A furor di popolo, ecco che torna la mia personale lista di libri … non solo di viaggio … ma da leggere pensando o facendo un bel viaggio. Vi ringrazio moltissimo per i commenti che avete lasciato sugli altri post.

Dopo la prima pubblicazione e dopo la versione Reloaded, ecco qui che arriva la versione Revolution.

Oggi vi voglio stupire con effetti speciali, soprattutto con il primo dei titoli che vi proporrò.
Non tanto per il fatto che sia convinta che voi non conosciate quel libro, più che altro perché quel libro è un qualcosa di speciale che spesso non viene mai nominato.

Sto parlando della New York raccontata da Henry James nel 1880. Il titolo del libro è Washington Square e altro non è che l’ennesimo capolavoro di un uomo capace di raccontare la sua città e la sua epoca con una delicatezza talmente efficace da non sembrare umana. Di Henry James siamo abituati a considerare Portrait of Lady ma Washington Square racconta una New York che si avvicina alla modernità ma che, nel contempo, non riesce a crescere.

Passiamo ora ad un viaggio in Germania, ad un viaggio difficile però… dove incontriamo protagonisti che hanno segnato in maniera negativa e pesante le strade del loro paese. Il libro che vi consiglio si intitola Disoccupate le Strade dai Sogni , come l’album di Lolli e parla della vicenda della Banda Bader-Meinhof. E’ scritto da Alois Prinz e racconta  una Germania cronologicamente ancora vicina e poco conosciuta. Se la Storia vi incuriosisce, leggetelo. Anche le vicende negative aiutano a conoscere meglio un paese straniere.

Se siete amanti di Cuba, non potete perdervi Stanotte ho sognato in cubano della bravissima Cristina Garcia. Una vicenda tutta al femminile di un’intensità indescrivibile.

Ho già parlato di Scozia ma stavolta voglio indicarvi un libro che forse per molti sarà un mattone. Io vi spingo a vederlo come un’opportunità: quella di conoscere una persona spettacolare nel suo lavoro e nel raccontare la sua terra. Sto parlando di Neil Oliver e la sua History of Scotland.
Lui è un archeologo appassionato e appassionante… credetemi!

Saltiamo di palo in frasca e andiamo in Giappone. Mai letto L’Impero del Sole di James Ballard? Forse avrete visto il film ma io vi consiglio le pagine scritte da Ballard. Lui è un genio e vi trascinerà con lui nella sua vera infanzia all’ombra del Sol Levante.

Per l’Irlanda vi riservo una proposta ironica ed estremamente piacevole. Sto parlando di Tony Hawks e il racconto che ha scritto dopo aver girato l’Isola di Smeraldo in autostop… in compagnia di un Frigo! Voleva dimostrare che gli irlandesi sono così alla mano da caricare te e il tuo frigo senza problemi. Il libro si intitola Mr.Fridge e riderete dalla prima all’ultima pagina.

L’ultima proposta è da intentidori o da pazzi studiosi. Se amate le Terre Celtiche non potete perdervi la lettura dei Canti di Ossian. C’è la versione inglese trascritta da un poeta pre-romantico Scozzese che si chiama James Macpherson. C’è la versione romantica italiana scritta e rivista da Melchiorre Cesarotti. Oltre a portare la vostra mente in brughiere sferzate dal vento… vi porterà dentro i principi base del romanticismo europeo. Interessante … ma capisco che possa non incuriosire tutti.

Ecco… avete preso appunti? Vi siete segnati che cosa comprare prima di partire?

Vi attendo al ritorno da qualsiasi viaggio così mi farete sapere cosa avete letto e che emozioni vi ha regalato.

Foto di Luca Gerla Laszlo

A proposito dell'autore

Giovy Malfiori

Travel blogger e scrittrice freelance: classe 1978, sbrindola, poliglotta e viaggiatrice per indole. Nasco e cresco in Veneto, divento grande in Svizzera per poi coltivare le gioie del cuore in Emilia. Mi piace viaggiare con i mezzi pubblici, con gli occhi ben aperti e con il cuore curioso. Ho una passione sfrenata per le Isole Britanniche e per i piccoli luoghi che non aspettano altro che essere raccontati.

Post correlati

2 Risposte

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: