Cosa fare a Fuerteventura, meta prediletta per il turismo sostenibile alle Canarie 2023

Fuerteventura è una delle isole Canarie, un arcipelago situato a largo della costa africana della Spagna. Famosa per le sue spiagge di sabbia bianca, le acque cristalline e il clima caldo tutto l’anno, Fuerteventura è una destinazione ideale per una vacanza al mare. Ma l’isola offre anche molte altre attrazioni da scoprire.

Le spiagge

In primo luogo, ci sono le spiagge. Fuerteventura è circondata da oltre 150 chilometri di costa, e le spiagge più famose sono quelle di Corralejo, Sotavento e Jandia. Corralejo è una delle principali località turistiche dell’isola ed è famosa per le sue dune di sabbia, mentre Sotavento è una spiaggia lunga e larga che attira gli amanti del windsurf e del kitesurf. Jandia, situato all’estremità sud dell’isola, è famoso per la sua spiaggia lunga e sabbiosa e per i suoi paesaggi selvaggi.

Spiaggia di Cofete
Spiaggia di Cofete

La Riserva Naturale di Corralejo

Un’altra attrazione da non perdere è la Riserva Naturale di Corralejo, un’area protetta di dune di sabbia e palme dove è possibile ammirare la fauna selvatica, fare escursioni a piedi o in bicicletta e godersi il tramonto.

Il Faro del Tostón

Il Faro del Tostón è un famoso faro situato nell’isola di Fuerteventura, nelle Canarie. Si trova nella parte nord-occidentale dell’isola, è alto 36 metri e si trova su un’altura che offre una vista panoramica sulla costa. Il faro è stato costruito nel 1865 per aiutare la navigazione dei pescatori e dei commercianti che frequentavano queste acque.

Il faro è circondato da un’area protetta con una grande varietà di flora e fauna locali, tra cui molte specie di uccelli migratori. 

Il Faro del Tostón a fuerteventura
Il Faro del Tostón

Le grotte di Ajuy

Ma ora parliamo delle famose grotte di Ajuy, un insieme di grotte vulcaniche lungo la costa. Le grotte sono accessibili solo tramite barca, ma una volta dentro si possono ammirare formazioni rocciose spettacolari, come stalattiti e stalagmiti.

Alcune delle grotte sono state utilizzate come riparo dai pescatori nel passato, ma oggi sono visitate principalmente dai turisti che vogliono scoprire la bellezza naturale di queste grotte. All’interno delle grotte è possibile vedere anche formazioni di stalattiti formate dall’acqua di mare e dal carbonato di calcio, molte delle quali hanno forme particolari e interessanti.

Le grotte di Ajuy
Le grotte di Ajuy

L’isola di Lobos

L’isola di Lobos è un’isola vulcanica situata a nord di Fuerteventura. È un’area protetta con una grande varietà di flora e fauna, tra cui molte specie endemiche. L’isola è un importante sito per la colonizzazione di uccelli marini, in particolare il gabbiano reale. La sua area naturale è un’attrazione per gli amanti del birdwatching e delle immersioni subacquee. La sua area marina è anche un’area protetta per la conservazione delle tartarughe marine, in particolare la tartaruga verde. Gli spostamenti sull’isola sono molto limitati, questo per proteggere la sua natura incontaminata. Nonostante la sua piccola estensione, l’isola di Lobos offre molte opportunità per esplorare la bellezza naturale e la diversità dell’ecosistema.

L'isola di Lobos a Fuerteventura
L’isola di Lobos

Storia e cultura

Per gli appassionati di storia e cultura, consiglio una visita al Museo Archeologico di Betancuria, che espone reperti della cultura Guanche, gli abitanti originari delle isole Canarie. Inoltre, l’isola vanta anche una serie di chiese e conventi storici, come la Chiesa di Santa Maria a Betancuria e il Convento de San Francisco a La Oliva.

Sport da fare a Fuerteventura

Per gli amanti dello sport all’aria aperta, Fuerteventura offre una vasta gamma di attività, tra cui escursioni in quad, equitazione, sci nautico, immersioni e snorkeling. Inoltre, l’isola è una meta ideale per gli appassionati di windsurf e kitesurf, grazie alle sue coste ventose e alle sue acque cristalline.

