Il nostro video a Hoi An: vivere come uno del posto in Vietnam

Continua la serie dei nostri video girati durante il nostro viaggio in Vietnam.

In questa puntata vi faremo vedere com’è possibile vivere come uno del posto, in una delle città più belle e suggestive del Vietnam: Hoi An.

2 mesi a Hoi An

A Hoi An abbiamo vissuto per 2 mesi, un periodo molto intenso nel quale ci siamo inseriti nella vita quotidiana e nelle usanze locali.

Abbiamo affittato una casa in centro città, a due passi dal mercato principale di Hoi An: una zona residenziale, decisamente non turistica, abitata da un ceto sociale basso. I nostri vicini di casa, vivevano con poco e in uno spazio ridotto: due stanze è una cucina per una famiglia di 6 persone, composta da genitori, due figli piccoli e i genitori del capofamiglia.

Essendo nostri vicini di casa, abbiamo trascorso diverse giornate in loro compagnia e se pure non parlassero l’inglese, a parte pochissime parole, siamo sempre riusciti a comunicare e a farci capire, trascorrendo del tempo assieme di qualità e del tutto sincero e genuino.

In questo video ci si può rendere conto di come vivere una città non da turista, permetta di vedere e capire cose che al viaggiatore di passaggio sfuggono: come vivono realmente gli abitanti del luogo, il costo della vita, le usanze e le tradizioni locali.

In questo video in particolare, vi racconteremo anche delle Celebrazioni per il nuovo anno vietnamita (il famoso Tet), la festa più importante dell’anno, dove tutto si ferma e le famiglie si riuniscono per celebrare. Tre giorni nei quali nessuno lavora, e perfino il Mercato Centrale di Hoi An chiude i battenti e non si vede anima viva.

Un periodo di festa, dove si dimenticano le fatiche quotidiane e ci si gode il riposo e l’affetto della famiglia, anche se solo per pochi giorni. Poi di sera tutti in centro, a festeggiare, tra fuochi d’artificio e giochi popolari.

Vacanze in famiglia nel Salisburghese: consigli primavera – estate

L’Austria è decisamente una delle nazioni più suggestive da visitare quando si viaggia con bambini, sia perché offre paesaggi da cartolina e la possibilità di escursioni tra le foreste e le montagne più belle d’Europa, ma anche per l’ottima organizzazione delle strutture ricettive. L’Austria non è grande, ma allo stesso tempo offre centinaia di destinazioni … Continua

Video: le 7 spiagge più belle a sud di Bali

In questo video trovate il vlog del nostro viaggio a Bali con le 7 spiagge più belle a sud dell’isola. Ce ne sono per tutti i gusti anche se le migliori sono quelle per surfisti. E per consigli su cosa fare e vedere a Uluwatu e dintorni leggete qui > Le sette spiagge più belle a sud di Bali, nei dintorni di Uluwatu

 

Viaggiare in Vietnam con i bambini: vlog #1 del nostro viaggio a Ho Chi Minh City

Viaggiare in Vietnam con i bambini: questa è la nostra esperienza a Ho Chi Minh City, conosciuta anche come Saigon, con le nostre due bambine di 2 e 4 anni.

Cosa abbiamo fatto a Saigon? Non non i soliti giri ed escursioni da turisti, ma sperimentato il cibo da strada (sì, le anche le nostre bimbe che lo adorano), passeggiato per i vicoli stretti del centro storico dove si vede la vera vita dei cittadini di Saigon. Ma anche templi e antiquariato, parchi e shopping. Ma non solo: le bambine si sono anche rifatte l’acconciatura in un salone locale, per 2 euro a testa.. Tutto questo nella prima parte del nostro video girato interamente a Ho Chi Minh City.

Una città caotica ma affascinante, dal traffico intenso e confuso ma dove si possono trovare anche piccole oasi di pace, come i parchi cittadini e zone pedonali. Saigon non è nemmeno cara: si trovano hotel in centro per 20 Euro a notte, si mangia in ristoranti tipici per 2 Euro a piatto e si beve birra anche per soli 50 centesimi per un pinta. Ci si sposta con Uber per 1 o 2 euro, il modo più efficace di spostarsi in città. Insomma, una città insolita e da scoprire.

Ci stavamo dimenticando dello shopping: molti marchi internazionali di abbigliamento hanno la propria produzione in Vietnam e di conseguenza in città come Saigon si trovano outlet e negozi dove si trovano appunto capi firmati ad un prezzo decisamente inferiore rispetto ai prezzi dei negozi europei. Vanno cercati ma si trovano facilmente e spesso si deve trattare sul prezzo, non accettando da subito quello proposto dal negoziante.

Fateci come sempre sapere cosa ne pensate del video e se vi piace iscrivetevi al nostro canale YouTube e condividete questo post. Al prossimo video che sarà la seconda parte del nostro viaggio a Saigon.

 

Consigli di viaggio per Nha Trang, Vietnam (anche per famiglie)

Nha Trang in Vietnam è una destinazione che è cambiata parecchio negli ultimi 10 anni. Da piccola cittadina di provincia si è trasformata in un centro turistico tra i più importanti del Vietnam. Grattacieli ovunque, resort in costruzione e si ha sempre la sensazione di vivere in mezzo a dei lavori in corso.

Negli ultimi anni è aumentato di dismisura il numero di turisti russi e cinesi: in pratica si trovano ovunque ristoranti con menù in russo e cinese, oltre che l’inglese. Anzi, in alcune zone il menù in inglese non esiste proprio.

Una vacanza qui con la famiglia non la consiglio, o meglio: se si è di passaggio si può pensare di spendere qualche giorno qui, ma non ci passerei più di una settimana.

Noi ci siamo fermati circa 10 giorni, è la cosa migliore che abbiamo fatto è stata quella di provare lo street food, che è decisamente tra i migliori di tutta la nazione.

Con lo street food qui si va sul sicuro, non abbiamo mai avuto problemi: cercate solamente di andare nei posti dove c’è gente, magari dove vedete famiglie con bambini.

Le nostre due bambine hanno mangiato di tutto e non abbiamo mai avuto problemi: ottima cucina, piatti deliziosi e a pochissimo prezzo.

Lo Street food lo trovate ovunque ai bordi delle strade in zone dedicate: Vinh Tho è il quartiere con un numero infinito di ristoranti, chioschi e donne che preparano cibo a bordo strada (street food). Si mangia anche pesce qui, sempre fresco e buono: con 5 dollari si mangia pesce alla griglia con contorno. Provatelo.

Per quanto riguarda attrazione da vedere, nel video che vi propongo qui sotto, e che abbiamo girato durante il nostro soggiorno a Nha Trang,  troverete alcuni siti turistici. Di rilievo il tempio Po Nagar e Long Song Pagoda dal quale si ha una vista a 360 gradi sulla città.

Sempre a Nha Trang si trova anche il Vinpearl Land Amusement Park, un parco divertimenti enorme, che attrae turisti non solo dal Vietnam ma anche dalle altre nazioni dell’Asia. Non ci siamo stati perché abbiamo preferito fare altro, ma per coloro che amano questo genere di cose, vale sicuramente la pena una visitarlo.

Long Song Pagoda

Per quanto riguarda l’alloggio, a Nha Trang si trova di tutto, con prezzi che vanno dalle €10 per una stanza doppia in una Guest House a una stella, a hotel 5 stelle e Resort di lusso.

Noi abbiamo optato per un appartamento che abbiamo trovato su airbnb, comodo è relativamente centrale: nel video vedrete anche questo. Il prezzo che abbiamo pagato è di 18 dollari a notte tutto incluso, con internet e anche Netflix inclusi.

A Nha Trang ci si arriva  sia in treno da Ho Chi Minh City, ma anche in aereo da varie città del Vietnam. Se arrivate direttamente dall’Italia, probabilmente dovrete volare su HCMC  e poi prendere un volo interno. Con una ricerca su google flight si trovano ottime offerte.

Dimenticavo: le foto dall’alto le abbiamo scattate con il nostro drone, così come i clip che trovate nel video.

In ogni modo date un’occhiata al video e fateci sapere come sempre cosa ne pensate. 

Gili Air, Indonesia: Vlog del nostro viaggio

Vlog Gili Air – Un’isola dell’Indonesia dove non ci sono né auto ne moto, ma solo bici e cavalli. Un sogno? Sotto un certo punto di vista lo è. Stiamo parlando dell’isola di Gili Air, piccola ma non troppo, adatta a famiglie con bambini piccoli perché non essendoci mezzi a motore non si corre il rischio di essere investiti quando si cammina per strada.

Molti vengono qui per fare snorkeling e immersioni nelle acque color cobalto che circondano l’isola: quest’area ospita infatti i tre quarti di tutte le specie coralline esistenti, oltre a essere l’habitat naturale di sei delle sette specie totali di tartarughe marine. È l’olimpo della biodiversità, un luogo magico in cui incontrare fauna marina di ogni colore e forma. 

Le famiglie vengono qui con i bambini piccoli perché c’è una spiaggia dove la sabbia è finissima e bianca, acqua bassa e mare cristallino: qui i bambini spendono ore a giocare, per la gioia dei genitori che così possono rilassarsi al sole sorseggiando una birra o un cocktail.

L’isola è molto turistica (purtroppo) e i prezzi non sono proprio economici. Per qualche giorno va bene, per lunghi periodi forse è troppo limitante. Comunque il modo migliore per capire se questa isola fa per voi, guardate il nostro vlog e se vi piace commentate e condividete (in realtà anche se non vi piace commentate perchè i vostri commenti ci aiutano a capire come migliorare). Buona visione.

 

Penang, Malesia: il video del nostro viaggio con i bambini

Com’è Penang in Malesia?

E George Town con lo street art e lo street food più buono della Malesia? E com’è viaggiare con i bambini a Penang? Tutto questo e altro ancora lo abbiamo concentrato nel nostro ultimo vlog girato interamente e Penang.

Dopo il vlog Kuala Lumpur con i bambini vi portiamo nell’isola conosciuta in tutto il mondo per il suo centro storico coloniale (Unesco World Heritage Site), ma anche per il suo street art e street food. Si trovano graffiti praticamente ovunque per il centro di George Town, impossibile non trovarli. Sono graffiti fatti dall’artista lituano Ernest Zacharevic che mischia dipinti a muro con oggetti reali, come una bici, altalene e altro ancora. Non esiste una mappa ufficiale dei graffiti ma se cercate su google maps “street art in George Town” troverete i migliori.

E si mangia bene ovunque in Penang: dai night market sparsi per l’isola, ai ristoranti tipici, alla cucina internazionale. In George Town vale la pena visitare il quartiere indiano per gli amanti del genere, ma anche il quartiere cinese dove si mangia bene spendendo poco. Nei mercati notturni si trova anche cucina italiana, koreana, giapponese, vietnamita, solo per citarne alcune.

Penang è un’isola adatta anche ai bambini, con un parco pieno di farfalle, un giardino segreto e spiagge lunghe di sabbia bianca dove giocare e divertirsi. Ma di questo vi parleremo nel prossimo vlog.

Per saperne di più, vi invitiamo a vedere il video (parte 1) del nostro viaggio sull’isola. Troverete consigli utili e cosa fare a Penang.

Buona visione e non dimenticate di iscrivervi al nostro canale YouTube qui.

 

Cosa fare a Kuala Lumpur con i bambini – Vlog 1

Come in tutti I nostri viaggi, riceviamo sempre richieste su come è possibile viaggiare con i bambini piccoli in certe città del mondo. In questo nostro viaggio nel sud est dell’Asia, siamo stati anche a Kuala Lumpur (Malesia) per circa due settimane, dove abbiamo visitato i luoghi che più sono raccomandati e consigliati per famiglie.

Kuala Lumpur Vlog

Nel nostro vlog su Kuala Lumpur, che trovate di seguito e che è stato pubblicato anche sul nostro canale YouTube (a tal proposito, vi siete già iscritti al nostro canale? Eccolo qui), troverete consigli su “Farm in the City“, letteralmente una fattoria in città, dove i bambini possono entrare a diretto contatto con animali tipici di una fattoria, come galline, conigli, asini, cavalli, ma anche tartarughe, e molto altro.

Ma non solo: anche il KL Bird Park, un bellissimo parco nel centro della città che ospita centinaia di esemplari di uccelli (anche rapaci) provenienti da ogni parte del mondo. In questo parco è possibile trascorrere una giornata con tutta la famiglia e provare l’emozione di dare da mangiare a pappagalli o ammirare i giochi di coppia dei pavoni.

Ma anche Batu Caves, grotte calcaree che si trovano appena fuori dal centro città, famose perchè al proprio interno ospitano una serie di templi induisti. La grotta è meta di turismo religioso, essendo uno dei più popolari santuari indù fuori dell’India, ed è dedicata a Karttikeya.

Esperienza divertente e indimenticabile per i bambini che hanno qui la possibilità di esplorare una vera “caverna” e allo stesso tempo imparare qualcosa sulla religione induista. Nella grotta ci sono anche scimmie, che possono però essere aggressive se non si presta attenzione e si dà troppa confidenza.

Kuala Lumpur è anche shopping e molte aree verdi attrezzate con parchi giochi e piscine all’aperto completamente gratuite. Una città che con la famiglia vale davvero la pena esplorare.