Se state per visitare Madrid e volete evitare i luoghi presi d’assalto dai turisti, vi propongo un itinerario alternativo che comprende alcuni dei luoghi meno conosciuti e al tempo stesso più interessanti della capitale spagnola. 

1 – Gli scivoli giganti di Madrid Rio

Se viaggiate con bambini non potete perdervi Madrid Rio. Si tratta di un parco che si estende per 6 km, lungo il fiume Manzanares, a sud della città. Un luogo popolarissimo tra i locali che lo scelgono per fare sport di ogni tipo.

Madrid Rio è ideale per le famiglie in quanto ospita differenti aree attrezzate per bambini. Una delle zone più spettacolari è quella dei toboganes gigantes: una serie di scivoli di proporzioni enormi a cui si può accedere gratuitamente. Un divertimento assicurato non solo per i bambini, ma anche per gli adulti, che possono tornare indietro del tempo e provare gli scivoli loro stessi!

Come arrivarciMetro: stazioni di Príncipe Pío (linee 6,10), Puerta del Ángel (linea 6), Pirámides (linea 5), Marqués de Vadillo (linea 5), Legazpi (linee 3 e 6) e Almendrales (linea 3).

Madrid Rio da vedere a Madrid

2 – Parco del Capricho

Il Capricho è un parco storico che risale al XIX secolo, creato dai Marchesi di Osuna, allo scopo di intrattenere le personalità importanti che ospitavano nella loro residenza. Per raggiungerlo dal centro di Madrid occorre prendere la metro per circa mezzora, e forse per questo il parco è generalmente trascurato dai turisti. 

Si tratta comunque di una parco incredibilmente bello e elegante e lungo il suo percorso potrete trovare molte aree di interesse, tra cui un lago artificiale (un tempo navigabile), un labirinto, e un bunker risalente alla guerra civile. 

Il parco è aperto solo il fine settimana!

Come arrivarciMetro: Stazione El Capricho (linea 5), Bus: 101,105,151.

parco del Capricho da vedere a Madrid

3 – Plaza de la Paja

Plaza de la Paja, una delle più belle della città, si trova nel cuore del quartiere centrale della Latina. Di forma irregolare, è circondata da molti edifici storici ed in epoca medievale ospitava il mercato. Oggi colpisce per il senso di pace e tranquillità che emana, pur trovandosi non molto distante dalle attrazioni più famose.

Plaza de la Paja è il luogo ideale per un pasto in una cornice suggestiva, in quanto ospita alcuni ristoranti che durante la bella stagione allestiscono le loro terrazze sulla piazza. 

Un’altra chicca è il giardino del Principe Anglona, che si trova quasi nascosto tra le mura nella parte bassa della piazza. Si tratta di un giardino risalente al XVIII secolo che si può visitare gratuitamente. 

Come arrivarciMetro: Stazione La Latina (linea 5). 

Plaza de la Paja a Madrid

4 – Il Museo Sorolla  

Se visitate il museo del Prado di Madrid vi capiterà di ammirare le opere di Joaquin Sorolla, un pittore impressionista Valenziano vissuto a cavallo tra il XIX e XX secolo. I suoi quadri, che colpiscono per la loro luce e colori, offrono un’interessante panoramica sulla vita quotidiana nella società spagnola dell’epoca. 

Sorolla passò gran parte della sua vita a Madrid e nel quartiere di Chamberí è possibile visitare la sua casa-museo. Oltre a ospitare molte delle sue opere, la casa possiede un bellissimo giardino in stile andaluso dove è possibile rinfrescarsi nelle calde giornate madrilegne.

Come arrivarciMetro: Stazioni Iglesia (linea 1), Rubén Darío (linea 5), Gregorio Marañon (linee 7 e 10) Bus: Linee 5, 7, 14, 16, 27, 40, 45, 61, 147 e 150.

Museo Sorolla a Madrid

5 – Il Faro de Moncloa a Madrid

Moncloa è un quartiere elegante a nord del centro, famoso per ospitare la sede del governo spagnolo. Qua si trova il Faro, una costruzione dall’aspetto futuristico, da poco riaperto dopo anni di chiusura. Salendo con l’ascensore fino a 92 metri potrete giungere alla sala panoramica, da dove ammirare una vista a 360° di Madrid, che include il circostante Parco dell’Oeste, Casa de Campo, il Palazzo Reale e le montagne della Sierra di Guadarrama in lontananza.

La visita al faro può anche essere un’occasione per visitare il  Museo de America che contiene un’importante collezione di reperti archeologici e etnografici pre-colombiani.

Come arrivarciMetro: Stazioni Moncloa (linee 3, L6), Islas Filipinas (linea 7); bus: 1, 12, 16, 44, 46, 61, 82, 83, 132, 133, 138, 160, 161, 162, C1, C2.

Il Faro de Moncloa

6 – La funivia di Casa de Campo

Casa de campo è di gran lunga l’area verde più estesa di Madrid e uno dei parchi più grandi d’Europa. Si tratta di una collina che un tempo era riserva di caccia reale e che oggi ospita, tra le altre cose, un parco di attrazioni, uno zoo, sentieri, vigneti, allevamenti di pecore e alveari di api.

Uno dei modi più interessanti di raggiungere Casa de Campo è con la funivia che parte dal quartiere centrale di Arguelles. Si tratta di un viaggio di circa 10 minuti che non raggiunge vette altissime (solo 40 metri!), ma che permette di osservare vedute interessanti della città. 

Una volta arrivati a destinazione potrete raggiungere a piedi il lago artificiale di Casa de Campo, che è navigabile in barca e canoa.

Il lungolago ospita ottimi ristoranti di cucina tipica spagnola.

Come arrivarciMetro: stazioni Argüelles (linee 3, 4, 6 per la funivia), Casa de Campo (linee 5 e 10), Lago (linea 10), Puerta del Angel, Alto de Extremadura (linea 6), Batan (linea 10).

La funivia di Casa de Campo a Madrid

7 – La Rosaleda di Ramon Ortiz

La Rosaleda di Ramon Ortiz è un altro angolo nascosto di Madrid di grande bellezza. Questo roseto si trova nel parco dell’Oeste, non lontano dal Faro de Moncloa e dalla funivia di Casa de Campo. In questo angolo poco frequentato dai turisti è possibile godersi un momento di pace ammirando  più di 600 specie di rose da tutto il mondo.

La visita è gratuita ed è particolarmente consigliata tra aprile e giugno, nel momento di maggiore fioritura delle rose.

Come arrivarciMetro: Stazioni Arguelles (linee 3 e 4),  Principe Pío (linee 6 e 10); Bus: 41, 46, 75.

la Rosaleda de Ramon Ortiz da vedere a Madrid

8 – Mercato dei produttori nel Matadero

Se siete a Madrid l’ultimo fine settimana del mese, ecco un’altra ragione per visitare Madrid Rio: il mercato che si svolge in prossimità del centro culturale del Matadero. Questo mercato ospita bancarelle di produttori per lo più locali, ed è l’ideale per provare lo street food in stile spagnolo.

Consigliatissime le tipiche crocchette di besciamella, che si possono gustare in diversi sapori, e i manolitos mini-croissants di burro o cioccolato popolarissimi a Madrid. Noterete anche code nel banchetto dei produttori di Vermut rosso italiano, che qua è l’aperitivo di moda. 

Mercato dei produttori nel Matadero di madrid

Come arrivarciMetro: Stazione Legazpi (linee 3 e 6); Bus: 6, 8, 18, 19, 45, 78 y 148.

A proposito dell'autore

Marangon Milena

Dopo quasi un decennio passato in Scozia mi sono trasferita a Madrid, città che adoro. Attraverso la scrittura cerco di inspirare i miei lettori a conoscere luoghi e aspetti culturali meno conosciuti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.