In generale, Fuerteventura offre molte attrazioni per tutti i tipi di viaggiatori, dalle spiagge da sogno alle attività all’aria aperta, dalla cultura e storia alla gastronomia.

La cucina di Fuerteventura

Il cibo di Fuerteventura è infatti influenzato dalla sua posizione geografica nelle Canarie, situate tra l’Africa e l’Europa. La cucina tradizionale include pesce fresco, carne di capra, papas arrugadas (patate bollite con sale grosso), e gofio (una farina di cereali tostati utilizzata come condimento o come base per la preparazione di piatti). Inoltre, ci sono molte influenze della cucina spagnola e della cucina latino-americana. I frutti tropicali come la papaya, l’ananas e la guava sono comuni come dessert o snack. Il vino e la birra locale sono popolari per accompagnare i pasti.

Per i golosi, consiglio una visita al Mercato delle Spezie a Puerto del Rosario, dove si possono trovare una vasta gamma di spezie, prodotti locali e souvenir.

Dove dormire a Fuerteventura

Fuerteventura è diventata sempre più popolare tra i turisti in cerca di una vacanza al mare. Tuttavia, con un aumento del turismo, c’è anche un aumento dell’impatto ambientale. Ecco perché ci sono sempre più strutture turistiche sostenibili che stanno sorgendo a Fuerteventura per aiutare a preservare l’ecosistema dell’isola.

Una delle strutture turistiche sostenibili più importanti a Fuerteventura è Elba Palace Golf & Vital Hotel. Questo hotel, situato nella zona turistica di Caleta de Fuste, offre una vista panoramica sul mare e sulla montagna ed è circondato da un campo da golf. L’hotel si vanta di essere uno dei pochi al mondo ad essere certificato come “Green Globe” per la sua attenzione all’ambiente e alla sostenibilità. Utilizzano energie rinnovabili, come l’energia solare, per alimentare l’hotel e hanno implementato pratiche di risparmio idrico. Inoltre, il ristorante dell’hotel utilizza solo prodotti locali e di stagione per creare deliziose opzioni di cibo sostenibili.

Elba Palace Golf & Vital Hotel fuerteventura
Elba Palace Golf & Vital Hotel

Un’altra struttura turistica sostenibile a Fuerteventura è il Hotel Boutique TAO Caleta Mar. Questo hotel è situato nella piccola città di El Cotillo, nell’estremo nord-ovest dell’isola. L’hotel è stato costruito utilizzando materiali sostenibili e alimentato da fonti rinnovabili di energia, come l’energia solare e eolica. Inoltre, l’hotel offre una piscina ecologica alimentata da acqua di mare e utilizza prodotti naturali per la pulizia. L’hotel offre anche escursioni ecologiche per aiutare i turisti a scoprire l’ecosistema unico di Fuerteventura.

Il Resort Naturalia è un altro esempio di struttura turistica sostenibile a Fuerteventura. Questo resort offre case vacanza costruite con materiali naturali e sostenibili, tra cui canna di bambù e paglia. Il resort è anche alimentato da fonti rinnovabili di energia, come l’energia solare e eolica, e utilizza prodotti naturali per la pulizia. Inoltre, il resort offre attività come birdwatching, escursioni a piedi e in bicicletta.

El Cotillo a Fuerteventura
El Cotillo

Perché Fuerteventura è un’ottima destinazione per il turismo sostenibile? 

Spiagge di sabbia bianca, dune, riserve naturali e oasi protette. Queste attrazioni naturali attraggono molti visitatori che desiderano godere della bellezza naturale dell’isola in modo responsabile e rispettoso.

Inoltre, Fuerteventura ha una forte tradizione agricola e di pesca, e molti ristoranti e aziende agricole offrono prodotti locali e biologici. Questo incoraggia il consumo di cibi sostenibili e a km0, aiuta le comunità locali e riduce l’impatto ambientale legato all’importazione di cibo.

Infine, ci sono molte attività ricreative sostenibili disponibili sull’isola, come il windsurf, la vela, il ciclismo e l’escursionismo. Questi sport possono essere praticati senza causare danni significativi all’ambiente e anzi offrono un’ottima occasione per apprezzare la bellezza naturale dell’isola in modo consapevole.

In sintesi, la bellezza naturale incontaminata, l’agricoltura e pesca sostenibili e le attività ricreative sostenibili rendono Fuerteventura un’ottima destinazione per il turismo sostenibile.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: