I 5 borghi più belli delle Dolomiti

Le Dolomiti hanno molto da offrire per gli amanti del trekking, ma in terra dolomitica sorgono anche borghi magnifici, alcuni dei quali sono parte del circuito dei Borghi più belli d’Italia.

Oggi partiamo alla scoperta dei cinque borghi più belli delle Dolomiti, situati tra Trentino-Alto Adige e Veneto. Questi borghi sono ideali per una visita culturale o come diversivo per una giornata di pioggia in cui non è possibile uscire a fare trekking.

I 5 borghi più belli delle Dolomiti

Sottoguda

Questo piccolo borgo si trova nel comune di Rocca Pietore, ai piedi della Marmolada ed è in provincia di Belluno, in Veneto.

Questo borgo è entrato a far parte dei borghi più belli d’Italia nel 2016. Nel 1881 un grande incendio distrusse il paese, ma l’antica chiesa dedicata ai santi Fabiano, Sebastiano e Rocco, che risale al 1486, per fortuna resistette al rogo.

Sottoguda sorge vicino ai Serrai di Sottoguda, un canyon profondo 2 km e davvero suggestivo. Purtroppo, dopo la tempesta Vaia il canyon rimane ancora chiuso, ma vale la pena monitorare una eventuale riapertura per la visita andando sul sito ufficiale https://www.serraipark.it/i-serrai/.

Per chi ama il trekking c’è molto tra cui scegliere in questa zona: uno tra tutti è il sentiero che dal centro di Rocca Pietore porta nei boschi di Laste-Ronch per ammirare i monti Pelmo e Civetta.

Glorenza

Anche Glorenza è uno dei Borghi più belli d’Italia e si trova in Val Venosta in Alto Adige, non lontano dal Passo dello Stelvio e dal Lago di Resia, famoso per il campanile sommerso.

Glorenza è la città più piccola delle alpi meridionali, e, con i suoi 900 abitanti, anche una delle più piccole del mondo. È un perfetto esempio di architettura tardo-medievale. Il centro storico di Glorenza è ricco di portici e antiche case imponenti. La città conobbe un passato di ricchezza, dato che era ubicata lungo la Via Claudia Augusta, importante snodo per il commercio del sale. Ancora oggi a Glorenza ci sono tracce di edifici risalenti all’età romana.

Oggi Glorenza è un borgo davvero piacevole, ideale per una visita in giornata partendo dalla città di Merano

Glorenza

Chiusa

La lista dei Borghi più belli d’Italia prosegue con Chiusa in Valle Isarco. Chiusa è un borgo medievale diviso in Città Alta e Città Bassa. Imboccando la via principale partendo da città bassa si incontra il parco pubblico recintato in cui si trova l’ex convento dei Cappuccini. Continuando a camminare si arriva quasi subito alla piazza principale di Chiusa, con la sua fontana. Lungo la via principale si incontrano molte chiese, l’antico municipio e tante case colorate. Alzando lo sguardo sulla montagna sopra Chiusa si nota la torre del Capitano che risale al Duecento ed è di proprietà privata.

Altro luogo di interesse sono le chiese che fanno parte del convento di Sabiona, risalente al 1600 circa. Il convento non è visitabile all’interno perché residenza di monache di clausura, ma si consiglia la salita per scattare le foto al paesaggio, che da lassù è davvero bello.

chiusa paese

Vipiteno

Anche Vipiteno è uno dei Borghi più belli d’Italia e godette di fama fin dall’antichità grazie alla presenza di miniere d’argento che portarono in paese minatori da tutta Europa. La presenza di queste miniere portò in paese anche famiglie di ricchi investitori che contribuirono ad abbellire il borgo.

Uno dei simboli di Vipiteno è la Torre dei Dodici, costruita nel 1472. Nei pressi della Torre sorge la Piazza della Città, sulla quale si affaccia la Chiesa dell’Ospedale di Santo Spirito, la più antica chiesa di Vipiteno risalente al 1399. 

Lungo la via principale ci sono molti edifici colorati con belle insegne e si respira ovunque l’atmosfera medievale. 

vipiteno paese

Vigo di Fassa 

Lasciamo ora l’Alto Adige per il Trentino e andiamo a Vigo di Fassa, borgo situato in Val di Fassa e anch’esso parte del circuito dei Borghi più Belli d’Italia. La vista che si gode da questo borgo è tra le più belle del mondo. Qui sorgono ancora antiche case costruite in legno e pietra si parla tuttora l’antica lingua ladina.

Uno spunto per una visita culturale: nel borgo sorge il Museo Ladin de Fascia, che ospita le collezioni etnografiche dell’Istituto Culturale Ladino.

Vigo di Fassa è il luogo ideale per partire per fare trekking sul gruppo del Catinaccio. Questo borgo gode di una vista tanto bella da essere stato soprannominato “La Magnifica Terrazza Naturale sulle Dolomiti”.

Non lontano dal paese è possibile raggiungere in piedi o in funivia la terrazza naturale del Ciampedìe, a 1998 metri, da dove partono tanti percorsi alla scoperta delle Dolomiti di Fassa

Degne di nota in paese sono due chiese: la Pieve di San Giovanni, chiesa simbolo di Vigo, con il suo campanile aguzzo alto 67 metri, e la chiesa di Santa Giuliana nella vicina frazione di San Giovanni di Fassa, magica in particolare in inverno!

vigo di fassa

Non resta quindi che scegliere da quale borgo iniziare il viaggio tra i borghi più belli delle Dolomiti!