Viaggiare ai tempi del Covid – 6 esperienze di viaggio virtuali

Un anno fa la pandemia di Covid-19 ha iniziato a dilagare in tutto il mondo, riducendo al minimo la possibilità di viaggiare. È stato un duro colpo per gli amanti dei viaggi ma, nell’attesa di poter tornare ad utilizzare aerei, treni, auto, navi, piedi, possiamo soddisfare le nostre esigenze di viaggio comodamente da casa con la Virtual Reality (VR).

È possibile infatti sperimentare delle esperienze virtuali utilizzando semplicemente gli schermi dei nostri pc o dei nostri smartphone, oppure comprando dei visori all’interno dei quali inserire il nostro telefono e vivere un’esperienza più immersiva che ci consenta di “evadere fisicamente” dal luogo in cui siamo.

Sul mercato sono presenti vari tipi di visori il cui costo varia da qualche decina a qualche centinaio di euro, ovviamente più si spende migliore sarà il risultato. Un buon risultato si ottiene anche con un visore in cartone spendendo meno di € 10: basterà acquistare in qualunque sito di shopping online un “cardboard vr”.

Proponiamo sei “esperienze turistiche” che è possibile vivere comodamente da casa.

Musei Vaticani

I Musei Vaticani sono tra i musei più belli d’Italia (il Vaticano non è Italia, lo so, ma geograficamente ne è incastonato) e andare a vedere le opere al loro interno e le loro maestose sale è sempre una grande emozione. Oggi i musei sono facili da raggiungere anche grazie ai tour virtuali a 360° presenti nel sito ufficiale.

Farà uno strano effetto poter vedere la Cappella Sistina vuota e tutta per noi, potendosi soffermare sui particolari dei suoi spettacolari affreschi, compreso il Giudizio Universale di Michelangelo. In questo caso il tour virtuale non richiede l’utilizzo di un visore.

Musei Vaticani

Google Arts & Culture

Questa applicazione di Google dà la possibilità di “visitare” moltissimi luoghi e musei del mondo grazie ai virtual tours disponibili.

È consigliabile scaricare l’applicazione sul proprio smartphone e cercare i virtual reality tours di proprio interesse.

L’applicazione consente di, tra le altre cose, visitare la valle dei Templi di Agrigento, ammirare tutta Rio de Janeiro direttamente da sotto la statua del Cristo redentore, visitare da vicino la fontana di Trevi di Roma o la Dulwich Picture gallery di Londra. Muovendo la testa come se fossimo veramente lì, grazie ai sensori dello smartphone, la visuale consente di vedere in modo realistico l’ambiente che ci “circonda”.

fontana di  trevi

Cascate del Niagara

È giunto il momento di spostarci sul confine tra gli USA e il Canada (non avremo alcun problema di jet lag!) per vedere le spettacolari Cascate del Niagara.

Il sito web “Niagara Falls Canada” consente di vedere queste mastodontiche cascate dalle sue cavità, dall’elicottero o su una barca. Strano ma vero: non dovremo indossare un impermeabile che ci protegga dagli schizzi d’acqua, ma è sufficiente il pigiama.

Cascate del Niagara

Renania Settentrionale-Vestfalia

Questo Land tedesco, noto per le numerose realtà industriali, è in realtà ricco di bellezze naturali, interessanti musei e costruzioni medievali.

Il sito nrw-tourism offre la possibilità di visitare le meraviglie che questa terra offre. I palazzi Brühl, la Cattedrale di Colonia e le Miniere di carbone dello Zollverein sono solo alcuni dei beni, patrimonio mondiale dell’umanità UNESCO, di questa regione visitabili in modalità virtuale.

Trentino

Respiriamo aria fresca e pulita raggiungendo il Trentino per immergerci nella natura tra le sue bellissime montagne.

Con l’applicazione “Trentino VR” sarà possibile trovare esperienze da vivere nella meravigliosa terra trentina.

Come sappiamo la montagna ha due facce: la verde estiva e la bianca invernale, e questa applicazione consente di viverle entrambe. Potremo sciare sulle piste innevate, scalare una montagna baciati dal sole o navigare sul lago di Garda.

Dopo molta attività fisica virtuale, avremo sicuramente meritato una buona fetta di strudel reale comodamente a casa!

Faroe Islands

Il caso delle Faroe Islands è unico nel suo genere, anche se non più attivo. Durante il primo lockdown, questo arcipelago di 18 isole Danesi al largo delle coste settentrionali d’Europa, ha dato la possibilità di far visitare e conoscere i suoi paesaggi, fortunatamente risparmiati dal turismo di massa.

L’idea di Visit Faroe Islands è stata quella di permettere alle persone di “guidare” degli abitanti del luogo con una sorta di joystick virtuale. Ne sono nate ben 22 esperienze di viaggio (a piedi, in barca, a cavallo, in elicottero, e così via) grazie alle quali queste meravigliose isole incontaminate hanno potuto svelare il proprio fascino.

Oggi non è più possibile effettuare queste esperienze, ma i video sono rimasti online nel sito. In questo caso il tour virtuale non richiede l’utilizzo di un visore.

Faroe Islands

Conclusione

Queste sono solo alcune delle innumerevoli esperienze virtuali presenti sul web.

È però importante sottolineare che se, in tempo di pandemia, vogliamo immergerci in una specifica città o un luogo ben preciso, è sufficiente scrivere nella barra di ricerca di Youtube il nome della destinazione da “visitare” seguito dalla scritta VR (esempio: London VR): tutti i video che riporteranno la funzionalità 360° daranno la possibilità di immergersi completamente nel “luogo di destinazione” (ancora meglio con un visore e degli auricolari, così da poter “evadere” completamente da casa nostra).

La VR sicuramente non è una tecnologia che sostituisce i nostri viaggi; ci consente però di rievocare le sensazioni che abbiamo provato vivendo i nostri luoghi preferiti o, perché no, scegliere la prossima meta da visitare. Come il trailer di un film, possiamo pregustare un’anticipazione delle esperienze che vorremo vivere, nell’attesa di poter tornare ad affollare le strade, le stazioni e gli aeroporti.