Merano: una vacanza ricca, gustosa e rilassante. Perché scegliere questa piccola perla dell’Alto Adige per ricaricarsi di energia positiva? In questo post troverete una breve introduzione alla città, che vi metterà voglia di visitarla il prima possibile.

A Merano io (Marco) e Felicity siamo stati tantissime volte: prima dell’arrivo delle nostre due bambine eravamo soliti trascorrere weekend sugli sci nella stagione invernale e mini vacanze per fare trekking e lunghe passeggiate in primavera. Dopo che sono nate Isabella e Maya, siamo stati ancora a Merano in occasione dei mercatini di Natale e in un paio di altre occasioni in estate per fare godere anche a loro della natura incontaminata di queste zone.

Merano è una città che stupisce sempre, sotto numerosi aspetti; dopo il capoluogo Bolzano, è il secondo centro più grande dell’Alto Adige, elegante e ricca di palazzi in stile Liberty, circondata da montagne che vanno dai 1500 ai 3335 metri, si trova in posizione strategica in prossimità di quattro importanti valli: la Val Venosta, la Val Passiria, la Val d’Adige e la Val d’Ultimo.

Quindi, perché Merano? Ecco 5 buoni motivi per sceglierla quest’estate come meta delle vostre vacanze

1 – Il benessere a Merano

Dalla seconda metà dell’Ottocento, Merano è stata un importante luogo di cura e villeggiatura, grazie al suo clima mite, alla qualità dell’aria e alle sue acque termali.

Nel 2005 si inaugurano le Terme di Merano, situate sulle rive del fiume Passirio e al lato opposto del famoso capolavoro di stile Liberty Kurhaus; la struttura è un gioiello del design moderno costruita con preziosi materiali, perfettamente inserita in un’immensa oasi verde, che offre agli ospiti un’ampia scelta di trattamenti esclusivi.

Qui, troverete senz’altro qualcosa di adatto alle vostre esigenze e potrete rilassarvi e coccolarvi nel cuore della città 365 giorni l’anno.

 

2 – Natura, trekking, passeggiate

Se non avete scelto Merano per godere delle sue famose terme, ma amate le vacanze attive, non rimarrete delusi! Il territorio circostante offre infatti diversi sentieri e passeggiate accessibili direttamente dal centro della città. I sentieri escursionistici si snodano per 18 chilometri, sono fruibili tutto l’anno e sono adatti ai passeggini.

Tra i percorsi più conosciuti e popolari troviamo la passeggiata Tappeiner, il sentiero di Sissi, che ci porta sulle tracce dell’imperatrice Elisabetta d’Austria e i numerosi sentieri delle rogge, i “Waalwege”, che offrono sia percorsi facili per tutta la famiglia, sia impegnative escursioni di montagna di più giorni, che regalano panorami mozzafiato sulle Dolomiti.

Una splendida vista sulle montagne senza dover faticare troppo? Sì, si può, con la funivia. Grazie a moderni impianti di risalita è possibile raggiungere velocemente e comodamente le aree intorno al centro abitato, come la famosa area escursionistica e sciistica Merano 2000, situata giusto sopra la città. Una delle più moderne funivie delle Alpi vi permetterà di raggiungere in pochi minuti la terrazza soleggiata di Merano.

3 – Percorsi in bicicletta

Chi ama scoprire nuovi paesaggi su due ruote, potrà farlo pedalando lungo una delle tante piste ciclabili che percorrono i sentieri che vanno da Merano a Bolzano, in Val Passiria e in Val Venosta, adatti a tutta la famiglia.

Ma le buone notizie non finiscono qui, esistono, infatti, due postazioni dove poter noleggiare biciclette gratuitamente (una vicino alle Terme Merano, l’altra presso la stazione ferroviaria principale); il servizio è operativo dalla fine di marzo alla metà di ottobre e offre biciclette per adulti e bambini, mountain bike, city bike ed e-bike.

Il paesaggio che circonda la città è un paradiso che vi stupirà e che apprezzerete ancora di più in quanto vi condurrà alla scoperta delle malghe (caratteristiche costruzioni in pietra immerse nel verde delle radure alpine, adibite all’alpeggio) dove avrete la fortuna di assaporare le delizie del Trentino Alto Adige.

4- Il cibo

A Merano la cucina è un mix di ricette alpine e mediterranee e il risultato è sorprendentemente piacevole: trote fresche appena pescate nel Passirio, gustosi pani, insaccati di prima qualità come il famoso speck, ampia varietà di formaggi freschi e stagionati che risalgono a un’antica tradizione casearia, gli imperdibili canederli e, per finire, i dolci locali fortemente influenzati dalla pasticceria austriaca, come dimostrano lo strudel di mele e il Kaiserschmarrn, la “frittata dolce dell’Imperatore”.

Kaiserschmarren

 

5- La cultura

Dopo aver esplorato la natura nei dintorni della città, concedetevi un po’ di tempo alla scoperta dell’arte e della cultura. Iniziate dai Giardini di Castel Trauttmansdorff, considerati tra i più belli al mondo.

I giardini si estendono a est di Merano, lungo la strada che porta a Merano 2000 e presentano oltre 80 ambienti botanici di tutto il mondo capaci di affascinare i visitatori di tutte le età.

Potrete poi scegliere tra ben sei musei differenti e tutti facilmente raggiungibili. Se invece preferite immergervi nella storia di Merano, avete la possibilità di farlo visitando uno dei suoi bellissimi castelli o fortezze risalenti al X e XI secolo, periodo in cui sorse il maggior numero di tali residenze in Alto Adige.

Non mancano le chiese, che rispecchiano il suo importante ruolo come centro termale per l’aristocrazia europea di un tempo. A quel periodo risalgono le chiese cattoliche come anche quella evangelica, quella ortodossa e la sinagoga.                              

Dopo questa immersione nella cultura altoatesina, vi meritate nuovamente una sosta rifocillante accompagnata da un buon vino locale.

E se volete portarvi a casa un pezzetto di questa regione, è consigliabile farlo in uno dei mercati che animano la vita commerciale della città: qui troverete specialità regionali, prodotti naturali e contadini, manufatti artigianali.

Oppure prendendo parte a uno dei numerosi corsi in cui imparerete a auto produrvi marmellate, a fare il pane o a cucinare utilizzando i prodotti della terra.

Mercatini di Merano

 

Buon vino a Merano

 

A proposito dell'autore

Marco

Fondatore e autore di NonSoloTuristi.it e ThinkingNomads.com (versione inglese). 110 nazioni visitate in 5 continenti. In questo momento sono in viaggio con Felicity e le nostre due bambine nel sud est asiatico per 6 mesi, per dimostrare che è possibile continuare a viaggiare anche con l'arrivo dei bambini.

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: