Un viaggio a Lanzarote è un viaggio fuori dal mondo immersi in un paesaggio lunare tra distese di lava e crateri vulcanici.

La natura nei secoli scorsi qui ha dato il meglio di se sconvolgendo quest’isola con una serie di eruzioni durate oltre sei anni dal 1730 al 1736: un’attività vulcanica tuttora in corso e visibile nel parco del Timanfaya dove, a soli 13 metri di profondità, si raggiunge una temperatura di 600 gradi, qui gli addetti del parco ne danno una dimostrazione gettando acqua all’interno di una buca dove dopo pochi secondi fuoriesce un geyser.

parco del Timanfaya a lanzarote

Il Parco del Timanfay

All’interno del parco si viene anche accompagnati in un percorso emozionante in bus intorno ai vari coni vulcanici oppure a dorso di dromedari  tra le dune di sabbia.

Sempre nella zona antistante al parco nazionale gli amanti del trekking possono fare bellissime passeggiate in mezzo alla lava o intorno alle montagne tra le quali per esempio il circuito segnalato della “Montana Colorada“ che baciata dal sole regala magiche fotografie.

Montana Colorada
Montana Colorada

Le colate laviche giunte fino al mare hanno creato pareti rocciose sulle quali si scagliano le possenti onde oceaniche nella zona de “Los Hervideros” e una bellissima spiaggia nera vicina alle saline del Janubio dove ai suoi lati è possibile ripararsi tra la lava dai forti venti che a volte spazzano l’isola.

Los Hervideros, lanzarote
Los Hervideros, lanzarote
Janubio, lanzarote
Janubio, lanzarote

Da non perdere sempre sulla costa Ovest il lago verde formatosi all’interno di un cratere crollato in parte e popolato da un alga che gli conferisce appunto questo suo colore caratteristico.

lago verde a lanzarote
lago verde

Le spiagge e il clima

Attraversando l’isola dal un lato all’altro si passa ad un ambiente completamente diverso, nella zona di Playa del Carmen al centro e Playa Blanca, a sud, si trovano invece candide spiagge di sabbia bianca dove il mare più tranquillo invoglia a bagni refrigeranti  nel periodo estivo o a veloci tuffi nella stagione più fresca.

Lanzarote è infatti definita, come tutte le altre isole dell’arcipelago, l’isola dell’eterna primavera, la temperatura anche in inverno difficilmente scende sotto i 20 gradi e anche nelle giornate più fresche è possibile stare in spiaggia e scaldarsi con il tepore dei raggi solari. Le nuvole qui corrono veloci non essendoci montagne alte che le bloccano e il tempo può variare diverse volte anche nell’arco della stessa giornata.

Proprio per le caratteristiche climatiche l’artista Cesar Manrique ha deciso di porre in questo paradiso la sua residenza e ha voluto lasciare la sua impronta attraverso diverse sue opere assolutamente da visitare: Jameos de l’Agua, le Jardin du Cactus, il Monumento al Campesino la Fondazione Manrique sono solo le principali, anche il simbolo del Mirador del Rio e il diavoletto del Timanfaya sono opera sua…

Cosa vedere a Lanzarote

Le cose da fare e da vedere a Lanzarote sono talmente tante che una settimana di soggiorno non è sicuramente sufficiente per tutte, anche se come superficie l’isola è abbastanza piccola; cito per esempio la spiaggia di Famara, paradiso dei surfisti, l’affascinante isola de la Graciosa, la Cuevas de Los Verdes, spettacolare opera della natura, e la zona de la Geria, patria del buon vino, un aperitivo al tramonto è assolutamente d’obbligo dopo una giornata di mare o a spasso per l’isola.

la spiaggia di Famara
la spiaggia di Famara

Come muoversi a Lanzarote

La macchina a noleggio è sicuramente il modo migliore per scoprirla.

Ma anche le escursioni proposte dalle varie agenzie locali o dai tour operator vi porteranno  nei luoghi più famosi.

Per chi invece è amante del dolce far niente o delle passeggiate infinite, Playa Blanca fa sicuramente al caso vostro con un lungomare che parte dal centro del paese e raggiunge le bellissime spiagge di Costa Papagajo, uno dei parchi naturali protetti dell’isola.

Costa Papagajo
Costa Papagajo
Costa Papagajo
Costa Papagajo

A proposito dell'autore

Fabio Grignani

Appassionato di viaggi fin da piccolo, da 15 anni ho trasformato questa passione in un lavoro e così abbandonata la sicurezza del posto fisso mi sono trasformato in agente di viaggio. Oltre a far viaggiare centinaia di persone mi ritaglio dei momenti per poter godere insieme a mia moglie Elena e mio figlio Alberto, delle bellezze del mondo, convinto che il viaggio è conoscenza, avventura e crescita.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: