Tutti coloro che hanno bambini piccoli possono capire quanto un viaggio di 5 ore in auto con una bimba di un anno e una di due anni e mezzo, possano mettere a dura prova la pazienza dei genitori. Per fortuna la nostra destinazione finale (e casa per i successivi 7 giorni) è stato lo Chalet ClubMed a Pragelato (Piemonte) dove al nostro arrivo tutto era già pronto per accogliere noi e le nostre bimbe.

Clubmed pragelato

Al nostro arrivo abbiamo trovato nella stanza un cestino per pannolini, un vasino, due lettini, due fasciatoi, uno scalda biberon (e bottiglie d’acqua naturale a volontà) e un piatto di frutta fresca. Una bella sorpresa in quanto al momento della prenotazione del soggiorno non avevamo specificato le nostre richieste, limitandoci a dare solo le date di nascita delle bimbe. A tutto il resto ha pensato ClubMed e credetemi che non è una cosa scontata.

Clubmed pragelato

Sia io che Marco non siamo ma stati grandi fan dei resort all inclusive; tuttavia, da quando abbiamo avuto figli, cerchiamo di optare per vacanze più “easy”, un mix di confort e fai da te. Club Med ci è sembrato da subito un buon compromesso, dato il giusto mix di attività organizzate per famiglie e servizi disponibili su richiesta.

Clubmed pragelato

Pragelato è una ridente località del Piemonte che si trova a 1600 metri di altitudine, nel cuore della seconda più grande area sciistica d’Europa, La Vialattea: questa prestigiosa zona ha ospitato le specialità di trampolino e sci di fondo nelle Olimpiadi Invernali di Torino 2006.

I 20 gruppi di chalet del complesso Clubmed sono collegati da stradine in ciottolato e sono collocati attorno al resort centrale, dando così la sensazione di trovarsi in un autentico villaggio alpino più che in un villaggio vacanze.

ClubMed Pragelato

Questa posizione strategica permette di raggiungere facilmente alcune delle cime delle montagna della zona, sia d’estate che d’inverno. In particolare, a pochi metri dal villaggio, si trova una pratica seggiovia a due posti (seggiovia Conca del Sole) che permette di raggiungere la località Belotte a quota 2.150 metri. Un punto strategico che permette di iniziare fantastiche escursioni in quota sullo spartiacque tra la Val Chisone e la Val Germanasca, oppure semplici passeggiate tra i prati fioriti con la bellissima cornice delle Alpi a fare da sfondo.

Entrambe le nostre bimbe sono rimaste estasiate da questa esperienza, felicissime di essere circondate da natura, fiori e montagne, cosa che non succede spesso se si vive in centri urbani. Per gli ospiti ClubMed il biglietto della seggiovia è gratuito.

Ma anche il Parco naturale della Val Troncea offre paesaggi mozzafiato e può essere visitato sia a piedi che in bici: tra i sentieri piuttosto semplici percorribili anche dai bambini e caratterizzati da un dislivello che non supera i 100m, ci sono quelli da Pian a Laval, da Troncea a Gourret, dal bivio per la fonderia La Tuccia al ponte Laval. Soprattutto in quest’ultimo sentiero si possono ammirare numerose specie di flora e fauna, altra momento speciale per le nostre bimbe, letteralmente rapite dalla natura circostante.

Clubmed pragelato Val troncea

Club Med organizza questo tipo di escursioni e attività outdoor, basta chiedere al desk.

Per noi questa vacanza è stata indubbiamente all’insegna del relax; di seguito abbiamo preparato un elenco di ciò che ci ha maggiormente colpito del nostro soggiorno:

  • I mille sorrisi e l’infinita gentilezza dello staff ClubMed, mai forzati e sempre sinceri. In ogni momento ci si sente i benvenuti, mai in angoscia di chiedere un consiglio o qualche informazione in più
  • La strepitosa location – Come già detto, uno dei momenti più belli del nostro soggiorno è stato salire alla località Belotte, tra prati fioriti e un panorama mozzafiato sulla valle e le Alpi circostanti.
  • Esplorare i dintorni – A pochi chilometri si trovano incantevoli paesi di montagna con le caratteristiche casette in legno finemente restaurate e decorate con i tipici fiori alle finestre.

dintorni pragelato

  • L’aperitivo – Era lì ad attenderci esattamente quando ne avevamo più bisogno, cocktail e aperitivo pre-cena.
  • La Spa – Zona vietata ai più piccoli, ne abbiamo quindi usufruito a turno ma ci ha regalato un paio d’ore di relax tra sauna, bagno turco e trattamenti pensati su misura per assicurare il massimo comfort e benessere.

Spa a clubmed pragelato

  • La piscina – Come potrete certo immaginare, sia la piscina all’aperto che quella al chiuso sono sicuramente il ricordo più bello per le nostre bambine, con la possibilità per tutti di utilizzare salvagenti e braccioli.

Piscina ClubMed Pragelato

  • Il Mini-Club – Piacevole, accogliente e ben organizzato, niente è lasciato al caso, con il solo scopo di mettere a proprio agio i bambini ospiti.

Mini club Clubmed

  • La Cucina – Sebbene ogni pasto fosse a buffet, c’erano gli chef che cucinavano direttamente davanti ai nostri occhi! Ogni alimento era genuino e fresco e la modalità a buffet è il massimo per i bambini, che possono quindi scegliere tra una grande quantità di pietanze, trovando sempre qualcosa di buono e gustoso.
  • Il gelato – Altro punto forte nella classifica dei più piccoli: il banco dei gelati è sempre aperto, sia a pranzo che a cena.
  • Il servizio – Fin dal primo momento in cui siamo arrivati siamo stati accolti a braccia aperte; tutto lo staff al completo, a partire dalle addette alle camere, ai baristi, agli addetti al Mini-Club, tutti i camerieri e i receptionisti sono stati gentilissimi e molto cortesi ed educati. Ci sarebbe davvero molto da dire su ognuno di loro, sempre pronti a regalare un sorriso e un cordiale saluto; questo ha una grande influenza sull’atmosfera e il benessere degli ospiti che sono lì, appunto, per godersi una vacanza.

Clubmed pragelato

Manca poco alla stagione invernale e dopo la bellissima esperienza estiva con ClubMed siamo pronti per prenotare un nuovo soggiorno presso una struttura del gruppo, sempre in montagna ma questa volta con la neve. Continuate a seguirci per scoprire quale sarà la nostra prossima destinazione.

A proposito dell'autore

Felicity

Felicity e' sempre stata affascinata da culture e paesi diversi; un giro del mondo nel lontano 2005 ha ulteriormente aumentato la sua voglia di viaggiare. Fondatrice di NonSoloTuristi.it e ThinkingNomads.com

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: