Superjab #36 – Medellin, la città dell’eterna primavera

La maggior parte delle persone conoscono Medellin – in Colombia – solo per un motivo: Pablo Escobar.

Medellin è stata il centro dell’impero del trafficante di droga Pablo Escobar e la sua presenza è ancora molto forte, lo si può notare negli sguardi della gente. Medellin però è cambiata tanto ed è una città diversa oggi, e molto più sicura. Ed è anche una delle città più progressive e sviluppate della Colombia e ha tanto da offrire. Un melting pot di quartieri completamente diversi tra loro, mercati, piazze e un’economia in crescita fa questa città un eclettico luogo da visitare, di giorno e di notte.

Sono arrivato a Medellin con una missione. Trovare gli amici che ho incontrato nel mio viaggio attraverso le isole di San Blas. È incredibile come alle volte sia facile ritrovare le stesse persone in viaggio a mesi di distanza. Questo è quello che successo tra me, Fabio e Micha.

Ci siamo incontrati per la prima volta in un viaggio di quattro giorni in barca e da quel momento siamo rimasti sempre in contatto. Fabio e Micha erano già a Medellin da qualche giorno, adesso era arrivato il momento di raggiungerli. Sono arrivato a Medellin da Santa Marta, e appena il mio volo è atterrato in aeroporto l’impatto con la città è stato uno shock.

Il viaggio in autobus per raggiungere la città dall’aeroporto è stato uno spettacolo per i miei occhi. Le montagne che circondavano la città di Medellin la facevano apparire ancora più grande e il mio istinto mi diceva che questa città mi sarebbe piaciuta.

Medellin mi ha conquistato dal primo momento, una delle città più belle di questo viaggio in Sud America. Fabio, Micha e io abbiamo passato le nostre giornate scoprendo i vari quartieri della città e sfruttando al massimo il tempo che avevamo insieme.

Questo episodio parla di questo e sono sicuro che vi piacerà.

Per prendere parte al progetto e decidere del destino del protagonista registratevi sul sito di Superjab e seguite la sua avventura su Facebook.

Foto di copertina: Iván Erre Jota

Superjab #25 – Un italiano all’Envision Festival 2015

Cosa succede quando 5000 persone si incontrano in mezzo alla giungla, danzano musica psichedelica, dipingono insieme, fanno yoga e meditazione in una delle spiagge più belle del mondo? Questo è quello che succede in uno di quei festival chiamati transformational festival.

Che cosa è un transformational festival? È un festival che può cambiare il tuo modo di vedere le cose, di vedere te stesso e le persone attorno a te. Ti può permettere di vedere il mondo sotto una luce più positiva e può darti un significato più introspettivo nel percorso di ricerca del significato della vita.

Può sembrarti un po’ esagerato, e sinceramente anche io ero molto scettico al principio. Ma mi sono accorto di essere solo una persona con pregiudizi e sono felice di aver partecipato all’Envision Festival 2015.

Ho scoperto questo evento in Nicaragua, quando ho fatto volcano ash boarding con un gruppo di incredibili persone che mi hanno parlato del festival. Mi hanno convinto a partecipare al festival e anche se io ho cercato di prendere un po’ di tempo prima di decidere, quando l’ho fatto ho comprato il mio biglietto solo qualche ora prima che andassero esauriti.

Quando ho lasciato il Nicaragua per andare in Costa Rica per partecipare al festival ho incontrato una ragazza chiamata Sukie. Anche lei sarebbe andata al festival così decidemmo di viaggiare insieme. Siamo arrivati a San Josè a notte fonda, dopo un viaggio in bus di quasi 14 ore, e fummo fortunati nel trovare una tenda che sarebbe stata la nostra casa durante il festival.

Il giorno successivo siamo andati alla stazione per prendere l’autobus e raggiungere la cittadina di Uvita, dove il festival si sarebbe svolto. L’atmosfera era già di festa, e insieme a noi tantissime altre persone aspettavano il bus per andare al festival.

I giorni dell’Envision sono stati tra i giorni più incredibili della mia vita. Pura vida!

Per prendere parte al progetto e decidere del destino del protagonista registratevi sul sito di Superjab e seguite la sua avventura su Facebook.

Foto di copertina: Envision Festival 2012, di ~zipporah~

Superjab #24 – Sull’isola Ometepe

Il tempo trascorso in Nicaragua è stato fantastico, anche se il viaggio per raggiungerlo in autobus da El Salvador è stato una vera un’odissea. Questo episodio è incentrato su un’isola con due vulcani attivi dentro un lago… ho bisogno di dire altro?

I protagonisti di quest’avventura sono un ragazzo francese incontrato a El Salvador che si chiama Loic, una motocicletta e io. Per arrivare sull’isola prendiamo un battello, il viaggio sull’oceano è un piacere puro e naturale. Guardare il tramonto dal traghetto è un momento magico, e abbiamo anche il piacere di conoscere il capitano e il secondo in comando.

Arriviamo all’isola di Ometepe in tarda notte e il giorno successivo siamo pronti per iniziare la nostra prima avventura. Affittiamo una moto e cominciamo a girovagare per l’isola.

Loic guida la moto e io mi dedico a filmare il tutto, e anche se ci perdiamo più volte il paesaggio che ci circonda è molto bello e ci fa sentire vivi. La nostra felicità aumenta ancora di più quando scopriamo un posto incantevole, una laguna naturale con acqua cristallina nel mezzo della giungla. Le ore passano lentamente e sicuramente questo giorno è uno dei più belli di questa mia avventura. Non pensavo che viaggiare in moto potesse dare così tante sensazioni positive.

Quando la giornata finisce torniamo in ostello ed è tempo di addii. Loic e io abbiamo piani diversi per il futuro, questa sarà l’ultima volta che ci vedremo prima di partire per destinazioni opposte. Dirsi addio non è mai facile, ma entrambi abbiamo un viaggio da compiere ed è arrivato il momento di dividere le nostre strade.

Per prendere parte al progetto e decidere del destino del protagonista registratevi sul sito di Superjab e seguite la sua avventura su Facebook.

Foto di copertina: Ometepe, di Eric Molina

Superjab #2 – Il primo giorno: in volo verso Cuba

Anche dopo aver viaggiato per tanti anni penso che il primo giorno di un’avventura sia il più emozionante, eccitante e uno dei momenti più incredibili nella vita. È il momento della verità, tutti i tuoi piani e pensieri si devono fermare e devi fare quel passo che ti spaventa tanto e andare avanti. Devi buttarti alle … Continua

In viaggio con Superjab: la serie web in cui la destinazione la sceglie il pubblico

Avete mai pensato di viaggiare in giro per il mondo senza nemmeno sapere quale sarà la vostra prossima tappa? Da oggi avrete la possibilità di vedere un’avventura come nessun’altra fino ad ora. Mi chiamo Angelo, in arte Superjab, sono il “supereroe del viaggio”. Ho iniziato una serie web che si chiama Interactive Travel Adventure, un … Continua

Superjab #6 – A proposito di incontri casuali, rovine maya e spiagge in Messico

Benvenuto a questo nuovo episodio di Interactive Travel Adventure.

Sono sicuro che avrete ormai capito come funziona, però questo viaggio si basa tutto su improvvisazione ed eventi casuali. Infatti, ogni settimana, ogni destinazione e attività di questo percorso è deciso dal pubblico, quindi le mie azioni prendono spesso il ritmo degli incontri casuali che ho durante il viaggio.

Mi fa sempre piacere sapere che in un viaggio come questo è facile incontrare persone durante il mio percorso. Molte volte questi incontri possono essere alcuni tra gli eventi più interessanti di tutti il viaggio. In questo caso, ho incontrato due persone molto in gamba.

Il primo è il fratello di un mio amico che è stato così gentile da offrirmi un posto dove dormire a casa sua. L’altro ragazzo invece è un vecchio amico che non vedevo da sette anni.

È incredibile come la vita possa seguire un corso così inaspettato certe volte. Il mio amico e io vivevamo nella stessa casa, poi ognuno di noi è andato per la sua strada e ci siamo persi di vista. Adesso ci ritroviamo dopo tutti questi anni, nello stesso posto e allo stesso tempo, e tutto ricomincia da dove avevamo lasciato.

Mi sorprende sempre vedere come un evento casuale possa cambiare il corso del mio viaggio. Cerco sempre di accettare con serenità questi momenti perché sono convinto che la vita sia molto più interessante se diamo la possibilità a questi eventi inaspettati di cambiare il nostro destino.

Durante questa settimana visito anche Tulum in Messico e le sue bellissime rovine. Ho anche la possibilità di visitare la spiaggia vicino ai templi maya, un’occasione che mi offre del tempo per rilassarmi e godermi le onde.

Venite con me a vedere quello che ho scoperto e lasciate che gli eventi che il destino portano sulla nostra strada cambino la vostra vita per il meglio. Noi ci rivediamo giovedì prossim0 con un altro episodio di questa incredibile avventura.

Ciao!

Per prendere parte al progetto e decidere del destino del protagonista registratevi sul sito di Superjab e seguite la sua avventura su Facebook.

Foto di copertina: Tulum, di Lars Plougmann

Superjab #35 – Il nascondiglio di Pablo Escobar

Pablo Escobar. Uno dei criminali più famosi e sicuramente il trafficante di droga più temuto di tutta la Colombia. Negli anni 80 il suo impero era responsabile della produzione e distribuzione dell’80 per cento della droga presente sul mercato a livello mondiale. Pablo diventò ricco, molto ricco.

Pablo era un uomo molto ambizioso e senza scrupoli. Si dice che in alcuni momenti il denaro era così tanto che fu costretto a trovare dei luoghi per nasconderlo, perché spenderlo così velocemente era impossibile. Quindi Pablo cominciò a comprare proprietà in tutta la Colombia per nascondere il suo denaro in qualsiasi posto disponibile.

Una di queste proprietà è oggi il ristrutturato ostello a Santa Marta, Colombia. Non ero a conoscenza di questo particolare, fin quando non ho incontrato Jose.

Ho conosciuto Jose in Guatemala, un mio amico me lo presentò e passammo solo un giorno insieme. Ma fu un giorno indimenticabile.

Jose era un personaggio con mille storie strane. Viaggiava da tanto tempo per il mondo, e in una di queste storie mi parlò di questo ostello a Santa Marta. Mi disse che questo ostello era uno dei nascondigli di Pablo Escobar.

Non riuscivo a credere a questa storia, ma Jose conosceva tanti dettagli che altri viaggiatori ospitati in questo ostello gli avevano rivelato. La nostra conversazione fu molto intrigante al momento, ma con il passare dei mesi la dimenticai. Non avrei mai potuto immaginare di finire in quel ostello qualche mese dopo. All’inizio non l’ho riconosciuto, ma poi tutto improvvisamente è divenuto chiaro.

Questo video parla di questo nascondiglio segreto. Sei pronto a esplorarlo con me?

Per prendere parte al progetto e decidere del destino del protagonista registratevi sul sito di Superjab e seguite la sua avventura su Facebook.

Foto di copertina: Rolando Vejar

Colombia: lo spettacolo deve continuare Superjab #50

Bentornati a un altro episodio di Interactive Travel Adventure e al dietro le quinte del programma delle televisione colombiana Expedición Cóndor de los Andes. Questo episodio racconta la seconda settimana del TV-Show e le attività che abbiamo fatto durante il nostro viaggio in Colombia.

Questa nuova avventura è stata molto intensa e questo episodio è colmo di esperienze e momenti felici durante le riprese del programma. Visiteremo una grotta incredibile e una cascata. Faremo torrentismo e impareremo la musica locale di un talentuoso artista. È davvero un’occasione molto speciale per me poter partecipare a queste esperienze e condividere con voi le mie giornate. Alle volte mi fermo a pensare a tutti questi eventi casuali che mi hanno portato dove mi trovo e mi sento fortunato di poter vivere questo momento incredibile.

Far parte di un programma televisivo è un grande traguardo per me e per Interactive Travel Adventure. Fa piacere sapere che tutto il duro lavoro che ho fatto sia servito a raggiungere questo obiettivo. Allo stesso tempo, gli orari intensi e le giornate piene di attività e sport mi stanno provocando stanchezza, e la mancanza di sonno fa diventare questa esperienza molto impegnativa. Tra i lunghi viaggi in macchina, gli sport estremi, la produzione della serie web e le registrazioni del programma, il mio corpo e la mia mente sono sempre in continuo movimento e non c’è modo di riflettere su tutto quello che sta succedendo.

Allo stesso tempo, la gioia di poter far parte di questo team e di condividere queste emozioni e avventure mi motiva a continuare ad andare avanti e a vivere la mia vita al massimo.

Spero che questo video vi piaccia, ci vediamo nel prossimo episodio.

Per prendere parte al progetto e decidere del destino del protagonista registratevi sul sito di Superjab e seguite la sua avventura su Facebook.

Foto di copertina: Joz3.69