutto se piccoli, in hotel a 5 stelle e boutique hotel. Mi piacerebbe dirvi che è una cosa semplice, ma non è sempre così, perchè molti hotel hanno regole ferree e spesso e volentieri i bambini non possono soggiornare in queste strutture. Altri hotel invece sono più flessibili, nel senso che fino a quando i bambini si comportano bene e non fanno “casino”, non hanno problemi ad ospitarli.

Noi abbiamo avuto la fortuna e il piacere di soggiornare in molti boutique hotel e resort a 5 stelle da quando sono nate le nostre 2 figlie: non sempre facile tenere sotto controllo delle piccole pesti ma fattibile, serve solo molta pazienza e disciplina.

Durante il nostro viaggio in Tailandia abbiamo soggiornato a Le Passe Temps che si trova nella zona di Krabi. Fa parte del gruppo Secret Retreats ed è nato circa 12 anni fa dal desiderio di Kiet e Olivier di avere un resort tutto loro. Dopo diversi sacrifici e sforzi finanziari sono riusciti nell’impresa di creare un resort particolare, unico è decisamente diverso da tutti quelli da noi visitati.

Le Passe Temps è una piccola oasi in una delle zone più turistiche della Thailandia. Un boutique hotel che può ospitare al massimo 20 persone il che lo rende un posto tranquillo dove potersi rilassare senza troppe distrazioni e disturbi da parte di altri ospiti.

Tutte le stanze sono curate nei minimi particolari e arredate con gusto con mobili e accessori provenienti da ogni parte del mondo. Lontano dal chiasso delle spiagge turistiche di Krabi, Le Passe Tempe si trova in una zona praticamente ancora non toccata dal turismo di massa, il che rende questo posto ancora più unico e indimenticabile.

Uno dei punti forti di questo Resort e ristorante che si trova sulla spiaggia: cena e pranzo possono essere consumati letteralmente con i piedi nella sabbia con le isole dell’arcipelago di Krabi a fare da sfondo. Inutile dire che la sera si crea un’atmosfera magica, quasi surreale.

Difficile dimenticare un posto come questo, anche per i bambini, perché sono ogni giorno a contatto diretto con la natura che li circonda, divertendosi con giochi da spiaggia e trascorrendo le giornate tra un bagno in piscina e qualche tuffo in mare.

La cosa che più mi ha colpito de Le Passe Temps è stata la volontà di Kiet e Oliver di non estendere il WiFi a tutto il resort, ma di tenerlo solo nella zona della reception. In questo modo si evitano le distrazioni che i cellulari e computer comportano e si passa più tempo leggendo libri o semplicemente rilassandosi sulla spiaggia.

All’inizio del post avevo accennato al ristorante sulla spiaggia: bene, non è solo la posizione il punto forte di questo ristorante, ma anche la sua cucina. Piatti freschi vengono preparati quotidianamente dallo staff che è prettamente thailandese, prodotti di qualità e pietanze sempre gustose. C’è anche un menu per i bambini piccoli per la gioia dei genitori.

Se vi trovate a passare dalle parti di Krabi, dovete provare Le Passe Temps: si viene trattati da subito come amici e non come ospiti paganti. Le serate si trascorrono tra una chiacchierata e l’altra nella lounge dell’hotel in compagnia di Kiet e Oliver. 

Un’esperienza unica che porteremo sempre nel cuore. Ritorneremo sicuramente a Le passe Temps nel nostro prossimo viaggio in Thailandia, per godere ancora di quella tranquillità che difficilmente si trova in altri hotel di questo livello.

 

Nel video che trovate di seguito potrete vedere di cosa sto parlando con immagini anche dall’alto che abbiamo girato con il drone.

 

 

A proposito dell'autore

Marco

Fondatore e autore di NonSoloTuristi.it e ThinkingNomads.com (versione inglese). 110 nazioni visitate in 5 continenti. In questo momento sono in viaggio con Felicity e le nostre due bambine nel sud est asiatico per 6 mesi, per dimostrare che è possibile continuare a viaggiare anche con l'arrivo dei bambini.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.