L’Abruzzo, una regione ricca di verde per la presenza di Parchi, Riserve ed Aree Protette, mira a proporre un programma bike friendly green per coloro che vogliono vivere il territorio in maniera sostenibile.

Abruzzo bike green

Abruzzo bike green è una rete regionale rivolta a coloro che praticano sport di un certo livello ma anche a coloro che preferiscono una mobilità dolce tesa a scoprire luoghi, paesaggi e culture.

A questo suggestivo progetto aderiranno stabilimenti balneari, strutture ricettive ed erogatori di servizi specialistici come: noleggi e bike center, bici taxi servizi di trasporto  e tour operator, con il marchio “Active and Sustainable Tourism”.

Per aderire è necessario possedere i requisiti sanciti da uno specifico Disciplinare dedicato, sul “Turismo Attivo e Sostenibile” messo a punto con Legambiente, coerente con l’identità della regione e le caratteristiche dell’ambiente.

La Regione ha voluto investire in piste ciclabili, con 84 milioni di euro negli ultimi 6 anni, partendo dalla Bike to Coast, la pista che attraversa i 130 km della costa abruzzese e che vede nel tratto della Costa dei Trabocchi, un punto di eccellenza, lungo l’ex tracciato ferroviario affacciato sul mare – le vecchie stazioni ferroviarie, da Francavilla al Mare a Vasto-San Salvo sono state trasformate in hub intermodali (treno-bus-bici e parcheggi di scambio).

vasto ortona sedime

ArtBike & Run

A fine settembre 2020, lungo la Via Verde della Costa dei Trabocchi si terrà la prima edizione di ArtBike & Run, una tre giorni con una ciclo pedalata e una corsa podistica, fra arte e degustazioni enogastronomiche.

Uno degli artisti presenti sarà Francesco Camillo Giorgino, in arte Millo,  conosciuto per la sua abilità nel rendere vivaci  le grandi pareti grigie ed anonime di alcuni centri urbani.

Altri collegamenti ciclopedonali interni verranno realizzati e potenziati nel corso dei prossimi anni, fra di essi: le Ciclovie Roccaraso- Rivisondoli-Pescocostanzo, Piano delle Cinquemiglia- Scanno, Castel di Sangro-Ateleta, Barrea Villetta e Pescasseroli, Scontrone-Alfedena-Lago M Spaccata, le piste ciclabili Alto Aterno, Pescara, “Via dei Mulini”, Val Vibrata, Lanciano e la Pista Polifunzionale L’Aquila-Capitignano-Valle dell’Aterno.

Saranno destinate risorse anche alla valorizzazione degli itinerari per mountain bike e dei circuiti down hill su per colline e montagne abruzzesi; è già attiva la prima area web con percorsi geo-referenziati, dedicata alla rete “Abruzzo Bike Friendly”, con punti di interesse ed eventi sportivi di rilevanza nazionale ed internazionale.

abruzzo in bici

Abruzzo Bike Friendly

Una delle più importanti manifestazioni ciclistiche di Gran Fondo a livello agonistico, prevista ad Assergi, il 14 giugno 2020, vedrà la partecipazione di oltre 1000 atleti.

Scanno ospiterà il 7 giugno 2020 la Maratona degli Stazzi, che permetterà di pedalare attraverso le antiche case pastorali dislocate tra Frattura, il Valico di Monte Genzana, Passo Godi e il lago di Scanno.

Nella stessa località, il 18-19 giugno si terrà XTerra, una gara multi sport off-road che contempla nuoto, mountain bike e trail running.

A completare  il variegato calendario di appuntamenti ciclistici ci saranno, il 17 maggio 2020, la Gran Fondo dell’Aquila e la Gran Fondo del Parco (Villetta Barrea, prevista per il 28 giugno 2020).

L’assessore alle attività produttive, turismo, cultura e spettacolo della Regione Abruzzo, Mauro Febbo, ha commentato: “I nostri territori, unici ed irripetibili- sono dei palcoscenici naturali, perfetti per accogliere amanti della bici e di qualsiasi altro sport. Continueremo a lavorare per attrarre sempre più turisti ai quali far scoprire le bellezze naturali dell’Abruzzo”.

L’assessore alle attività produttive, turismo, cultura e spettacolo della Regione Abruzzo, Mauro Febbo

Informazioni dettagliate su www.abruzzoturismo.it

A proposito dell'autore

Oltre alla passione per la scrittura, un modo per "viaggiare" con le parole nelle molteplici sfaccettature della realtà, mi piace dedicarmi al trekking e al cicloturismo. Ho iniziato a viaggiare a quattro mesi, quando i miei genitori si sono trasferiti dal sud a Milano per motivi di lavoro, ripetendo lo stesso percorso, ogni anno, fino alla maggiore età. Ho visitato molti stati europei organizzando meticolosamente il viaggio e documentandolo grazie alla mia inseparabile macchina fotografica.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.