Inglese per viaggiare: perché è importante

Viaggiare è una delle cose più belle al mondo, soprattutto quando lo si fa in famiglia. Insegnare ai vostri figli a viaggiare già da piccoli è una delle cose migliori che potete fare per il loro futuro: viaggiare apre loro la mente e permette di vedere cose nuove, fare nuove esperienze e incontri con bambini di nazionalita’ e culture diverse. Portare i vostri figli in viaggio per il mondo, soprattutto se ancora piccoli, nonè così difficile come si potrebbe pensare: i bambini si adattano in fretta ai nuovi ritmi e situazioni, sicuramente più in fretta di noi adulti.

Ma può sempre comunque capitare che si creino degli inconvenienti durante il viaggio, come piccoli problemi di salute, smarrimento o furto dei bagagli, cancellazione del volo o problemi con il noleggio auto, situazioni dove serve ricevere assistenza in loco. Sebbene non sia strettamente necessario conoscere la lingua del luogo di destinazione, la conoscenza dell’inglese è senza ombra di dubbio un aspetto che vi permetterà di divincolarvi in questo tipo di situazioni e di continuare a godervi al meglio il viaggio.

È noto che l’inglese sia tra le lingue più parlate al mondo e in ogni luogo turistico che si rispetti vi sarà personale pronto ad accogliervi e a comunicare con voi in questa lingua.

Ma come imparare per bene l’inglese?

Come imparare in maniera efficace l’inglese

Per molti, il solo pensiero di tornare sui libri fa accapponare la pelle, eppure lo studio di una lingua straniere può rivelarsi un’esperienza divertente. E il divertimento è sicuramente il primo elemento essenziale per imparare velocemente l’inglese (o qualsiasi altra lingua straniera).

Sebbene un po’ tutti lo abbiano studiato a scuola, è anche vero che in Italia si è un po’ indietro con la conoscenza pratica di questa lingua. Spesso si capisce quando una persona ci parla in lingua inglese ma le difficoltà maggiori si hanno quando siamo noi a dover comunicare in quest lingua.

E allora, se state già pensando al vostro prossimo viaggio o vacanze all’estero, perché non provare a cimentarsi con l’apprendimento di questo idioma?

Imparare l’inglese senza troppa fatica è possibile, grazie anche agli infiniti modi con cui approcciarsi a questa lingua. Il più efficace metodo di apprendimento è sicuramente quello di affidarsi a tutor esperti che, comprendendo i vostri punti di forza e i vostri limiti, vi aiuteranno a strutturare un percorso ad hoc che vi permetterà, senza perdere ore ad imparare a memoria la grammatica, di comunicare in maniera efficace nella lingua straniera che volete imparare. 

Da New York a Sydney

Come già detto, l’inglese non è utile soltanto nei paesi anglosassoni, ma proprio in questi paesi, la gente sarà molto più disposta e aperta nei vostri confronti, se saprete comunicare nella loro lingua.

Una volta che si ha la conoscenza base dell’inglese, potreste addirittura arrivare a pensare di avventurarvi in un viaggio con i bambini a New York per esempio, che non sia organizzato per forza da un tour operator o da un viaggio di gruppo di uno dei tanti travel blogger che negli ultimi anni stanno martellando con questo tipo di viaggi, come se non ci fossero già abbastanza tour e pacchetti vacanze in circolazione. New York è una città splendida senza ombra di dubbio ma in un viaggio non organizzato può risultare impegnativa da visitare se non si conosce un minimo d’inglese.

new york

Se poi le vostre conoscenze di inglese sono tali da rendervi sicuri e pronti ad avventure in paesi ancora più lontani, potreste addirittura avventurarvi in un viaggio nella selvaggia Australia dove poter gustare piatti che a definirli esotici non gli si rende giustizia. Avete letto bene, andare in Australia a provare la tipica cucina, non quella dei ristoranti stellati, ma la cucina “spartana” legata ai prodotti di questi luoghi così selvaggi, e’ una delle esperienze da fare almeno una volta nella vita. Ovviamente non si organizza un viaggio in Australia solo per la cucina, ma lo si fa soprattutto per i paesaggi selvaggi ed isolati dell’Outback, le spiagge lunghissime e disabitate della costa occidentale, o per visitare citta’ come Sydney o Melbourne.

spiaggia in australia

Conoscere bene l’inglese non è dunque solo una cosa che serve a fare curriculum: non dobbiamo pensare all’inglese come una cosa relegata esclusivamente al luogo di lavoro, ma come un mezzo che può permetterci di aprire le porte del mondo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: