Forse non sarà una delle mete più popolari, eppure la Croazia si presenta come la destinazione perfetta per trascorrere qualche giorno o qualche settimana in tranquillità, in estate quanto in inverno.

Tra isole e bellissime spiagge, paesaggi naturali, ma anche incantevoli borghi medievali, la Croazia è sicuramente uno dei Paesi che vale la pena visitare almeno una volta nella vita, per innamorarsi della sua storia, della sua cultura e della sua gastronomia.

Se siete amanti dello spirito d’avventura, ecco quindi alcuni consigli per vivere un’imperdibile vacanza fai da te in Croazia, per godere a pieno delle sue meraviglie in completa autonomia!

Come muoversi: con un noleggio auto

Muoversi in Croazia non è certo difficoltoso, eppure, per un viaggio fai da te che si rispetti, l’opzione migliore per esplorarla non può che essere in automobile. Come riportato su mangiaviaggiaama.it/vacanze-croazia-itinerario-10-giorni/, infatti, con 6.000 chilometri di costa e più di 1200 isole, la Croazia risulta essere la destinazione perfetta per un viaggio on the road.

Se non avete a disposizione un’auto personale o un mezzo che ben si adatti ad un viaggio di questo tipo, non c’è niente di meglio che valutare l’opzione del noleggio auto, magari consultando prima un sito di comparazione. Come nel caso delle prenotazioni di biglietti o di hotel, anche in quest’ultimo caso confrontare le tariffe a disposizione prima di prenotare è il modo migliore per risparmiare.

Come spiegato su www.offertenoleggioauto.it, infatti, il sito di comparazione si occupa proprio di selezionare le tariffe più convenienti tra più 1200 fornitori e in ben 30 000 località, incluse molte sparse sul territorio croato. Tutto ciò che dovrete fare voi è selezionare luogo e data di ritiro: al resto ci penserà il sito di consultazione.

Una volta noleggiata la vostra auto, è bene che facciate attenzione alle principali regole di guida del Paese: come in Italia, in Croazia si guida a destra e si sorpassa a sinistra, ma il resto delle norme sembrano essere molto più intransigenti. Ricordate quindi di allacciare sempre le cinture di sicurezza, anche sui sedili posteriori, e di non mettervi alla guida nemmeno dopo aver bevuto piccolissime quantità di alcol.

Croazia on the road: esempio di itinerario

Partendo dall’Italia e giungendo quindi in Croazia passando per il Friuli-Venezia Giulia, la vostra prima sosta potrebbe essere l’isola di Krk, l’ideale per riprendersi dopo qualche ora di viaggio in auto. Vi basterà una sola giornata: fate un bagno nelle acque limpide dell’isola e godetevi il paesino illuminato la sera.

Non dimenticate, poi, di fermarvi a visitare una delle attrazioni più famose di tutta la Croazia: il Parco Nazionale dei Laghi di Plitvice, dove potrete trascorrere un’intera giornata ad ammirare la bellezza del paesaggio lacustre, magari dopo aver prima fatto una sosta ad Otacac, paesino situato tra il Parco e Plitvice.

Una volta giunti in Dalmazia, poi, potrete scegliere di dedicare qualche giornata a città come Zara e Primosten, incantevole soprattutto al tramonto.

Se avete tempo a sufficienza, inoltre, tentate di includere nel vostro tour in Croazia l’isola di Hvar, raggiungibile in traghetto dal porto di Drvenik e percorribile in un’ora e mezza, essendo lunga solo 80 km. Grazie all’indipendenza di cui godrete in automobile, dunque, ogni meta sarà raggiungibile, a prescindere da quale sia il tipo di percorso che più vorrete intraprendere: gastronomico, paesaggistico o alla ricerca degli itinerari meno conosciuti.

La Croazia è una terra tutta da scoprire, adatta ad ogni stagione e ad ogni tipologia di viaggiatore. Se vi ritenete tra i più avventurosi, se non amate che i vostri spostamenti siano pianificati sulla base di orari e disponibilità dei mezzi, un viaggio on the road è la soluzione migliore per vivere a pieno questo Paese.

A proposito dell'autore

Marco

Fondatore e autore di NonSoloTuristi.it e ThinkingNomads.com (versione inglese). 110 nazioni visitate in 5 continenti. In questo momento sono in viaggio con Felicity e le nostre due bambine nel sud est asiatico per 6 mesi, per dimostrare che è possibile continuare a viaggiare anche con l'arrivo dei bambini.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: