Da poco sono rientrato da un bellissimo tour in Giordania organizzato da Volagratis e dall’Ente del turismo giordano, e per la prima volta mi sono cimentato con altre cinque blogger nella descrizione e nel racconto di un paese attraverso i social media. Far arrivare sensazioni ed emozioni tramite uno schermo e qualche articolo a persone lontane migliaia di chilometri non è cosa facile. Ma ancora più complicato è dover continuamente aggiornare il proprio lessico e variare i propri cinguettii digitali.

 

Viaggio in Giordania

La sfida più grande, ma al contempo la più divertente, è stata quella di trovare ogni volta nuovi aggettivi che potessero descrivere al meglio i luoghi da noi visitati e trasmettere le nostre sensazioni, e che ci permettessero di essere sempre originali e creativi. Ci siamo sbizzarriti, a volte abbiamo esagerato e alla fine eravamo alla frutta, ma tutto questo mi ha fatto ricordare come un aggettivo possa dare una connotazione unica ad un racconto, ad un momento e anche ad un tweet. E allora ho pensato di raccontarvi le meraviglie della Giordania scegliendo per ognuna di loro un aggettivo per me rappresentativo.

Jerash – Scintillante

Gerasa (Jerash), Giordania

Il cielo blu intenso è lo sfondo sui cui si ergono imperiosi i resti di questa città greco-romana conservata splendidamente e il sole è la luce che fa scintillare le decine di colonne dell’Agorà, le scalinate dei due maestosi teatri e la sabbia dorata dell’antico ippodromo.

Valle del Giordano – Surreale

Giordano - Giordania

Un piccolo fiume limaccioso largo qualche metro separa due mondi opposti come Israele e Giordania. Questo luogo di divisione e separazione è allo stesso tempo una meta sacra che unisce, un luogo mitico e mistico dove  i pellegrini vengono per celebrare e onorare il battesimo di Gesù e per “rinascere” a loro volta.

Mar Morto – Spiazzante

Mar Morto, Giordania

Lo sanno tutti, ma finché non ti ci immergi non puoi capire. Galleggi talmente tanto che sembra quasi di prendere il volo, forze misteriose ti fanno girare e ruotare come una trottola, ogni movimento è bizzarro e fa esplodere grasse risate. Esci, ti cospargi di fango come se fosse normale, lo fai seccare e torni dentro. Il divertimento ricomincia, ma rimani ancora spiazzato.

Wadi Mujib – Sorprendente

Wadi Mujib, Giordania

Sconosciuto ai più, questo fiume che ha scavato un profondo canyon nelle montagne rocciose è il paradiso per gli amanti dell’avventura che possono risalire la sua corrente, le sue rapide e le sue cascate a nuoto, a piedi, con corde e con scale. Il Wadi Mujib mescola una natura spettacolare con un divertimento adrenalinico, e mi sorprende che così poche persone lo visitino.

Petra – Elusiva

Petra, Giordania

Il fascino di Petra è indiscusso e indiscutibile, ma troppo spesso il visitatore si ferma all’apparenza. La sua bellezza più pura è nascosta, richiede tempo e impegno per arrivarci e regala emozioni uniche. Parlo del Monastero in cima alla montagna che si raggiunge con una scalinata di 800 gradini, parlo del Tesoro visto al tramonto quando la folla di turisti se ne è andata e i colori ammaliano gli occhi, parlo dei beduini che vi offrono souvenir e sorrisi lungo le strade polverose che si snodano tra le colline. Petra è ingannatrice, si prende gioco del visitatore superficiale e a lui cela i suoi segreti più preziosi.

Wadi Rum – Magnetico

Wadi Rum, Giordania

Entro nel deserto, gli occhi si sgranano, aperti il più possibile per poter succhiare la bellezza mozzafiato di questo luogo spettacolare. Il mio sguardo si muove tra rocce, dune, orizzonti sfuocati e montagne infuocate. Confuso da tanto splendore e rapito da ogni singolo centimetro. Seduto sullo spuntone più alto, un magnetico tramonto mi ipnotizza cuore, occhi e pensieri.

A proposito dell'autore

Francesco Minghini

Romagnolo di origine, cuore e spirito, milanese per lavoro. Marketing, eventi e social media mi tengono occupato tra un viaggio e l'altro. Quando ho aperto il mio blog volevo solo sdebitarmi con tutti quelli a cui avevo chiesto consigli e informazioni, ma oggi alla passione per i viaggi si è unita anche quella per la scrittura.

Post correlati

3 Risposte

  1. Paola

    Ecco a cosa serviva il gioco degli aggettivi sotto le stelle del Wadi Rum! E nonostante il narghilè devo dire che abbiamo fatto un buon …pardon, ottimo lavoro!

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata